Mercoledì 26 Febbraio 2020 | 05:54

NEWS DALLA SEZIONE

Serie C
Bari in trasferta a Terni per non perdere la speranza

Bari in trasferta a Terni per non perdere la speranza: ma niente tifosi

 
L'iniziativa
Tumori, screening senologico personalizzato: Lilt promuove il progetto Ue

Tumori, screening senologico personalizzato: Lilt promuove il progetto Ue

 
Avviato l'iter
Polignano, ok da giunta regionale a Parco Ripagnola: la parola al consiglio

Polignano, ok da giunta regionale a Parco Ripagnola: la parola al consiglio

 
L'inchiesta
Bari, crac Ferrovie Sud Est: chiesto processo per ex vertici Bnl

Bari, crac Ferrovie Sud Est: chiesto processo per ex vertici Bnl

 
I provvedimenti
Coronavirus, in Puglia 100 test, tutti negativi. I tamponi? «Inutili». Rientri dal Nord, in arrivo nuove regole

Coronavirus, in Puglia 100 test, tutti negativi. Rientri dal Nord, in arrivo nuove regole. «Servono 300mila mascherine»

 
L'invito
Coronavirus, l'invito dell'arcivescovo di Foggia: «Non scambiatevi il segno di pace»

Coronavirus, l'arcivescovo di Foggia: «Non scambiatevi il segno di pace a messa»

 
Lo stadio
Bari, la tribuna est superiore del San Nicola è biancorossa: ecco i nuovi seggiolini

Bari, la tribuna est superiore del San Nicola è biancorossa: ecco i nuovi seggiolini

 
L'omicidio di Filomena Bruno
Orta Nova, uccisa dall'ex genero, i familiari citano in causa i cc: «Protezione fu insufficiente»

Orta Nova, uccisa dall'ex genero, i familiari citano in causa i cc: «Protezione fu insufficiente»

 
Il caso
Foggia, revocato obbligo di dimora per Napoleone Cera

Foggia, revocato obbligo di dimora per Napoleone Cera

 
Misterioso agguato
Sparatoria a Gioia del Colle, 70enne ferito a torace e gamba

Sparatoria a Gioia del Colle, 70enne ferito da tre proiettili a torace e gamba

 
I dati
Vino, boom per primitivo di Manduria: nel 2019, prodotte 23mln di bottiglie

Vino, boom per primitivo di Manduria: nel 2019 prodotte 23mln di bottiglie

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari in trasferta a Terni per non perdere la speranza

Bari in trasferta a Terni per non perdere la speranza: ma niente tifosi

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiL'indagine
Inchiesta porto Brindisi, chiuse indagini per 13 persone

Inchiesta porto Brindisi, chiuse indagini per 13 persone

 
BariL'udienza
Acquaviva, uccise il marito a coltellate: chiesto processo per 29enne

Acquaviva, uccise il marito a coltellate: chiesto processo per 29enne

 
TarantoI controlli
Taranto, due arresti per droga: in manette 21enne e 40enne

Taranto, due arresti per droga: in manette 21enne e 40enne

 
FoggiaL'invito
Coronavirus, l'invito dell'arcivescovo di Foggia: «Non scambiatevi il segno di pace»

Coronavirus, l'arcivescovo di Foggia: «Non scambiatevi il segno di pace a messa»

 
MateraIl concorso
Racconti, foto, ricette e poesie per promuovere il pane di Matera

Racconti, foto, ricette e poesie per promuovere il pane di Matera

 
LecceL'operazione Camaleonte
Lecce, falsi documenti per truffare banche e assicurazioni: 4 arresti

Lecce, falsi documenti per truffare banche e assicurazioni: 4 arresti

 
BatTeppisti
Trani, vandali in azione nel mirino auto e fioriere

Trani, vandali in azione nel mirino auto e fioriere

 

i più letti

L'inchiesta

Olio, cresce la qualità ma i prezzi precipitano: in un mese Puglia -20%

Delusione e rabbia. Produttori sul piede di guerra: «È una autentica beffa»

olio d'oliva

Le gelate prima sferzano i campi ed ora i prezzi dell’olio extravergine d’oliva che, in un solo mese, perdono il 20% (si prevede un ulteriore calo). Olivicoltori, produttori e frantoiani italiani (pugliesi in primis) sono vittime delle importazioni record da Spagna e Tunisia.

Dopo l’annus horribilis scorso funestato dalla mancata produzione - figlia delle gelate di febbraio 2018 - e dalla Xylella fastidiosa, la batteriosi che continua a distruggere gli uliveti del Salento minacciando anche quelli della Terra di Bari, anche la nuova campagna, che avrebbe dovuto consentire il riscatto al settore, suscita malumori e delusioni. Alla base del malcontento sono di certo i prezzi in picchiata. I dati fotografano con precisione la situazione: la prima rilevazione della nuova campagna da parte della Borsa merci di Bari, il cui valore è da sempre riferimento delle contrattazioni, lo scorso 29 ottobre registrava un prezzo che oscillava tra i 4,50 e 4,60 euro al chilo. Un mese dopo, il 26 novembre, la stessa Borsa merci registrava una forbice dei prezzi tra i 3,40 e i 3,80 euro al chilo.

Un crollo di oltre un euro che avvicina in misura sensibile il prezzo dell’extravergine d’oliva italiano ai livelli del prodotto spagnolo. Agricoltori e organizzazioni sono da settimane sul piede di guerra. «Nonostante una buona ripresa produttiva e una qualità eccellente del prodotto, il mercato dell’olio quest’anno ancora non decolla: gli acquirenti aspettano, le cisterne si riempiono e chi ne paga le conseguenze sono come al solito i produttori e i frantoiani», denuncia Gennaro Sicolo, presidente di Italia Olivicola, che insieme alla Cia nazionale, ha per primo lanciato l’allarme. «Sotto i 4,50 euro al chilo nessun prezzo può essere giusto perché non remunera i coltivatori, che devono fare un buon olio, investire per preparare la campagna dell’anno successivo e guadagnarci anche qualcosa, se possibile», fa chiarezza il presidente di Italia Olivicola.

«I produttori e i frantoiani - rimarca Sicolo - continuano a rappresentare l’anello debole della catena e questi comportamenti di certo non agevolano la ripartizione del valore tra tutti i protagonisti della filiera. Vendere un prodotto d’eccellenza a un prezzo stracciato significa non recuperare nemmeno le spese sostenute dagli agricoltori per lavorare e irrigare i terreni e curare le piante». «Dopo la disastrosa annata passata, la peggiore di sempre, questa bolla commerciale - avverte - mette in ginocchio migliaia di famiglie e un intero settore simbolo del made in Italy. Per questo auspichiamo una ripresa delle contrattazioni per evitare il naufragio della campagna olivicola e porre rimedio a questa situazione prima che sia troppo tardi».

E chissà che la svolta non possa arrivare domani, giorno in cui è previsto un «tavolo sull’emergenza» convocato a Roma dal ministro Teresa Bellanova. «Confidiamo nel lavoro di concertazione del ministro e del sottosegretario, ma occorre davvero fare presto e coinvolgere la grande distribuzione che non può essere esente da responsabilità anche perché gli scaffali non sono gestiti né dagli agricoltori né da commercianti ed industriali», evidenzia Dino Scanavino, presidente nazionale della Cia, che aggiunge: «Dal canto nostro stiamo lavorando con le nostre cooperative mettendo a deposito l’olio dei nostri soci e cercando di dare risposte a loro: le nostre strutture, costruite con impegno e sacrifici negli anni sono, però, a disposizione dei produttori e del sistema olivicolo italiano per provare a frenare questo crollo dei mercati».

«Ora più che mai - conclude il numero uno della Cia - occorre lavorare per unire la produzione, per rinforzare il sistema delle cooperative: la disgregazione degli agricoltori è l’arma migliore per chi incide sui mercati e indebolisce proprio i produttori».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie