Lunedì 27 Maggio 2019 | 10:59

NEWS DALLA SEZIONE

Le proiezioni sui seggi
Gli europarlamentari pugliesi elettiGentile in forse, la Matera non ce la fa

Gli europarlamentari pugliesi eletti
Gentile in forse, la Matera non ce la fa

 
Scrutini dopo le 14
Bari, i dati di M5S e Lega sulle comunali e l'influenza sul ballottaggio

Bari, i dati di M5S e Lega sulle comunali e l'influenza sul ballottaggio

 
Mafia
Foggia, colpo al clan Sinesi-Francavilla: arrestate 8 persone

Foggia, colpo al clan Sinesi-Francavilla: arrestate 8 persone

 
A Bari, Monopoli e Corato
Telefonini in cabina: due denunciati nel Barese: «Mi dici come devo votare?»

Telefonini in cabina, tre denunce: «Mi dici come devo votare?»

 
Elezioni
Europee, gli exit poll: Lega primo partito Pd avanti al M5S, seguono Fi e Fdi Puglia e Basilicata, al via gli scrutini

Europee, in Puglia M5S crolla ma è primo partito al 26%, Lega avanza al 25%, Pd al 16,6%. Basilicata, pentastellati al 29,6% Salvini al 23%

 
Il caso in Salento
Novoli, sbagliano il nome del candidato sindaco: sulla scheda un "De" in più

Novoli, sbagliato il nome del candidato sindaco sulla scheda: un «De» in più

 
In piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
La sentenza
Xylella, sì del Tar alla zona-cuscinetto «Una scelta basata sui dati scientifici»

Xylella, sì del Tar alla zona-cuscinetto «Una scelta basata sui dati scientifici»

 
Curiosità
Bari, «le donne ora non possono entrare»: code e proteste in un seggio

Bari, «Le donne per ora devono aspettare»: proteste al seggio

 
Mala sanità
«Ceglie Messapica, cala il silenzio sull'ospedale»

Ceglie Messapica, fisiatra in aspettativa: niente riabilitazione dopo incidente

 
Ricerca
Fisica, i ricercatori dell’Università di Bari tornano al Polo Nord

Fisica, i ricercatori dell’Università di Bari tornano al Polo Nord

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoI dati nel tarantino
Europee, M5S giù di 20 punti ma restano primi: nessun effetto Ilva

Europee, M5S giù di 20 punti ma restano primi: nessun effetto Ilva

 
FoggiaI dati
Europee, nei paesi foggiani del Premier Conte vince il M5S

Foggia, M5S vince nei paesi del Premier. Lega, effetto vacanze di Salvini

 
BariScrutini dopo le 14
Bari, i dati di M5S e Lega sulle comunali e l'influenza sul ballottaggio

Bari, i dati di M5S e Lega sulle comunali e l'influenza sul ballottaggio

 
LecceIl caso in Salento
Novoli, sbagliano il nome del candidato sindaco: sulla scheda un "De" in più

Novoli, sbagliato il nome del candidato sindaco sulla scheda: un «De» in più

 
MateraAlcuni disagi
Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

 
BatIn piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
BrindisiMala sanità
«Ceglie Messapica, cala il silenzio sull'ospedale»

Ceglie Messapica, fisiatra in aspettativa: niente riabilitazione dopo incidente

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 

i più letti

Inchiesta case popolari

Arca Puglia, libero ex dg Lupelli: «Ho preso tangenti a mia insaputa»

Ha deciso di collaborare con la Procura: nell'interrogatorio ha ammesso di aver ricevuto regali e mazzette

Arca Puglia, ex dg Lupelli: «Ho preso tangenti a mia insaputa». E torna libero

«In dodici anni ho preso un ente in dissesto, tecnicamente fallito, l’ho portato a essere il migliore d’Italia». Una magra consolazione: da poco più di un anno Sabino Lupelli non è più il direttore generale dell’Arca di Bari, l’ex istituto per le case popolari, dopo una indagine su appalti oliati da tangenti. E adesso ha deciso di collaborare con la Procura. Lo ha fatto davanti al gip, Giovanni Abbattista, in un interrogatorio in cui ha ammesso regali e mazzette. «Il più grosso errore della mia vita», lo definisce, anche se i soldi dice di averli accettati inconsapevolmente.
Tuttavia le ammissioni hanno portato il pm Savina Toscani a chiedere la revoca dei domiciliari: Lupelli, arrestato a dicembre 2017, uscito ad aprile, era stato ri-arrestato a novembre per effetto di una decisione della Cassazione. I suoi avvocati, Michele Laforgia e Salvatore D’Aluiso, a dicembre hanno chiesto un nuovo interrogatorio: e così l’ex manager, 56 anni, ha potuto trascorrere il Natale da uomo libero, con la sola interdizione dall’attività lavorativa.


Tutto ruota intorno ai soldi che Lupelli è accusato di aver preso da un costruttore, Massimo Manchisi, a sua volta arrestato, che per primo aveva ammesso di aver dato tangenti: perché - ha spiegato - non sapeva più cosa regalare a un uomo che già possiede tutto. La tesi di Lupelli è che sì, i fatti sono veri, ma «il signor Manchisi non solo non ha mai avuto agevolazioni da me, ma a mio modesto avviso forse è stato danneggiato da me». Eppure faceva regali a tutti: «In tutte le occasioni, Natale, Pasqua e compleanni, in cui faceva regali a me, li faceva di eguale misura al dottore Zichella, e all’ingegnere Pisano».
Due gli episodi in cui Lupelli ha intascato mazzette. Il primo, il Venerdì santo di due anni fa, lo racconta così: «Lui (Mancini, ndr) mi diede una grappa austriaca che avevamo assaggiato in un ristorante, quindi fece questa carineria di comprarmela, e poi c’era questa busta vicino al pacco. Non sapevo che c’erano dei soldi, né glieli ho mai chiesti, né mi sono mai permesso di chiedere a nessuno, lui mi ha dato questo involucro, dove c’era la grappa e questa busta, io sulle prime ho pensato che ci fossero gli auguri, il biglietto di auguri di Pasqua. Io ho preso questa busta, sono salito su, ovviamente a lascarlo, perché dovevamo andare a mangiare insieme. Io me ne sono reso conto, non era una grossa cifra, e soprattutto all'apparenza non sembrava una grossa cifra, perché erano tutti biglietti di grosso taglio, e erano circa due mila euro». Il secondo episodio, più o meno simile, a metà giugno: «Lui ovviamente mi disse le stesse cose, disse “guarda, è sempre per quel motivo là, basta, prenditi... è un augurio per questa estate, ti vai a fare un viaggetto con i ragazzi”».


Il rapporto con Manchisi, secondo Lupelli, era di amicizia: «Le frasi più frequenti che io ho detto al signor Manchisi, che “chiedimi tutto, ma niente che riguardi la Arca”, consideri che io non ho mai fatto gare di appalto». Ma l’ex manager tentò di favorire il costruttore facendogli incontrare l’allora assessore regionale Filippo Caracciolo (anche lui indagato in un secondo filone di questa inchiesta, tanto da doversi dimettere), per parlare di un project financing relativo al cimitero di Barletta: «Nel frattempo Caracciolo era diventato da consigliere a assessore all’ambiente, quindi si occupava di queste cose, ma sostanzialmente lui (Manchisi, ndr) si voleva accreditare da impresa di provincia a impresa di città». Lupelli ha ammesso pure di aver avuto accesso, tramite l’avvocato Fabio Mesto (arrestato) ad alcuni atti di indagine che erano ancora segreti: «Aveva un fascicoletto tipo questo, un po’ più voluminoso, diciamo così, con delle fotocopie. Io l'ho sfogliato, e erano anche fotocopie venute un po’ male, come fossero delle stampe di foto, per intenderci. L’ho sfogliato velocemente, e era tutta la prima parte dell'inchiesta, che mi riguardava poco e niente». Lupelli è ancora un dirigente dell’Arca, ma a seguito di questi fatti rischia il licenziamento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400