Mercoledì 20 Febbraio 2019 | 06:40

NEWS DALLA SEZIONE

La nomina
Apulia film commission, l'architetta Dellomonaco è la nuova presidente

Apulia film commission, l'architetta Dellomonaco è la nuova presidente

 
Il vicepremier
Migranti, Salvini annuncia chisura del Cara di Borgo Mezzanone

Migranti, vicepremier: chiuderà Cara Borgo Mezzanone a Foggia

 
Il leader della lega in città

Salvini a Bari, in visita alla villa sequestrata alla mafia La diretta

 
A Gallipoli
Nigeriano sventa rapina in supermercato: Emiliano lo premia

Nigeriano sventa rapina in supermercato: Emiliano lo premia

 
L'analisi
Lecce scopre nuove «frecce» nella rincorsa verso la A

Lecce scopre nuove «frecce» nella rincorsa verso la A

 
Componente di una banda
Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

 
Le dichiarazioni
Confindustria, Boccia: «Economia rallenta, dati devono far riflettere»

Confindustria, Boccia: «Economia rallenta, dati devono far riflettere»

 
In via Milizia
Scritte su sede Movimente 5 Stelle a Lecce, si segue pista anarchica

Scritte su sede Movimento 5 Stelle a Lecce, si segue pista anarchica

 
L'emergenza
Xylella, conclusa l'inchiesta alla Camera: «Si può solo eradicare, non ci sono cure»

Xylella, conclusa l'inchiesta alla Camera: «Si può solo eradicare, non ci sono cure»

 
L'iniziativa
Le strade di Bari si colorano con i murales dei Lego, grazie allo street artist Pao

Le strade di Bari si colorano con i murales dei Lego, grazie allo street artist Pao

 
Accoltellato un libico
Non vuole pagare uno dei suoi lavoratori e tenta di ucciderlo: arrestato sudanese nel Tarantino

Non vuole pagare uno dei suoi lavoratori e tenta di ucciderlo: arrestato sudanese nel Tarantino

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceComponente di una banda
Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

 
MateraNel Materano
Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

 
BariInaugura il 21 febbraio
Sculture da indossare: la mostra di Anna Maria Di Terlizzi all'archivio di Stato di Bari

Sculture da indossare: la mostra di Anna Maria Di Terlizzi all'archivio di Stato di Bari

 
TarantoAl Teatro Fusco
La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

 
BrindisiA Mesagne
Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

 
BatDopo la denuncia
Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

 
FoggiaLa storia
«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 

Il caso

Bitonto, estorcono 4mila euro in un mese a gestore distributore di benzina: 3 arresti

In manette, con le accuse di estorsione in concorso e violenza, sono finiti due fratelli e un terzo complice: la vittima sarebbe stata costretta a consegnare quasi quotidianamente somme di denaro, dietro minacce di morte o di danni all'attività

Bitonto, estorcono 4mila euro in un mese a gestore distributore di benzina: 3 arresti

BITONTO - In tre lo hanno costretto a consegnare quasi ogni giorno somme di denaro e in caso si fosse rifiutato di pagare, gli avrebbero fatto del male o avrebbero dato fuoco alla sua attività. Così la vittima, gestore di un distributore di benzina a Bitonto, era arrivata a pagare, in un solo mese, la somma di quasi quattromila euro. E' stata proprio la denuncia dell'imprenditore, presentata ad agosto scorso, che ha fatto partire le indagini della locale stazione e che ha portato oggi all'arresto di tre persone: due fratelli e un terza persona. A compiere materialmente l'estorsione - hanno ricostruito i militari - sarebbe stato un 25enne bitontino, già arrestato in flagranza dai carabinieri nel corso delle indagini. Le modalità di richiesta, secondo quanto accertato dalle indagini, erano sempre le stesse: l’uomo giungeva a bordo di un ciclomotore o di un’autovettura, accompagnato da un complice, e una volta sceso prendeva contatti con i dipendenti del distributore, chiedendo del proprietario. Il titolare ed i malcapitati operai, spaventati dalle minacce dell’uomo, erano costretti a cedere alle richieste estorsive ed a  consegnare al malvivente svariate banconote.

In uno degli ultimi episodi, al diniego opposto dalla vittima a consegnargli del denaro, il malvivente si era scagliato contro il gestore ed un suo dipendente, sferrando un pugno sul viso del primo e facendogli cadere gli occhiali al suolo. Solo l’intervento del complice che attendeva in auto aveva evitato il peggio. Questo episodio aveva rafforzato ancora di più la volontà dell’imprenditore di raccontare tutto ai Carabinieri, i quali, raccolta la denuncia, predisponevano un adeguato servizio di osservazione nei pressi del distributore. Il giorno dopo, l’uomo si era recato nuovamente presso la predetta attività e, colto in flagranza del reato di estorsione, era stato arrestato dai militari, dopo che gli era stata consegnata la somma di 50 euro, ottenuta con i soliti metodi brutali. Così il 25enne era finito in carcere.


Grazie alle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Bari è stata vagliata la posizione del complice, che anche in quella circostanza era presente e aveva atteso in auto. Le indagini hanno così di identificare  il complice in un 39enne bitontino legato ad un noto gruppo criminale della città. Anche lui, dopo l'emissione della misura cautelare, è finito in carcere. 

Coinvolto anche il fratello dell’estorsore, un pregiudicato bitontino di 30 anni, che si sarebbe recato nel mese di settembre dal distributore di benzina e, con una tanica in mano, avrebbe minacciato il titolare per indurlo a ritrattare le dichiarazioni rese ai Carabinieri della Stazione di Bitonto, al fine di garantire l’innocenza del fratello. Anche lui è finito in manette con l’accusa di violenza e minaccia nei confronti del proprietario dell’esercizio commerciale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400