Sabato 04 Luglio 2020 | 02:13

NEWS DALLA SEZIONE

Cultura e occupazione
Puglia, l'appello dei lavoratori dello spettacolo a Emiliano: «Sblocchi le risorse»

Puglia, l'appello dei lavoratori dello spettacolo a Emiliano: «Sblocchi le risorse»

 
Meteo
Maltempo, in arrivo vento forte e rischio temporali: allerta gialla in Puglia

Maltempo, in arrivo vento forte e rischio temporali: allerta gialla in Puglia

 
Enogastronomia salentina
Caprarica, riparte l’estate e torna in tavola sua maestà il tartufo salentino

Caprarica, riparte l’estate e torna in tavola sua maestà il tartufo salentino

 
Il bollettino nazionale
Coronavirus Italia, 223 nuovi contagi e 15 morti nelle ultime 24 ore

Coronavirus Italia, 223 nuovi contagi e 15 morti nelle ultime 24 ore

 
verso il voto
Regionali, sindaco di Lucera si dimette per candidarsi

Regionali, sindaco di Lucera si dimette per candidarsi

 
Cultura e spettacoli
Bari, Lector in fabula prepara il format radio-televisivo

Bari, Lector in fabula prepara il format radio-televisivo

 
LA LETTERA
Regionali, Conte scrive ad Emiliano: «Urgono in Puglia norme per preferenza di genere»

Puglia, Conte scrive ad Emiliano: «Urgono norme per preferenza di genere». In Commissione il 15 luglio. Emiliano replica: «È mia priorità»

 
Dal 6 luglio
Università di Bari, ripartono le sedute di laurea in presenza: da settembre via anche gli esami

Università di Bari, ripartono le sedute di laurea dal vivo: presente anche il ministro Boccia

 
il futuro del siderurgico
Mittal Taranto, ministro Patuanelli: «Lo Stato c'è, l'azienda è remissiva»

Mittal Taranto, Patuanelli: «Lo Stato c'è, l'azienda è remissiva»

 
Serie A
Lecce calcio, Liverani: «Essere positivi per la salvezza»

Lecce calcio, Liverani: «Essere positivi per la salvezza»

 
Calcio serie C
Foggia, seconda in Italia per affluenza allo stadio

Foggia, seconda in Italia per affluenza allo stadio

 

Il Biancorosso

SERIE C
Bari calcio, Schiavone: «In campo sempre per vincere»

Bari calcio, Schiavone: «In campo sempre per vincere»

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVIl video
Bari, incivili festeggiano a Largo Giannella: all'alba i resti del degrado

Bari, incivili festeggiano a Largo Giannella: all'alba i resti del degrado

 
LecceEmergenza nel territorio
Le campagne in balìa delle bande. Maxi-furto sventato in extremis

Salento, le campagne in balìa delle bande: maxi-furto sventato in extremis

 
FoggiaIl salvataggio
Tartaruga in difficoltà perde uova in mare: visitata nel centro di Manfredonia

Tartaruga in difficoltà perde uova in mare: visitata nel centro di Manfredonia

 
MateraIl caso
Matera, minaccia di morte la moglie poi va in questura con un taglierino: arrestato

Matera, minaccia di morte la moglie poi va in questura con un taglierino: arrestato

 
Potenzasicurezza
Potenza, Tempa Rossa: «risultati analisi non concordanti»

Potenza, Tempa Rossa: «Risultati analisi non concordanti»

 
Tarantofase3
Taranto, uffici comunali: pronta ordinanza per riaprirli al pubblico

Taranto, uffici comunali: pronta ordinanza per riaprirli al pubblico

 
Brindisinel brindisino
Fasano, sparò all'interno di un bar arrestato 32enne: era ricercato anche per traffico di droga

Fasano, sparò all'interno di un bar arrestato 32enne: era ricercato anche per traffico di droga

 
Batfase 3
Asl BAT, dopo 4 mesi accesso controllato negli ospedali

Asl BAT, dopo 4 mesi accesso controllato negli ospedali

 

i più letti

L'inchiesta

Olio, cresce la qualità ma i prezzi precipitano: in un mese Puglia -20%

Delusione e rabbia. Produttori sul piede di guerra: «È una autentica beffa»

olio d'oliva

Le gelate prima sferzano i campi ed ora i prezzi dell’olio extravergine d’oliva che, in un solo mese, perdono il 20% (si prevede un ulteriore calo). Olivicoltori, produttori e frantoiani italiani (pugliesi in primis) sono vittime delle importazioni record da Spagna e Tunisia.

Dopo l’annus horribilis scorso funestato dalla mancata produzione - figlia delle gelate di febbraio 2018 - e dalla Xylella fastidiosa, la batteriosi che continua a distruggere gli uliveti del Salento minacciando anche quelli della Terra di Bari, anche la nuova campagna, che avrebbe dovuto consentire il riscatto al settore, suscita malumori e delusioni. Alla base del malcontento sono di certo i prezzi in picchiata. I dati fotografano con precisione la situazione: la prima rilevazione della nuova campagna da parte della Borsa merci di Bari, il cui valore è da sempre riferimento delle contrattazioni, lo scorso 29 ottobre registrava un prezzo che oscillava tra i 4,50 e 4,60 euro al chilo. Un mese dopo, il 26 novembre, la stessa Borsa merci registrava una forbice dei prezzi tra i 3,40 e i 3,80 euro al chilo.

Un crollo di oltre un euro che avvicina in misura sensibile il prezzo dell’extravergine d’oliva italiano ai livelli del prodotto spagnolo. Agricoltori e organizzazioni sono da settimane sul piede di guerra. «Nonostante una buona ripresa produttiva e una qualità eccellente del prodotto, il mercato dell’olio quest’anno ancora non decolla: gli acquirenti aspettano, le cisterne si riempiono e chi ne paga le conseguenze sono come al solito i produttori e i frantoiani», denuncia Gennaro Sicolo, presidente di Italia Olivicola, che insieme alla Cia nazionale, ha per primo lanciato l’allarme. «Sotto i 4,50 euro al chilo nessun prezzo può essere giusto perché non remunera i coltivatori, che devono fare un buon olio, investire per preparare la campagna dell’anno successivo e guadagnarci anche qualcosa, se possibile», fa chiarezza il presidente di Italia Olivicola.

«I produttori e i frantoiani - rimarca Sicolo - continuano a rappresentare l’anello debole della catena e questi comportamenti di certo non agevolano la ripartizione del valore tra tutti i protagonisti della filiera. Vendere un prodotto d’eccellenza a un prezzo stracciato significa non recuperare nemmeno le spese sostenute dagli agricoltori per lavorare e irrigare i terreni e curare le piante». «Dopo la disastrosa annata passata, la peggiore di sempre, questa bolla commerciale - avverte - mette in ginocchio migliaia di famiglie e un intero settore simbolo del made in Italy. Per questo auspichiamo una ripresa delle contrattazioni per evitare il naufragio della campagna olivicola e porre rimedio a questa situazione prima che sia troppo tardi».

E chissà che la svolta non possa arrivare domani, giorno in cui è previsto un «tavolo sull’emergenza» convocato a Roma dal ministro Teresa Bellanova. «Confidiamo nel lavoro di concertazione del ministro e del sottosegretario, ma occorre davvero fare presto e coinvolgere la grande distribuzione che non può essere esente da responsabilità anche perché gli scaffali non sono gestiti né dagli agricoltori né da commercianti ed industriali», evidenzia Dino Scanavino, presidente nazionale della Cia, che aggiunge: «Dal canto nostro stiamo lavorando con le nostre cooperative mettendo a deposito l’olio dei nostri soci e cercando di dare risposte a loro: le nostre strutture, costruite con impegno e sacrifici negli anni sono, però, a disposizione dei produttori e del sistema olivicolo italiano per provare a frenare questo crollo dei mercati».

«Ora più che mai - conclude il numero uno della Cia - occorre lavorare per unire la produzione, per rinforzare il sistema delle cooperative: la disgregazione degli agricoltori è l’arma migliore per chi incide sui mercati e indebolisce proprio i produttori».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie