Lunedì 17 Giugno 2019 | 17:37

NEWS DALLA SEZIONE

Il rogo
Incendi alle Isole Tremiti, piromane in azione: avvistato con zaino rosso

Incendi alle Isole Tremiti, piromane in azione: avvistato con zaino rosso

 
Sprechi alimentari
«Noi non sprechiamo», ecco la campagna della Regione con Toti e Tata

«Noi non sprechiamo», la campagna della Regione Puglia con Toti e Tata

 
Il processo
Escort, Berlusconi imputato a Bari: la difesa vieta foto e video durante udienza

Escort, Berlusconi imputato a Bari: la difesa vieta riprese

 
Il caso Meredith Kercher
Giustizia, la versione di Sollecito «L’America ha difeso Amanda»

Giustizia, la versione di Sollecito «L’America ha difeso Amanda»

 
La lettera
Giustizia svenduta, Savasta: «Csm sapeva eppure chiuse la pratica»

Giustizia svenduta, Savasta: «Csm sapeva eppure chiuse la pratica»

 
L'inchiesta
Puglia, anno nero per l’olio extravergine: cancellato dalla crisi

Puglia, anno nero per l’olio extravergine: cancellato dalla crisi

 
La legge
Polemica su ddl omofobia: Bari Pride rifiuta il patrocinio della Regione Puglia

Polemica su ddl omofobia: Bari Pride rifiuta il patrocinio della Regione Puglia
Emiliano: «Legge porta mia firma»

 
Sulla ex provinciale 54
Bari, auto finisce contro il guard rail: un morto

Bari, auto finisce contro il guardrail: un morto

 
Tra Bari e Acquaviva
Bari, assalto armato a furgone portavalori sul'A14: rapinatori in fuga con 100mila euro

Bari, assalto armato a portavalori sull'A14: in fuga con 100mila euro VD

 
Il ritrovamento
San Cesario, passanti trovano gatto senza testa: è caccia ai colpevoli

San Cesario, passanti trovano gatto senza testa: è caccia ai colpevoli

 
L'irruzione
Ex Ilva, blitz dei genitori tarantini al consiglio comunale: «Dateci risposte»

Ex Ilva, blitz dei genitori tarantini al consiglio comunale: «Dateci risposte»

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Il Monopoli sulle tracce di Barretoriparte dalla Puglia l'avventura ?

Il Monopoli sulle tracce di Barreto, riparte dalla Puglia l'avventura ?

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl rogo
Incendi alle Isole Tremiti, piromane in azione: avvistato con zaino rosso

Incendi alle Isole Tremiti, piromane in azione: avvistato con zaino rosso

 
BariL'inchiesta
Clan e scommesse on line, Malta nega estradizione: libero il barese Ricci

Clan e scommesse on line, Malta nega estradizione: libero il barese Ricci

 
TarantoLotta alla droga
Taranto, sorpreso con un chilo di hashish: arrestato 26enne

Taranto, sorpreso con un chilo di hashish: arrestato 26enne

 
PotenzaRegione Basilicata
Potenza, più soldi per i portaborse: il Consiglio studia una legge ad hoc

Potenza, più soldi per i portaborse: il Consiglio studia una legge ad hoc

 
MateraSanità lucana
Basilicata, arriva l'infermiere di famiglia: un progetto «apripista»

Basilicata, arriva l'infermiere di famiglia: un progetto «apripista»

 
LecceIl ritrovamento
San Cesario, passanti trovano gatto senza testa: è caccia ai colpevoli

San Cesario, passanti trovano gatto senza testa: è caccia ai colpevoli

 
BrindisiL'incidente
Ceglie Messapica, parco giochi pericoloso: bimbo in ospedale

Ceglie Messapica, parco giochi pericoloso: bimba in ospedale

 
BatL'incidente
Trani, sedicenne precipitato da Villa Comunale: è mistero sulle cause

Trani, sedicenne precipitato da Villa Comunale: è mistero sulle cause

 

i più letti

La discussione alla camera

Acqua, la riforma grillina smantellerà pure Aqp

Il ddl Daga: la società della Regione diventerà azienda speciale. Ma la riforma idrica costerebbe più del reddito di cittadinanza

Aqp e la truffa del cloro «Siamo parte offesa»

BARI - iIl termine per gli emendamenti è scaduto da 10 giorni. E l’annunciata norma per affrontare il caso di Acquedotto Pugliese non è ancora stata presentata. La commissione Ambiente della Camera sta per licenziare il disegno di legge Daga sulla riforma del servizio idrico integrato: dopo aver scartato la proposta concorrente, quella della pd Chiara Braga, ha scelto di concentrarsi sul testo grillino. Una riforma che punta ad azzerare qualunque tipo di gestione dell’acqua che non siano in mano a enti pubblici. Apparentemente un principio sacrosanto, nei fatti un massacro.

La proposta, su cui pure il presidente della commissione Alessandro Benvenuto ha scelto di andare avanti nonostante le tante perplessità dei suoi colleghi della Lega, rischia infatti di costare più del reddito di cittadinanza. Perché rimettere l’acqua nelle mani di aziende speciali interamente pubbliche significa, nei fatti, scaricare il costo degli investimenti sul bilancio dello Stato: i famosi 5 miliardi di euro di opere l’anno (anche se in realtà se ne fanno 2-3), cui aggiungere un miliardo di euro per garantire il «minimo vitale» (50 litri d’acqua gratis al giorno per cittadino) e gli indennizzi ai gestori uscenti. E senza contare le inefficienze che verranno generate dal ritorno alle gestioni in stile ente pubblico, che in Italia sono state cancellate fin dalla legge Galli e rimangono solo in poche aree svantaggiate.

Chi ha più da perdere da questa riforma è proprio Acquedotto Pugliese, la più grande azienda pubblica del Mezzogiorno che gestisce la rete più estesa d’Europa e serve 4 milioni di persone. La proposta Daga punta a eliminare anche le società per azioni a capitale totalmente pubblico come è appunto Aqp (al 100% della regione Puglia): «Tutte le forme di gestione del servizio idrico integrato affidate a società a capitale interamente pubblico esistenti alla data di entrata in vigore della presente legge, se non decadute per contratto, sono trasformate in aziende speciali o in enti di diritto pubblico entro un anno dalla medesima data di entrata in vigore». Aqp, insomma, può scegliere se tornare ente autonomo (come ai tempi dell’Eaap) oppure azienda speciale: e se la Regione non si adeguerà, il governo potrà esercitare i poteri sostitutivi.
A novembre, quando è iniziato l’esame della proposta, i grillini avevano fatto sapere che sarebbe stato presentato un emendamento proprio per tenere conto del particolarissimo caso di Aqp. Un caso unico nel panorama italiano, sia per le dimensioni sia perché la società - che era dello Stato - fu trasferita dall’allora ministro Tremonti a Puglia, Basilicata e Campania (poi uscite) insieme alla titolarità della gestione del servizio e con l’obbligo a procedere alla privatizzazione. Cosa mai avvenuta (la previsione è stata poi cancellata dall’ultimo governo di centrosinistra) anche perché le giunte regionali (Vendola e poi Emiliano) hanno sempre sostenuto la necessità di garantire la gestione pubblica.

Il «no» dei grillini all’acqua in mano a una società per azioni pubblica è soltanto ideologico, perché non esiste un altro motivo valido: Aqp reinveste gli utili nel servizio (garantiscono il pagamento dei mutui contratti per gli investimenti), e grazie a questo può mantenere le tariffe basse oltre a prevedere già una fascia «sociale» e - tramite la Regione - anche un rimborso equivalente al «minimo vitale» alle famiglie meno abbienti.
L’esame della proposta continuerà in commissione, con la procedura di urgenza. Il passaggio all’Aula non è finora stato calendarizzato. L’analisi del servizio studi della Camera ha tuttavità già evidenziato una serie di gravi carenze, tuttora non colmate

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE