Mercoledì 19 Febbraio 2020 | 14:47

NEWS DALLA SEZIONE

nel Foggiano
Torremaggiore, erano pronti alla rapina in negozio: sventata dai cc

Torremaggiore, erano pronti alla rapina in negozio: sventata dai cc

 
la visita
Papa a Bari: trasporti pubblici potenziati e aree di sosta, ecco tutte le informazioni utili

Papa a Bari: trasporti pubblici potenziati e aree di sosta, ecco tutte le informazioni utili

 
giudiziaria
Processo escort: a Bari chiese tre condanne e un non luogo a procedere

Processo escort: a Bari chiese tre conferme di condanna e un non luogo a procedere

 
le indiscrezioni
Coronavirus, i pugliesi sulla nave «Diamond Princess». Marittimo biscegliese: «Resto qui»

Coronavirus, i pugliesi sulla nave «Diamond Princess». Marittimo biscegliese: «Resto qui»

 
chiamato 'cipollotto'
Foggia, trovato piccolo ordigno vicino a una scuola: intervenuti gli artificieri

Foggia, trovato piccolo ordigno vicino a una scuola: intervenuti gli artificieri

 
nel Leccese
Alezio, cc trovano quasi un chilo di marijuana nascosta fra i rovi

Alezio, cc trovano quasi un chilo di marijuana nascosta fra i rovi

 
calcio lucano
Eccellenza, daspo per 8 tifosi del Rotonda: petardi in campo limitarono visuale di gioco

Eccellenza, daspo per 8 tifosi del Rotonda: petardi in campo limitarono visuale di gioco

 
serie a
Il Lecce ha i piedi puntati. Lucioni: «Dal Torino in giù è una lotta per non retrocedere»

Il Lecce ha i piedi puntati. Lucioni: «Dal Torino in giù è una lotta per non retrocedere»

 
nel Foggiano
Cerignola, estorce 10mila euro alla madre per comprare la droga: arrestato

Cerignola, estorce 10mila euro alla madre per comprare la droga: arrestato

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Ciofani: «Bisogna cambiare passo per vincere tutte le partite»

Bari calcio, Ciofani: «Bisogna cambiare passo per vincere tutte le partite»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggianel Foggiano
Torremaggiore, erano pronti alla rapina in negozio: sventata dai cc

Torremaggiore, erano pronti alla rapina in negozio: sventata dai cc

 
Potenzacommercio
Nutella Biscuits da Balvano a Berlino: pronto il debutto sul mercato tedesco

Nutella Biscuits da Balvano a Berlino: pronto il debutto sul mercato tedesco

 
Leccenel Leccese
Alezio, cc trovano quasi un chilo di marijuana nascosta fra i rovi

Alezio, cc trovano quasi un chilo di marijuana nascosta fra i rovi

 
BrindisiNel Brindisino
Francavilla F.na, ruba in un forno e tenta furto in un liceo: arrestato 27enne

Francavilla F.na, ruba in un forno e tenta furto in un liceo: arrestato 27enne

 
Batnel nordbarese
Andria, armi da guerra per vendicare il padre boss ammazzato l'anno scorso: arrestati in 2

Andria, armi da guerra per vendicare il padre boss ammazzato l'anno scorso: arrestati in 2

 
MateraL'inchiesta
Sanitopoli lucana, ex governatore Marcello Pittella rinviato a giudizio

Sanitopoli lucana, a giudizio ex governatore Pittella: con lui anche ex dg Asl Bari

 

i più letti

L'inchiesta

Trani, giustizia truccata: processo rapido, l'11 settembre udienza preliminare

Chiesto il rinvio a giudizio, gup accorcia i tempi per evitare scarcerazione per decorrenza termini

Trani, arrestati due magistrati per corruzione e falso ideologico

I due magistrati Antonio Savasta e Michele Nardi

Indagini aperte o insabbiate in cambio di denaro. Come era previsto, la Procura di Lecce ha chiesto il rinvio a giudizio per la «cricca» dei giudici di Trani, accusata - tra l’altro - di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione in atti giudiziari. Ma tra le dieci persone che l’11 settembre dovranno presentarsi davanti al gup Cinzia Vergine non ci sarà Flavio D’Introno, l’imprenditore che con il suo racconto delle tangenti pagate all’ex gup Michele Nardi e agli ex pm Antonio Savasta e Luigi Scimè ha fatto esplodere l’inchiesta: la posizione di D’Introno è stata infatti stralciata e, pur rimanendo indagato, il 46enne di Corato in questa fase è qualificato parte offesa. Potrà cioè costituirsi nei confronti degli imputati e chiedere loro i danni.

Nella richiesta di rinvio a giudizio urgente che i pm Roberta Licci e Giovanni Gallone hanno presentato lunedì scorso non compare nemmeno il carabiniere Martino Marancia, la cui posizione sembra destinata all’archiviazione dopo l’interrogatorio di chiarimento reso a seguito della chiusura delle indagini. Il gup Vergine ha riconosciuto il requisito dell’urgenza, rilevando appunto che il 13 ottobre scadono i termini di custodia cautelare per Nardi, Savasta e per l’ispettore Vincenzo Di Chiaro (il primo e il terzo sono in carcere a Matera, il secondo avendo confessato ha ottenuto i domiciliari).

Dunque una corsia preferenziale per evitare che tre dei principali protagonisti della vicenda possano tornare in libertà prima del rinvio a giudizio. Ma, d’altro canto, è più che probabile che Savasta (difeso dall’avvocato Massimo Manfreda) possa chiedere il giudizio abbreviato, dopo che la sua posizione è stata ormai sviscerata nell’incidente probatorio.

Le oltre 100 ore di interrogatori svolte in contraddittorio davanti al gip Giovanni Gallo, che si sommano alle oltre 35mila pagine di atti raccolte nel corso dell’inchiesta dei Carabinieri, sono infatti servite a riscontrare il racconto delle tangenti pagate da D’Introno, che ha parlato di due milioni di euro distribuiti tra Nardi, Savasta e Scimè per tentare di fermare il suo processo per usura (alla fine è stato condannato) e per costruire falsi procedimenti penali nei confronti di chi lo aveva accusato. Accuse inutili: tutte le persone finite nel mirino della «cricca» sono infatti parti offese, come lo sono i giudici baresi Ornella Gozzo, Michele Tarantino e Loredana Colella nei cui confronti Nardi si sarebbe a suo dire speso per far assolvere D’Introno in appello (cosa mai avvenuta: per questo all’ex gip è contestato anche il millantato credito).

Parte offesa è anche l’altro imprenditore di Corato, Paolo Tarantini (avvocato Beppe Modesti), messo in mezzo per una stangata che secondo l’accusa sarebbe stata orchestrata da Savasta, Nardi, Di Chiaro e dall’avvocato barese Simona Cuomo: un avviso di garanzia falso per reati fiscali, e 400mila euro (più 25mila euro di materiale elettronico a Nardi e 25mila euro di piante a Savasta) per far sparire la falsa indagine. La Procura di Lecce ha chiesto il processo anche per Scimè, nel frattempo trasferito a Salerno come giudice, accusato di corruzione per aver preso 75mila euro da D’Introno: non è bastata la corposa memoria difensiva prodotta dopo Ferragosto dal suo avvocato, Mario Malcangi, con l’obiettivo di dimostrare l’inconsistenza delle accuse di D’Introno, che ha raccontato tra l’altro una consegna di soldi avvenuta a Milano a novembre del 2013.

Nella richiesta di rinvio a giudizio sono contestati anche, a vario titolo, i reati di falso, occultamento di atti, calunnia, minacce, truffa, estorsione e induzione a non rendere dichiarazioni. Le indagini sulla giustizia truccata a Trani non sono però concluse. Il fascicolo è ancora aperto per dare riscontro sia agli ulteriori episodi raccontati da D’Introno, sia alle denunce che da gennaio (la data degli arresti) a oggi sono state presentate da imprenditori e avvocati che ritengono di essere incappati nel «sistema». Un «sistema» cui, come ovvio, è estranea la stragrande maggioranza degli avvocati e dei magistrati, ma che tuttavia ha messo in cattiva luce per anni il mondo della giustizia tranese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie