Giovedì 02 Luglio 2020 | 14:50

NEWS DALLA SEZIONE

Ripartenza in sicurezza
Covid-19, in Puglia 137.740 tamponi in più entro dicembre

Covid-19, in Puglia 137.740 tamponi in più entro dicembre

 
L'incontro
Riapertura stadi Puglia, Emiliano: «Porterò la proposta al Governo»

Riapertura stadi Puglia, Emiliano: «Porterò la proposta al Governo»

 
la decisione
Marò, arbitrato dà ragione all'Italia: all'India preclusa giurisdizione sui 2 fucilieri

Marò, arbitrato dà ragione all'Italia: preclusa all'India giurisdizione sui 2 Fucilieri della Marina

 
tragedia
Ugento, 74enne muore in mare, forse un malore

Ugento, 74enne muore in mare, forse un malore

 
calcio
Bari, Laribi carica i biancorossi: «Pronti a scrivere un pezzo di storia»

Bari, Laribi carica i biancorossi: «Pronti a scrivere un pezzo di storia»

 
dati regionali
Coronavirus in Basilicata, 254 tamponi tutti negativi: restano solo 2 contagiati in regione

Coronavirus in Basilicata, 254 tamponi tutti negativi: restano solo 2 contagiati in regione

 
fase 3
Puglia, dal 3 luglio riprendono sagre, feste e fiere locali: ecco l'ordinanza

Puglia covid free, Emiliano «riapre» sagre e feste in piazza. Ma occhio alle regole

 
Il caso
Simeone Di Cagno Abbrescia

Bari, la villa del presidente dell'Aqp avrà l'acqua con i soldi pubblici

 
Serie A
Lecce, affondano i giallorossi in casa contro la Sampdoria

Lecce, affondano i giallorossi in casa contro la Sampdoria

 
operazione «Beagle boys»
Matera, rubavano armi della polizia locale in diversi Comuni di Puglia e Basilicata, sgominata banda: 6 in manette

Matera, rubavano armi della polizia locale nei Municipi di Puglia e Basilicata, sgominata banda: 6 in manette VIDEO

 
Social news
Manduria, Emiliano e Zaia insieme per un brindisi alla festa di Bruno Vespa

Manduria, Emiliano e Zaia insieme per un brindisi alla festa di Bruno Vespa

 

Il Biancorosso

calcio
Bari, Laribi carica i biancorossi: «Pronti a scrivere un pezzo di storia»

Bari, Laribi carica i biancorossi: «Pronti a scrivere un pezzo di storia»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceLe nostre coste
Otranto, sigilli in uno stabilimento: lido Zen, 10 indagati a Gallipoli

Otranto, sigilli in uno stabilimento: lido Zen, 10 indagati a Gallipoli

 
MateraLe tradizioni religiose
Matera, è il giorno della Madonna della Bruna: ma niente assalto al carro

Matera, è il giorno della Madonna della Bruna: ma niente assalto al carro FOTO

 
Potenzadati regionali
Coronavirus in Basilicata, 254 tamponi tutti negativi: restano solo 2 contagiati in regione

Coronavirus in Basilicata, 254 tamponi tutti negativi: restano solo 2 contagiati in regione

 
Foggiaestorsioni in campagna
San Giovanni Rotondo, minaccia agricoltori per imporre egemonia sulla raccolta olive: arrestato 40enne

San Giovanni Rotondo, minaccia agricoltori per imporre egemonia sulla raccolta olive: arrestato 40enne

 
BariControlli della polizia
Bari, sfrecciano in auto a Poggiofranco con mezzo chilo di hashish: due in manette

Bari, sfrecciano in auto a Poggiofranco con mezzo chilo di hashish: due in manette

 
BatVerso il voto
Andria, Nino Marmo ha deciso: si candida a sindaco Pastore

Andria, Nino Marmo ha deciso: si candida a sindaco. Commissario FI «Ci ripensi»

 
BrindisiNel brindisino
Erchie, attentato incendiario contro azienda agricola

Erchie, attentato incendiario contro azienda agricola: arrestati 2 giovanissimi

 

i più letti

È di Molfetta

Messico, pirati attaccano nave italiana e sparano: ferito marinaio pugliese

Vincenzo Grosso, 57 anni, era a bordo dell'imbarcazione che è stata abbordata da un commando di malviventi

Messico, pirati attaccano nave italiana e sparano: ferito marinaio pugliese

Un abbordaggio in piena regola, con un gruppo di pirati che ha prima avvicinato e poi assaltato una nave, rapinando l’equipaggio e ferendo due marinai italiani (di cui uno pugliese, di Molfetta in provincia di Bari), fortunatamente in modo non grave. E’ accaduto la notte scorsa nel Golfo del Messico alla Remas, nave battente bandiera italiana che rifornisce le piattaforme petrolifere offshore e che aveva a bordo 35 persone, tra cui 9 italiani.

All’arrivo dei pirati l’equipaggio si è difeso, ma alcuni predoni sono comunque riusciti a salire a bordo. Ne è nata una colluttazione finita con una sparatoria e il ferimento dei due marittimi. «Credevo di vivere in un film. Mi sono trovato cosparso di sangue non mio», ha raccontato il primo ufficiale della nave, Alessandro Fiorenza. La Remas, lunga 75 metri, è di proprietà della Micoperi, un’azienda con base a Ravenna che rappresenta uno dei maggiori contractor dell’industria offshore. I pirati, a bordo di due motoscafi, l’hanno intercettata mentre era in navigazione a poche miglia dalle coste messicane.

Non è chiaro come, ma sei o sette pirati sono riusciti a salire sul ponte e a derubare alcuni marinai. Prima che venissero ricacciati in mare, due uomini della Remas sono rimasti feriti: uno è stato raggiunto al ginocchio da una pallottola, l’altro è stato colpito in testa con un corpo contundente. Si chiamano Andrea Di Palma, di Ravenna, e Vincenzo Grosso, 57 anni, di Molfetta, subito soccorsi e dopo alcune ore sbarcati nel porto di Ciudad del Carmen, dove la nave italiana è arrivata scortata da un’unità militare messicana.

Il figlio dell'uomo ha parlato con il padre, sincerandosi sulle sue condizioni, apprendendo la dimanica dell'assalto. «Mi ha raccontato - ha detto il giovane a Fan Page - che ieri notte, mentre era il suo turno di guardia, sono saliti all’improvviso un gruppo di pirati. Lui ne ha visti cinque, ma non ricorda esattamente se fossero di più. Papà è stato il primo ad essere aggredito -prosegue Guglielmo-. Porta da sempre una collanina, da quando era piccolo. È un regalo dei suoi e quindi, appena uno dei pirati gliel’ha strappata dal collo, non c'ha più visto e così c’è stata subito la colluttazione. Poi però qualcuno lo ha colpito alle spalle con un oggetto contundente, non sa dire quale, fatto sta che lo hanno colpito alla testa facendolo svenire e procurandogli poi due punti di sutura in ospedale». Vincenzo Grosso era a bordo della Remas d poco meno di due mesi: il rientro a Molfetta pare fosse previsto a ridosso delle festività natalizie.

La dinamica dell'aggressione è stata confermata anche dal primo ufficiale in un audio al comandante di rimorchiatore Gianluigi Spinosa: «Hanno massacrato di botte un marinaio che stava di guardia. Hanno puntato le pistole in faccia alla gente» ma «sono riuscito a dare l’allarme», mentre «i pirati passavano dietro di me. Ma non mi hanno fatto nulla, forse perché hanno capito che stavo soccorrendo un ferito».

L’ad di Micoperi Silvio Bartolotti ha raccontato che i pirati «prima hanno bastonato la guardia, poi c'è stato un colpo di pistola» che ha ferito il marinaio ravennate Di Palma a una gamba. «Ma potrebbe essere stato anche uno sparo accidentale, perché è passato attraverso una porta», ha spiegato Bartolotti, secondo il quale i pirati, «quando si sono resi conto che il colpo di pistola aveva creato un problema, si sono spaventati e sono fuggiti», rubando solo una catenina e un telefonino. E prima di scappare, ha detto ancora, uno di loro "ha fatto anche un gesto di umanità: ha allungato al ferito uno straccio per legarsi la gamba».

Per capire esattamente come sono andate le cose però, la Procura di Roma ha aperto un’indagine, affidata dal procuratore aggiunto Francesco Caporale al sostituto Erminio Amelio.

Non è la prima volta che la Micoperi rimane coinvolta in un attacco di pirati. L’11 aprile 2009, pirati somali nel Golfo di Aden sequestrarono un suo rimorchiatore, il Buccaneer, con a bordo 16 persone, tra cui 10 italiani. Dopo un lungo lavorio di contatti, i marinai furono rilasciati solo il 9 agosto. Tre anni dopo la Micoperi tornò alla ribalta delle cronache per una vicenda ben diversa: le operazioni di recupero e trasferimento del relitto della Costa Concordia, naufragata all’isola del Giglio la sera del 13 gennaio 2012.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie