Giovedì 20 Giugno 2019 | 11:35

NEWS DALLA SEZIONE

Il furto
Cerignola, mezzi rubati a Foggia e Milano in un capannone: sequestrati

Cerignola, mezzi rubati a Foggia e Milano in un capannone: sequestrati

 
Il caso
Maturità 2019, disagi in un istituto di Foggia per errore codice

Maturità a Foggia, disagi in un istituto: esame inizia in ritardo per plico errato

 
Il caso
Casamassima, tenta di rapire bimbo dall’auto del padre: preso

Casamassima, tenta di rapire bimbo dall’auto del padre: arrestato 34enne

 
Maxi sequestro
Brindisi, gdf sequestra 218 chili di marijuana: arrestato corriere

Brindisi, gdf sequestra 218 chili di marijuana: arrestato corriere

 
A Lecce
Giustizia svenduta a Trani, Savasta ammette dal gip: «È vero, ho sbagliato»

Giustizia svenduta a Trani, Savasta ammette dal gip: «È vero, ho sbagliato»

 
L'assessore regionale
Rifiuti, Borraccino frena sull'impianto di Pulsano: «Il Comune ci ripensi»

Rifiuti, Borraccino frena sull'impianto di Pulsano: «Il Comune ci ripensi»

 
Maltrattamento di animali
Trani, cane trascinato da un'auto, Bottaro: «Bestia non la passerai liscia»

Trani, cane trascinato da un'auto, Bottaro: «Bestia non la passerai liscia»

 
L'elezione
Bruxelles, Fitto presidente gruppo Ecr all'Europarlamento

Bruxelles, Fitto presidente gruppo «Ecr» all'Europarlamento

 
Le indagini
Bari, bancarotta società Gruppo Degennaro: 4 indagati

Bari, bancarotta per la società Gruppo Degennaro: 4 indagati

 
Il processo
Foggia, uccise la moglie a coltellate: condannato anche in appello all'ergastolo

Foggia, uccise la moglie a coltellate: condannato anche in appello all'ergastolo

 
Serie C
Bari, si aspettano gli annunci ufficialiE' cosa fatta per Kupisz, Kresic e Corapi

Bari calcio mercato: è quasi fatta per Kupisz, Kresic e Corapi

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Dazn e il Bari anche in serie CFunziona l'accordo in televisione

Dazn e il Bari anche in serie C: funziona l'accordo in televisione

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl furto
Cerignola, mezzi rubati a Foggia e Milano in un capannone: sequestrati

Cerignola, mezzi rubati a Foggia e Milano in un capannone: sequestrati

 
MateraSanità
Matera contro Policoro per il servizio di psichiatria

Matera contro Policoro per il servizio di psichiatria

 
PotenzaLa nomina
Potenza, Mario Guarente si insedia ufficialmente come sindaco

Potenza, Mario Guarente si insedia ufficialmente come sindaco

 
TarantoIl caso
Rifiuti, società tratteneva indebitamente quote sindacali: condanna a Taranto

Rifiuti, società tratteneva indebitamente quote sindacali: condanna a Taranto

 
LecceFerrovie Sud Est
Trepuzzi, il climatizzatore in treno è rotto: malore per un disabile

Trepuzzi, il climatizzatore in treno è rotto: malore per un disabile

 
BatShock in città
Tragedia ad Andria, sedicenne leccese si impicca in comunità

Tragedia ad Andria, sedicenne leccese si impicca in comunità

 
BariIl caso
Casamassima, tenta di rapire bimbo dall’auto del padre: preso

Casamassima, tenta di rapire bimbo dall’auto del padre: arrestato 34enne

 
BrindisiMaxi sequestro
Brindisi, gdf sequestra 218 chili di marijuana: arrestato corriere

Brindisi, gdf sequestra 218 chili di marijuana: arrestato corriere

 

i più letti

Il caso

Bitonto, estorcono 4mila euro in un mese a gestore distributore di benzina: 3 arresti

In manette, con le accuse di estorsione in concorso e violenza, sono finiti due fratelli e un terzo complice: la vittima sarebbe stata costretta a consegnare quasi quotidianamente somme di denaro, dietro minacce di morte o di danni all'attività

Bitonto, estorcono 4mila euro in un mese a gestore distributore di benzina: 3 arresti

BITONTO - In tre lo hanno costretto a consegnare quasi ogni giorno somme di denaro e in caso si fosse rifiutato di pagare, gli avrebbero fatto del male o avrebbero dato fuoco alla sua attività. Così la vittima, gestore di un distributore di benzina a Bitonto, era arrivata a pagare, in un solo mese, la somma di quasi quattromila euro. E' stata proprio la denuncia dell'imprenditore, presentata ad agosto scorso, che ha fatto partire le indagini della locale stazione e che ha portato oggi all'arresto di tre persone: due fratelli e un terza persona. A compiere materialmente l'estorsione - hanno ricostruito i militari - sarebbe stato un 25enne bitontino, già arrestato in flagranza dai carabinieri nel corso delle indagini. Le modalità di richiesta, secondo quanto accertato dalle indagini, erano sempre le stesse: l’uomo giungeva a bordo di un ciclomotore o di un’autovettura, accompagnato da un complice, e una volta sceso prendeva contatti con i dipendenti del distributore, chiedendo del proprietario. Il titolare ed i malcapitati operai, spaventati dalle minacce dell’uomo, erano costretti a cedere alle richieste estorsive ed a  consegnare al malvivente svariate banconote.

In uno degli ultimi episodi, al diniego opposto dalla vittima a consegnargli del denaro, il malvivente si era scagliato contro il gestore ed un suo dipendente, sferrando un pugno sul viso del primo e facendogli cadere gli occhiali al suolo. Solo l’intervento del complice che attendeva in auto aveva evitato il peggio. Questo episodio aveva rafforzato ancora di più la volontà dell’imprenditore di raccontare tutto ai Carabinieri, i quali, raccolta la denuncia, predisponevano un adeguato servizio di osservazione nei pressi del distributore. Il giorno dopo, l’uomo si era recato nuovamente presso la predetta attività e, colto in flagranza del reato di estorsione, era stato arrestato dai militari, dopo che gli era stata consegnata la somma di 50 euro, ottenuta con i soliti metodi brutali. Così il 25enne era finito in carcere.


Grazie alle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Bari è stata vagliata la posizione del complice, che anche in quella circostanza era presente e aveva atteso in auto. Le indagini hanno così di identificare  il complice in un 39enne bitontino legato ad un noto gruppo criminale della città. Anche lui, dopo l'emissione della misura cautelare, è finito in carcere. 

Coinvolto anche il fratello dell’estorsore, un pregiudicato bitontino di 30 anni, che si sarebbe recato nel mese di settembre dal distributore di benzina e, con una tanica in mano, avrebbe minacciato il titolare per indurlo a ritrattare le dichiarazioni rese ai Carabinieri della Stazione di Bitonto, al fine di garantire l’innocenza del fratello. Anche lui è finito in manette con l’accusa di violenza e minaccia nei confronti del proprietario dell’esercizio commerciale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie