Giovedì 04 Giugno 2020 | 14:27

NEWS DALLA SEZIONE

ripresa
Sindaco De Ruggieri: «A Matera non ci sono più casi di Coronavirus»

Sindaco De Ruggieri: «A Matera non ci sono più casi di Coronavirus»

 
il bollettino
Coronavirus, in Puglia 4 nuovi casi su 2543 tamponi. 3 decessi a Bari e Taranto

Coronavirus, in Puglia 4 nuovi casi su 2543 tamponi. 3 decessi a Bari e Taranto

 
lavoro
Truffa all'Inps nel Potentino: sedici denunciati

Truffa all'Inps nel Potentino: sedici denunciati

 
il bollettino
Coronavirus, la Basilicata non molla: 8 giorni senza nuovi contagi

Coronavirus, la Basilicata non molla: 8 giorni senza nuovi contagi

 
trasporti
Aeroporti: Ryanair riattiva voli da Bari e Brindisi dal 21 giugno

Aeroporti: Ryanair riattiva voli da Bari e Brindisi dal 21 giugno

 
Il racconto
Francesca Mangiatordi e  Elena Pagliarini

«Vi racconto i 100 giorni dell’inferno a Cremona», la testimonianza di una dottoressa di Altamura

 
serie A
Lecce, il botteghino piange un milione di euro in meno

Lecce, il botteghino piange un milione di euro in meno

 
verso il voto
Puglia, nei sondaggi avanti Fitto

Regionali Puglia, nei sondaggi avanti Fitto

 
operazione della gdf
Eroina e cocaina da Lucera al Molise: 6 arresti, smantellato gruppo criminale

Droga da Lucera al Molise: 6 arresti, smantellato gruppo criminale VD

 

Il Biancorosso

serie C
C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

 

NEWS DALLE PROVINCE

Materaripresa
Sindaco De Ruggieri: «A Matera non ci sono più casi di Coronavirus»

Sindaco De Ruggieri: «A Matera non ci sono più casi di Coronavirus»

 
Leccenel salento
Ugento, brucia auto maresciallo Polizia Locale: indagano i cc

Ugento, brucia auto maresciallo Polizia Locale: indagano i cc

 
Potenzalavoro
Truffa all'Inps nel Potentino: sedici denunciati

Truffa all'Inps nel Potentino: sedici denunciati

 
BariTecnologia
«Immuni, applicazione pericolosa e inutile»

«Immuni, applicazione pericolosa e inutile», il parere dell'avvocato

 
Tarantol'onorificenza
Beniamino Laterza

Taranto, un vigilante del «Moscati» ora è Cavaliere della Repubblica

 
Foggianel foggiano
San Severo, in casa eroina e cocaina: giovane pusher ai domiciliari

San Severo, in casa eroina e cocaina: giovane pusher ai domiciliari

 
BrindisiL'intimidazione
Ostuni, incendiata auto a ex sindaco

Ostuni, incendiata auto in pieno giorno: terzo attentato all' ex sindaco

 

i più letti

La polemica

Scintille Emiliano-renziani. Governatore: «Aiutano Lega?». Rosato (Iv): «Emiliano ricordato perchè voleva chiudere Ilva»

Mentre il governatore attacca dopo le dichiarazioni dei renziani, nuova stoccata da Iv che punta l'ìndice contro il comportamento del Governatore sul caso siderurgico

Emiliano e Renzi

Guerra tra Emiliano e renziani

«Ripeto, nulla di personale con Michele Emiliano. Ma i governatori si giudicano dalle cose che hanno fatto. E Michele Emiliano verrà ricordato per quello che ha lavorato per chiudere l’Ilva senza fare quello che andava fatto per la città di Taranto, per aver rifiutato un approccio scientifico con cui fermare la xilella, per la battaglia assurda contro il TAP. Purtroppo questo e tanto altro servono solo a Salvini». Lo dichiara il coordinatore di Italia Viva Ettore Rosato.

----

«Italia Viva si deve dare una regolata, se vuole stare dentro il campo progressista noi siamo pronti ad accoglierli. Se invece vuole aiutare la Lega a vincere le elezioni faccia pure, ma se ne accorgeranno tutti». Da Foggia Michele Emiliano replica indirettamente al renziano Ettore Rosato - coordinatore nazionale di Iv - che, sempre dal capoluogo dauno, aveva lanciato la suggestione di una «candidatura alternativa» a quella del governatore.

Una suggestione, appunto. Anche perché, andando a naso, l’unico nome spendibile per i renziani sarebbe quello del senatore salentino Dario Stefàno (Pd), la cui candidatura alle regionali era anche stata caldeggiata da un appello sottoscritto da oltre 5mila persone. E tuttavia è assai improbabile, se non impossibile, che Stefàno si imbarchi in una avventura del genere: una eventuale coalizione progressista alternativa a Emiliano dovrebbe incassare l’8% per far scattare i seggi. Un risultato nient’affatto sicuro che per di più, se raggiunto, avrebbe l’unico effetto di agevolare il centrodestra. «Far vincere la Lega», come accusa Emiliano. Dunque, è probabile che l’idea, spendibilissima in un incontro pubblico come quello foggiano, resti nell’iperuranio senza ricadute pratiche.

E allora, che faranno i renziani pugliesi? Al momento, Italia Viva è una formazione piuttosto fluida, ancora in attesa di decollare. In alcune Regioni, come la Toscana, è «pesante» e strutturata, in altre, come Puglia, è una sorta di fiume carsico che scorre sottotraccia. Qualcuno ha abbracciato la nuova causa con entusiasmo e convinzione, altri sono rimasti nel Pd (corrente Ascani), altri ancora danzano nel limbo in attesa di future evoluzioni. Ma sempre da renziani. Ad esempio, gli ex dem Nadia Caroppo e Ruggero Crudele hanno abbandonato la segreteria regionale del Partito democratico subito dopo il passaggio in Italia Viva. Al loro posto potrebbe subentrare Fabrizio Ferrante, membro dell’assemblea nazionale dei democrat, che renziano lo è di certo, ma ha preferito rimanere nel Pd per ragioni di opportunità istituzionale (è presidente del Consiglio comunale di Trani). Insomma, la confusione è tanta ed il futuro incerto.

Per il momento, non ci sono indicazioni di sorta per il popolo renziano, almeno sulle primarie del centrosinistra. Ognuno sarà libero di fare quel che vuole: andare o non andare, votare Emiliano, Amati o qualcun altro. Il problema, piuttosto, si porrà alle Regionali vere e proprie. Italia viva corre solo con la certezza di non fare una figuraccia. Dunque, ci sarà in Toscana, patria del leader Renzi. In Emilia-Romagna, invece, confluirà nelle liste del presidente uscente Stefano Bonaccini. E in Puglia? La questione resta aperta. Per tutte le competizioni del maggio 2020 il partito si riserva di decidere caso per caso e, soprattutto, valutando col bilancino i rapporti di forza in campo.

Anche il quadro nazionale non è da sottovalutare. Italia viva è data in crescita ma, proprio per questo, non bisogna «bruciare» il movimento con improvvise fughe in avanti. Parafrasando Moretti, in certe occasioni si è più notati se si decide di non esserci. Come Renzi nella foto di Narni. In Puglia si potrebbe fare un ragionamento del genere, ma è ancora troppo presto. Ogni decisione è rimandata all’inizio del nuovo anno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie