Mercoledì 13 Novembre 2019 | 12:53

NEWS DALLA SEZIONE

L'iniziativa
Bari, rivoluzione al San Paolo: da gennaio partono i corsi universitari

Bari, rivoluzione al San Paolo: da gennaio partono i corsi universitari

 
In località Posta Aucello
Cerignola, 69enne uccide una donna e si ammazza: grave una vicina di casa

Cerignola, 69enne uccide una donna e si ammazza: grave una vicina di casa

 
Dopo ok del Miur
Medicina a Taranto, le lezioni forse ripartono dal 20 novembre

Medicina a Taranto, le lezioni forse ripartono dal 20 novembre

 
L'inchiesta
Sava, anziano disabile vittima di una gang: «Io insultato perchè omosessuale»

Sava, anziano disabile vittima di una gang: «Io insultato perchè omosessuale»

 
Commissione Finanze
Mittal, bocciato emendamento per scudo penale: non c'entra col dl fiscale

Mittal, bocciato emendamento per immunità: non c'entra col dl fisco. Di Maio: nessun voto su scudo

 
Maltempo
Porto Cesareo, tromba d'aria fa volare pontile di 60 metri : barche trascinate per 300 metri

Porto Cesareo, tromba d'aria fa volare pontile: barche trascinate per 300 metri.
Danni anche a Gallipoli e Leuca Video
Mattarella telefona a sindaco Matera

 
L'inchiesta su corruzione
Potenza, 17 misure per corruzione su autorizzazioni edilizie: bufera su Regione e Comune Venosa

Venosa, pratiche edilizie agli «amici» e bandi su misura: 17 ordinanze, in manette ex sindaco

 
È di Molfetta
Messico, pirati attaccano nave italiana e sparano: ferito marinaio pugliese

Messico, pirati attaccano nave italiana e sparano: ferito marinaio pugliese

 
Il vertice
Bomba a Brindisi, piano evacuazione per 50mila persone: c'è anche il carcere

Bomba a Brindisi, piano evacuazione per 50mila persone: c'è anche il carcere

 
nel Foggiano
S.Giovanni Rotondo, terapia innovativa su 22 bambini affetti da paralisi cerebrale

S.Giovanni Rotondo, terapia innovativa su 22 bambini affetti da paralisi cerebrale

 
serie c
Bari, capitan Di Cesare: «Voglio vincere il campionato»

Bari, capitan Di Cesare: «Voglio vincere il campionato»

 

Il Biancorosso

serie c
Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'iniziativa
Bari, rivoluzione al San Paolo: da gennaio partono i corsi universitari

Bari, rivoluzione al San Paolo: da gennaio partono i corsi universitari

 
FoggiaIn località Posta Aucello
Cerignola, 69enne uccide una donna e si ammazza: grave una vicina di casa

Cerignola, 69enne uccide una donna e si ammazza: grave una vicina di casa

 
TarantoRione Borgo
Taranto, picchiava e maltrattava la madre: in cella 21enne

Taranto, picchiava e maltrattava la madre: in cella 21enne

 
PotenzaSoccorso in Basilicata
Potenza, acquistate 57 ambulanze per 118, consegnate 25: le prime 14 assegnate dopo il collaudo

Potenza, acquistate 57 ambulanze per 118, consegnate 25: le prime 14 assegnate solo dopo il collaudo

 
LecceIl processo
Sogliano Cavour, il pentito accusa ex sindaco: mi diede 30mila € per le elezioni

Sogliano Cavour, il pentito accusa ex sindaco: mi diede 30mila € per le elezioni

 
BrindisiL'arresto
Oria, affidato ai servizi sociali se ne infischia: finisce in cella

Oria, affidato ai servizi sociali se ne infischia: finisce in cella

 
BatPalazzo Della Marra
Maltempo a Barletta, si stacca pezzo di cornicione a Pinacoteca

Maltempo a Barletta, si stacca pezzo di cornicione a Pinacoteca

 

i più letti

sanità

Vitamina D, boom di fiale che costano il quadruplo: la Puglia spreca 9 milioni

Nel 2018 l'incremento nell'uso di colecalciferolo è stato del 16% rispetto all'anno precedente

Vitamina D, boom di fiale che costano il quadruplo: la Puglia spreca 9 milioni

I pugliesi utilizzano il 38% in più della media nazionale di colecalciferolo, farmaco che serve a compensare la carenza di vitamina D, e - soprattutto - sembrano preferire le fiale alle meno costose gocce. Il risultato è che nel 2018 la Regione ha speso 23,6 milioni di euro, che mettono questo ormone al primo posto in graduatoria tra quelli per i quali si spende di più. Eppure, semplicemente utilizzando le gocce si potrebbero risparmiare ben 9 milioni.

Una enorme e vistosa anomalia, scoperta dai tecnici dell’assessorato alla Salute che hanno evidenziato - tra l’altro - una crescita dei consumi definita «esponenziale»: +16% nel 2018 rispetto all’anno prima, e una previsione per l’anno in corso di un ulteriore incremento di oltre 2 milioni (+12%). Ed ecco perché ieri la giunta ha approvato una delibera firmata dal capo dipartimento Vito Montanaro che impone ai direttori generali delle Asl di intervenire: implementando una serie di controlli sull’appropriatezza (ovvero sull’utilizzo in base alle linee guida), e aumentando ogni mese del 30% l’utilizzo dei farmaci a costo più basso.

Non è la prima volta che la Regione interviene sulla spesa farmaceutica per individuare specialità in cui la spesa appare ingiustificata. Negli scorsi mesi, tanto per fare un esempio, gli uffici hanno scoperto le anomalie collegate all’utilizzo delle statine (con il «boom» di quelle di ultima generazione, più costose, anche senza aver prima tentato la terapia con il farmaco tradizionale), o quelle collegate agli antibiotici che in alcuni casi fanno registrare veri e propri abusi. Per non parlare di quanto avviene con le protesi e i dispositivi chirurgici, dove l’utilizzo di vecchi listini fa sì che gli ospedali arrivino a pagare per alcuni particolari dispositivi quattro volte i prezzi medi nazionali.

Per quanto riguarda il colecalciferolo, il problema nasce dal fatto che la confezione di quattro fiale da 25mila unità equivalenti costa circa 16 euro e, dunque, pone al servizio sanitario un costo annuo di circa 84 euro a paziente. Scegliendo lo stesso principio attivo in gocce, per la stessa quantità, esistono formulazioni con le quali si spendono solo 4 euro l’anno. Tuttavia in base ai dati in Puglia la prescrizione più comune riguarda le confezioni da due fiale da 25mila unità internazionali, che costa 7 euro, il cui utilizzo è cresciuto negli anni di circa il 75%, seguita dalla confezione a fiala singola che ne costa circa 5,5 e per la quale si registra un incremento del 68%. Il motivo è semplice, ed è che l’uso delle fiale è più comodo, perché ciascuna rappresenta una dose, mentre le gocce vanno dosate e sono dunque più complicate.

Il risultato, secondo i dati della Regione, è che dei 23,6 milioni di euro spesi lo scorso anno più di 21 derivano dal colecalciferolo in confezionamenti ad alto costo, mentre soltanto poco meno di due milioni sono relativi a confezioni a costo contenuto. E dunque, eliminando il ricorso alle fiale e utilizzando solo gocce la spesa scenderebbe a circa 14,6 milioni, con un risparmio pari a 9 milioni di euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie