Lunedì 21 Settembre 2020 | 15:09

NEWS DALLA SEZIONE

Sport femminile
Motta Montecorvino, Giro d'Italia donne un grande successo

Motta Montecorvino, Giro d'Italia donne un grande successo

 
dati regionali
Coronavirus, in Puglia 81 casi positivi (37 nel Barese) e 1.896 test effettuati: un morto nel Tarantino

Coronavirus, in Puglia 81 positivi (37 nel Barese) e 1.896 test effettuati: un morto nel Tarantino
Focolai a Bari e Foggia

 
Calcio serie B
Andreazzoli lancia il Lecce: reciterà da protagonista

Andreazzoli lancia il Lecce: «Reciterà da protagonista»

 
Calcio serie C
Il Bari accende la luce: la settimana degli esordi

Il Bari accende la luce: la settimana degli esordi

 
L'intervista
Willis fa già il brindisino: Italia io pronto per te

Willis fa già il brindisino: «Italia, pronto per te»

 
la protesta
Mittal Taranto, operai bloccano SS 100 davanti alla fabbrica

Mittal Taranto, rimosso blocco operai sulla SS 100: giovedì sciopero e sit-in a Roma

 
i dati regionali
Coronavirus, in Basilicata 7 nuovi positivi: analizzati 409 tamponi durante week end

Coronavirus, in Basilicata 7 nuovi positivi: analizzati 409 tamponi durante week end

 
Elezioni 2020
Avigliano, entra in cabina e fotografa scheda elettorale: denunciato 47enne

Avigliano, entra in cabina e fotografa scheda elettorale: denunciato 47enne

 
Il contagio nelle Rsa
Coronavirus Puglia, nuova emergenza nelle Rsa

Coronavirus Puglia, nuova emergenza nelle Rsa: 18 contagi nell’Oasi Santa Fara a Bari
Focolaio Polignano: 101 i positivi

 
Elezioni 2020
Foggia, rubano pistola nel seggio a finanziere dopo averlo narcotizzato

Foggia, rubano pistola nel seggio a finanziere dopo averlo narcotizzato
Sigilli integri nelle sezioni

 
elezioni 2020
Election day, riaperti i seggi: si vota oggi fino alle 15

Election day, riaperti i seggi: si vota oggi fino alle 15

 

Il Biancorosso

Calcio serie C
Il Bari accende la luce: la settimana degli esordi

Il Bari accende la luce: la settimana degli esordi

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoEmergenza Rsa
Ora 6 i morti per Covid-19 a Villa Genusia a Ginosa

Ora 6 i morti per Covid-19 a Villa Genusia a Ginosa

 
BariIl contagio di ritorno
Coronavirus, tampone per il Covid-19

Coprifuoco a Cassano: salgono a 15 i casi di covid, chiusi i bar alle 20.30

 
BatL'addio di un amico
Barletta, addio a Pasquale meccanico alla Ferrari morto per infarto

Barletta, addio a Pasquale meccanico alla Ferrari morto per infarto

 
Foggiala denuncia
Cerignola, roghi notturni e cattivo odore: proteste dai rioni per l'inquinamento

Cerignola, roghi notturni e cattivo odore: proteste dai rioni per l'inquinamento

 
Materacontrolli della ps
Policoro, era ai domiciliari e spacciava in casa eroina e cocaina: 30enne in carcere

Policoro, era ai domiciliari e spacciava in casa eroina e cocaina: 30enne in carcere

 
Potenzai dati regionali
Coronavirus, in Basilicata 7 nuovi positivi: analizzati 409 tamponi durante week end

Coronavirus, in Basilicata 7 nuovi positivi: analizzati 409 tamponi durante week end

 
LecceAsfalto insidioso
Schianto e poi scoppia rogo a Porto Cesareo: in coma un 27enne

Porto Cesareo, l'auto si schianta contro albero e prende fuoco: in coma un 27enne

 
BrindisiIl caso
Fasano, rapina allo Zoosafari: ladri scappano con l'incasso

Fasano, rapina allo Zoosafari: ladri scappano con l'incasso

 

i più letti

Lavoro

Ex Ilva, i sindacati: «Non pagata integrazione Cigs, uno scandalo». Catalfo: «In arrivo, no polemiche»

Per Usb e Fim: «È una leggerezza del governo»

Ilva, nel piano Mittal Marcegagliaspuntano oltre 2400 esuberi

TARANTO -  «Un altro scandaloso colpo ai danni dei lavoratori in cassa integrazione dell’Ilva in AS che per beghe e cavilli burocratici si vedono decurtate le loro retribuzioni». Lo denuncia Valerio D’Alò della segretaria nazionale Fim Cisl riferendosi al fatto che l’Ilva in amministrazione straordinaria non ha corrisposto ai suoi 1800 dipendenti in cassa integrazione straordinaria, dichiarati in esubero e non assunti da ArcelorMittal a novembre 2018, l'integrazione salariale del 10%. In questo mese l’importo erogato da Ilva è inferiore o in alcuni casi nullo (per chi non beneficia degli assegni familiari) proprio a causa della mancanza dell’integrazione salariale che è stata finanziata nel decreto Milleproroghe da parte del Governo, ma si è ancora in attesa della conversione in legge. «I lavoratori - puntualizza D’Alò - si vedranno decurtate di circa 200 euro le proprie retribuzioni. E’ inaccettabile che a seguito delle rassicurazioni e delle passerelle da parte della politica, come ripetiamo da tempo, a pagare siano i lavoratori. Il Governo comprenda che non si può giocare con le famiglie e le scadenze che ogni mese i lavoratori hanno. Si ripristini - aggiunge - la condizione quanto prima e non escludiamo la mobilitazione dei lavoratori». La misura dovrebbe essere corrisposta con gli arretrati della mensilitá di gennaio nel cedolino di marzo 2020.

«Abbiamo sollecitato per tempo il governo, ma ad oggi nulla è stato inserito nelle buste paga dei lavoratori. Riscontriamo una evidente leggerezza, quasi indifferenza, nei confronti della città di Taranto, contrariamente ai vari annunci». Lo sottolinea il coordinatore provinciale dell’Usb di Taranto, Francesco Rizzo, commentando la mancata corresponsione ai 1800 dipendenti in cassa integrazione straordinaria dell’Ilva in As dell’integrazione salariale del 10%, che è stata finanziata nel decreto Milleproroghe, ma si è ancora in attesa della conversione in legge. «A dir poco imbarazzante - aggiunge Rizzo - vedere il premier Conte che insegue Arcelor Mittal, quasi pregandolo di rimanere in Italia, in particolare a Taranto, e andando spudoratamente contro la volontà popolare. Il Governo del popolo, così si è autoproclamato, soprattutto nella sua componente Cinque Stelle, ma di fatto l’esecutivo, sta facendo tutt'altro rispetto a quello che la comunità vorrebbe di fronte ad una multinazionale che si è già mostrata per quello che è».
Il sindacalista evidenzia anche le problematiche dell’appalto-indotto. «Diverse - sostiene Rizzo - sono le ditte che comunicano il mancato impegno onorato da parte di Mittal, comportamento questo che mette in difficoltà moltissimi lavoratori e rispettive famiglie. Il risultato è uno stato di grande confusione e precarietà. Invitiamo dunque il territorio - conclude - ad una unità di intenti mirata a reagire in maniera costruttiva di fronte a questo gioco al massacro di cui fanno le spese sempre i cittadini e i lavoratori di Taranto».

LE PAROLE DEL MINISTRO CATALFO - «L'emendamento al decreto Milleproroghe è già stato depositato e ha ricevuto anche l’ok della Ragioneria generale dello Stato, ora attendiamo solo l'approvazione del provvedimento che avverrà nei prossimi giorni. L’emendamento stesso garantirà la continuità del sostegno al reddito per i lavoratori dipendenti delle aziende del gruppo Ilva in amministrazione straordinaria per l’anno 2020, prorogando così misure già in vigore negli anni 2018- 2019». Lo precisano il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo e il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Mario Turco.
«Inutile quindi ingenerare preoccupazioni che non fanno bene ad un territorio già segnato da contrapposizioni e polemiche - aggiungono i due esponenti di Governo -. Lavoriamo insieme per costruire e non per dividere». 

GIOVEDì INCONTRO INDOTTO - Il prefetto di Taranto, Demetrio Martino, ha convocato per giovedì 13 febbraio alle ore 11 in Prefettura il tavolo di crisi sull'indotto-appalto ArcelorMittal, che era stato chiesto nei giorni scorsi da Confindustria Taranto e dai sindacati confederali. Invitata anche ArcelorMittal.
All’ordine del giorno lo stato dei pagamenti alle imprese da parte della multinazionale che nei giorni ha precisato di aver erogato alle imprese, dall’inizio di gennaio 2020 ad oggi, circa 20 milioni e altri 6 milioni sono in arrivo. L’associazione degli industriali continua a lamentare invece ritardi nei pagamenti e la corresponsione alle imprese solo di acconti sullo scaduto. L’azienda ha anche annunciato l’attivazione di un numero telefonico dedicato a cui gli imprenditori possono rivolgersi per segnalare i loro problemi.

PRESIDIO IN PREFETTURA - Giovedì prossimo, in occasione del tavolo convocato dal prefetto di Taranto Demetrio Martino sulla questione dell’indotto-appalto dello stabilimento siderurgico, a cui sono stati invitati sindacati, Confindustria e ArcelorMittal, i lavoratori dell’Ilva in As terranno un presidio dinanzi alla Prefettura. Lo annunciano Fim, Fiom e Uilm spiegando di aver chiesto ufficialmente al prefetto di affrontare, a margine dell’incontro, anche la questione dell’integrazione salariale del 10% per i lavoratori di Ilva in AS non erogata questo mese.
Il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Mario Turco, hanno spiegato in una nota che «l'emendamento è già stato depositato e ha ricevuto anche l’ok della Ragioneria generale dello Stato, ora attendiamo solo l’approvazione del provvedimento che avverrà nei prossimi giorni». Fim, Fiom e Uilm ribadiscono che «con i cedolini, visualizzati in data odierna dal portale My Ilva» i lavoratori hanno «constatato il mancato pagamento dell’integrazione salariale del 10 per cento con conseguente retribuzione pari a zero euro. Il governo deve dare risposte ai lavoratori sugli impegni assunti» anche in base «all’accordo del 6 settembre 2018».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie