Venerdì 18 Settembre 2020 | 11:42

NEWS DALLA SEZIONE

il bollettino
Coronavirus, in Basilicata oggi nessun nuovo caso: analizzati 483 tamponi

Coronavirus, in Basilicata oggi nessun nuovo caso: analizzati 483 tamponi

 
calcio
Longo non ha dubbi: «Il Lecce sarà grande protagonista in Serie B»

Longo non ha dubbi: «Il Lecce sarà grande protagonista in Serie B»

 
regionali
Regionali Puglia, le regole anti-Covid al seggio: distanza, matite sanificate, mascherine

Puglia al voto, regole al seggio: distanza, matite sanificate, mascherine

 
contagi
Coronavirus, focolaio a Polignano: sindaco rinvia apertura scuole

Coronavirus, focolaio a Polignano: sindaco rinvia apertura scuole

 
nel foggiano
Vieste: dieci migranti sbarcano all'alba sulla costa, ci sono anche bimbi piccoli

Vieste: dieci migranti sbarcano all'alba sulla costa, ci sono anche bimbi piccoli

 
Il caso
Potenza, licenziato per il Covid . «È stato in Sardegna...»

Melfi, operaio licenziato perché ha preso il Covid: «È stato in Sardegna»

 
Originari del Napoletano
Si fingevano carabinieri e avvocati e truffavano anziani nel Brindisino: 6 arresti

Si fingevano carabinieri e avvocati e truffavano anziani nel Brindisino: 6 arresti

 
La decisione
Alta velocità Bari-Napoli: finanziamento record di 2 mld da Banca europea investimenti

Alta velocità Bari-Napoli: finanziamento record di 2 mld da Banca europea investimenti

 
Coronavirus
Casarano, positiva al Covid anche moglie carabiniere contagiato

Casarano, positiva al Covid anche moglie carabiniere contagiato

 
Verso il voto
Bari, Vendola con le Sardine in piazza: «Torno per evitare che ritorni Fitto»

Bari, Vendola con le Sardine in piazza: «Torno per evitare che ritorni Fitto»

 
Verso il voto
Regionali Puglia, governatori di FI con Fitto: foto di gruppo in via Sparano

Regionali 2020, governatori di FI con Fitto: «Fare rete al Sud»
Berlusconi: «La Puglia non ci deluderà»

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, mister Auteri: «Esordio impegnativo in casa della Virtus Francavilla»

Bari calcio, mister Auteri: «Esordio impegnativo»
Marras: «Obiettivo promozione»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Materanel Materano
Pisticci, arrestato 36enne: era ricercato in tutta Europa

Pisticci, arrestato 36enne: era ricercato in tutta Europa

 
Baricontagi
Coronavirus, focolaio a Polignano: sindaco rinvia apertura scuole

Coronavirus, focolaio a Polignano: sindaco rinvia apertura scuole

 
BatIl caso
Canosa, «No a ristoranti o bar nell’ex Filantropica»

Canosa, «No a ristoranti o bar nell’ex Filantropica»

 
TarantoAmbiente
Taranto, impianti dell’Amiu. Regione in campo

Taranto, impianti dell’Amiu: regione in campo

 
BrindisiL'evento
Brindisi, per il «Giro d’Italia» del 9 ottobre scuole chiuse e viabilità modificata

Brindisi, per il «Giro d’Italia» del 9 ottobre scuole chiuse e viabilità modificata

 
LecceIl fatto
Lecce, «Alunni picchiati e maltrattati». Indagate due insegnanti

Salento, «Alunni picchiati e maltrattati». Indagate due insegnanti

 
Foggianel foggiano
Vieste: dieci migranti sbarcano all'alba sulla costa, ci sono anche bimbi piccoli

Vieste: dieci migranti sbarcano all'alba sulla costa, ci sono anche bimbi piccoli

 
PotenzaIl caso
Potenza, licenziato per il Covid . «È stato in Sardegna...»

Melfi, operaio licenziato perché ha preso il Covid: «È stato in Sardegna»

 

i più letti

L'emergenza sanitaria

Coronavirus, in Puglia atteso il boom epidemico: previsti 2mila infetti. Pronti gli «ospedali Covid».
Nel Foggiano 27 ricoverati, 8 gravi

Al "Miulli" un’ala con 300 posti letto indipendente e autonoma dal resto del complesso ospedaliero: "Spazi divisi, da noi in totale sicurezza per tutti". Altri ospedali dedicati nel Salento e anche Asclepios al Policlinico di Bari

Ospedale Miulli, Strada Prov. 127 Acquaviva – Santeramo Km. 4,100, 70021 Acquaviva delle Fonti BA, Italia

Il Miulli: piena sicurezza per tutti, spazi divisi e indipendenti

La Puglia, come al Nord, sceglie la via degli ospedali “dedicati Covid” per affrontare l’emergenza coronavirus. Il piano predisposto dalla Regione per fronteggiare l’atteso picco di contagi (il numero dei positivi cresce giorno dopo giorno con percentuali a due cifre) prevede una rete di strutture sanitarie riservate esclusivamente al trattamento degli ammalati da COVID 19. Un modo per evitare diffusioni del virus esterni di personale sanitario e gente comune in strutture di degenza ordinaria e concentrare in un unico sito dedicato i trattamenti riservati per la cura dei pazienti contagiati. Per tale ragione è necessario restare a casa il più possibile ed evitare contatti con altre persone e incorrere in rischi di contagi.


 
IL MIULLI PRIMO OSPEDALE DEDICATO - I numeri parlano di circa mille posti letto dedicati in questi cosiddetti Ospedali Covid ciascuno dei quali disporrà di posti di terapia intensiva. Si tratta di ospedali per “acuti” in cui confluiranno tutti i pazienti positivi al virus che vanno ospedalizzati. La prima struttura che sarà attivata è il "Miulli" di Acquaviva con una intera ala (indipendente) da 300 posti letto dedicati all’emergenza coronavirus. Si tratta di un blocco completate autonomo da resto della struttura sanitaria: 48 posti saranno destinati alla terapia intensiva (in cui sono trattati i pazienti affetti da polmonite intersrtiziale, ovvero i casi con comorbilità) e 14 alla Rianimazione. A partire da lunedì saranno disponibili i primi 100 posti letti cui si aggiungeranno gli altri 200 man mano che crescerà la domanda di ricoveri. Idem per altri hub, tra cui due in Salento: il Dea di Lecce (con 50 posti letto) oltre all’ospedale di Copertino. Ma la rete è in fase di aggiornamento e soprattutto sono in atto le organizzazioni all'interno delle strutture: man mano che la gente viene dimessa i posti letto non sono più occupati.

STRUTTURE ASSOLUTAMENTE SEPARATE - A riguardo, la struttura precisa: "L’Ospedale “F. Miulli” sta rispondendo con rapidità, senso di responsabilità e abnegazione cristiana alle indicazioni regionali, così da controbattere all’emergenza coronavirus. L’Ente Miulli ha diviso gli spazi deputati alla ricezione e alle cure dei casi positivi al Covid-19 dal resto della struttura ospedaliera. Tale divisione compartimentale garantisce dunque la totale sicurezza del resto delle attività dell’Ospedale rivolte al personale e all’utenza. Infatti sia i percorsi di accesso che quelli interni, nonché le attrezzature utilizzate e finanche le vie aeree sono rigidamente separate affinché non vi sia alcuna possibilità di contagio per tutti coloro che sono nella struttura".

AL POLICLINICO DEDICATO IL PADIGLIONE DI ASCLEPIOS - A Bari, invece, sarò il padiglione di Asclepiosi interamente dedicato al Covid 19: anche questa struttura, assolutamente indipendente e con corsie autonome di accesso, disporrà di posti letto di terapia intensiva. Sono cominciate oggi le operazioni di trasferimento dei reparti attualmente ospitati ad Asclepios per fare spazio alla nuova organizzazione.  A lasciare l’edificio sono state già le unità operative complesse di Medicina Riabilitativa e Urologia. Nei prossimi giorni il trasloco continuerà con gli altri reparti. Il piano prevede lo spostamento dei pazienti ricoverati e di tutta la documentazione clinica in altri plessi del Policlinico di Bari. Gli ambienti svuotati saranno puliti e sanificati, pronti a ospitare i casi gravi di Coronavirus accertati.

 LA RETE DI POSTI DI TERAPIA INTENSIVA - Sulla base della direttive del Ministero della Salute, la Regione ha previsto – secondo una stima di 2mila infetti – la metà dei posti letto per i ricoveri da Coronavirus. Per quanto riguarda la terapia intensiva, la rete dei posti letto in tutta la regione consta di 289 posti letto, inclusi quelli della rete privata accreditata. Una parte di questi saranno staccati (almeno una cinquantina) e messi a disposizione della rete Covid unitamente ad altri 209 letti di terapia intensiva che la Regione ha programmato di attivare. L’obiettivo è garantire comunque l’assistenza ai pazienti affetti da altri patologie che necessitano comunque di assistenza intensiva o Rianimazione.


 
I TEMPI DI CONSEGNA DELLE ATTREZZATURE - Il vero problema, però, come in altre parti d’Italia, restano gli approvvigionamenti. Per attivare un posto di terapia intensiva – diverso da quello di Rianimazione – servono alcune attrezzature dedicate tra cui un ventilatore polmonare e un monitor per i parametri vitali oltre ai set di supporto. Purtroppo le tempistiche di consegna delle attrezzature sanitarie non sono allineate con le previsioni fatte dalla Protezione civile ed è questo – insieme al personale – uno dei problemi che rischia di mettere in crisi il sistema.
 
LE STRUTTURE DI DEGENZA FASE POST ACUTA - Ma non è tutto. Al fine di garantire comunque una disponibilità di posti letto per i pazienti “acuti” da virus, la Regione ha programmato anche una rete di letti “post acuzie” in cui dirottare i "guariti" ma con il virus attivo che necessitano solo di un monitoraggio a distanza senza particolari attenzioni: è il caso, ad esempio, del militare barese guarito da giorni ma rimasto in ospedale per precauzione pur avendo ormai neutralizzato il virus. Alcune di queste strutture individuate sono, ad esempio, il presidio di Triggiano (100 posti letto) e quello di Terlizzi (50 letti) così come altri in fase di organizzazione su base territoriale. Il problema di una parte del personale potrà essere risolto anche grazie allo sblocco della graduatoria degli Oss (operatori socio sanitari): si tratta di oltre 2mila persone che saranno integrate nella rete assistenziale. Un contingente che non fa parte di quelli extra chiesti dalla Regione al Ministero.

SAN GIOVANNI ROTONDO, 10 POSITIVI, UNO IN RIANIMAZIONE - Sono 10 i pazienti risultati positivi e sintomatici al Coronavirus, tra transitati e degenti, nell’ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, nel Foggiano. Il nosocomio informa che dei 10 contagiati un solo paziente è ricoverato in rianimazione mentre altri 5 sono assistiti in area protetta in attesa di trasferimento. Quattro, invece, erano già stati trasferiti in un’altra struttura pubblica designata dalla Regione Puglia.

L’ospedale voluto da San Pio fa sapere che «ad eccezione del paziente in terapia intensiva, la degenza degli altri pazienti è da associare ad altre patologie preesistenti». Sono 76, invece, i dipendenti dell’ospedale in quarantena essendo entrati in contatto con pazienti risultati sintomatici e positivi. «Dieci dei 76 - si apprende - sono diventati sintomatici e positivi presso il proprio domicilio senza che abbiano avuto bisogno di cure ospedaliere».

17 RICOVERATI A FOGGIA - Sono 17 i pazienti positivi al Covid-19 ricoverati al Policlinico di Riuniti di Foggia: 10 sono ricoverati nel reparto di malattie infettive e 7 in rianimazione. Tra questi ultimi c'è una persona anziana il cui quadro clinico è definito «preoccupante».
«Abbiamo una situazione di assoluto contenimento - spiega il direttore generale del Policlinico, Vitangelo Dattoli - attualmente abbiamo a disposizione 20 posti letto nel reparto di malattie infettive che dal prossimo 23 marzo diverranno 100; così come i 15 posti letto della rianimazione saliranno a 30».

DECARO: 140 BARESI IN QUARANTENA FIDUCIARIA -  «A Bari ci sono 140 persone in quarantena fiduciaria, cinque delle quali positive» al Coronavirus «fino a qualche giorno fa. Ho chiesto i dati aggiornati dei contagiati e li avrò entro stasera. Tutte le altre sono persone che, stando a un’indagine fatta dalla Asl, sono state a contatto diretto con i contagiati». Lo ha comunicato il sindaco di Bari, Antonio Decaro, durante una diretta Facebook nella quale ha risposto alle domande dei cittadini in questi giorni di limitazioni agli spostamenti per l'emergenza sanitaria.
Decaro ha inoltre spiegato che, dopo i cinque passeggeri arrivati stamattina in stazione a Bari provenienti da Milano e Torino, «potrebbero arrivarne nel pomeriggio altri 29 a bordo dei treni provenienti da Venezia, Roma e Milano, stando ai biglietti acquistati». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie