Giovedì 17 Gennaio 2019 | 19:48

NEWS DALLA SEZIONE

Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
L'inchiesta sui giudici
Quell'incontro tra il pm ambizioso e Lotti organizzato dal papà di Renzi

Quell'incontro tra il pm ambizioso e Lotti organizzato da papà Renzi

 
Giudici & mazzette
«Mi parlò di Gladio e servizi, voleva500 euro al giorno per le sue amanti»

«Parlò di Gladio e servizi, voleva
500 euro al giorno per le amanti»

 
La protesta
Gazzetta, altri tre giorni di scioperoI giornalisti: silenzio dei commissariFnsi: non rispettati diritti giornalisti

Gazzetta, altri 3 giorni di sciopero:
«I commissari non rispondono» 
Fnsi: violati diritti dei giornalisti

 
Inchiesta da Lecce
Trani, arrestati due magistrati per corruzione e falso ideologico

Trani, arrestati due magistrati: processi venduti per soldi, Rolex e diamanti.Imprenditore confessa: così pagai milioni

 
Burrasca
Maltempo, vento forte su Puglia, Basilicata e Calbaria

Maltempo, vento forte su Puglia, Basilicata e Calabria

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
L'incontro
Trivelle, Emiliano: «Sospensiva non ci accontenta, serve agenzia per bloccare ricerche in mare»

Trivelle, Emiliano: «Sospensiva non ci accontenta, bloccare ricerche in mare»

 
Hanno agito in quattro
Brindisi: sparano e svaligiano gioielleria di centro commerciale, nessun ferito

Brindisi, sparano e svaligiano gioielleria, poi fanno incidente: fermati in 3

 
In una zona di campagna
Foggia, bomba contro villa allevatore di polli: «Mai alcuna minaccia»

Foggia, bomba contro villa allevatore di polli: «Mai alcuna minaccia»

 
La cerimonia
Nadia Toffa è cittadina onoraria di Taranto: «Siete la mia forza»

Nadia Toffa è cittadina onoraria di Taranto: «Siete la mia forza»

 

INDUSTRIA

ArcelorMittal, lungo addio al carbone: «Taranto sarà punto di riferimento»

ArcelorMittal sceglie il media day di Parigi per presentare i suoi progetti sullo stabilimento siderurgico di Taranto - la più grande acciaieria a ciclo integrale d'Europa

Ilva, nel piano Mittal Marcegagliaspuntano oltre 2400 esuberi

PARIGI - La frontiera è la decarbonizzazione: imposta dai trattati internazionali, sollecitata dai disastri provocati dai cambiamenti climatici, suggerita dalle nuove tecnologie. Ma, per fare l'acciaio utilizzando poco carbone, occorrono politiche governative di sostegno e l'armonizzazione dei sistemi di controllo alle frontiere per evitare che l'acciaio decarbonizzato - che avrà un costo anche del 30% superiore a quello realizzato con la tecnologia tradizionale - venga messo fuori mercato da quello proveniente da nazioni meno attente - per usare un eufemismo - alla tutela dell'ambiente.
ArcelorMittal sceglie il media day di Parigi per presentare i suoi progetti sullo stabilimento siderurgico di Taranto - la più grande acciaieria a ciclo integrale d'Europa - e lanciare la sua sfida ambientale e produttiva allo stesso tempo. Certo, i tempi non saranno brevissimi (il termine per abbattere dell'80 per cento le emissioni da uso di carbone è quello del 2050) ma ci saranno step intermedi (-40% nel 2030) che aprono spiragli importanti anche e soprattutto per lo stabilimento tarantino, a patto, è stato ribadito, che ci siano incentivi pubblici alla decarbonizzazione, coerenti con la difficile sfida tecnologica ad esso legata. Una sfida che ora tocca alle istituzioni - la Regione Puglia da tempo si batte per la decarbonizzazione - cogliere.
Dinanzi ai giornalisti provenienti da tutta Europa, Matthieu Jehl, amministratore delegato di ArcelorMittal Italia, ha presentato i programmi per il sito di Taranto, gestito dalla multinazionale dell'acciaio dallo scorso 1 novembre, a seguito del contratto di fitto biennale finalizzato all'acquisto sottoscritto con il Governo e divenuto operativo dopo l'accordo siglato con i sindacati al Mise il 6 settembre.

«Stiamo lavorando per costruire un domani sostenibile per l'acciaio italiano, puntando su sostenibilità e reputazione, in particolare per l'ambiente, la salute e la sicurezza, la ricerca, con un investimento complessivo di 2 miliardi e 400 milioni di euro, con oltre un miliardo dedicato all'ambiente. Completeremo la copertura dei parchi dei minerali di ferro entro la fine di dicembre del 2019, 22 mesi prima della scadenza prevista dal piano ambientale con un investimento di 300 milioni di euro; la copertura dei depositi di carbone e coke sarà ultimata entro la fine di maggio 2020, 17 mesi prima del previsto. In anticipo sarà completata anche la depolverizzazione dell'impianto di sinterizzazione, usando la tecnologia con filtri ibridi con una spesa di 35 milioni di euro, e il trattamento dei gas di cokeria, con praticamente il rifacimento di tutto il reparto, con una spesa di 200 milioni di euro. Costruiremo inoltre un nuovo impianto per il trattamento delle acque reflue, applicando la tecnologia per la quale abbiamo depositato un nostro brevetto con uno stanziamento di 167 milioni di euro: investimenti che faranno di ArcelorMittal Italia sarà un punto di riferimento globale nel settore dell'acciaio. La decarbonizzazione a Taranto? La policy del gruppo è quello di andare in quella direzione, è evidente quindi che anche lo stabilimento di Taranto sarà interessato dalle nuove tecnologie per la produzione di acciaio anche se ora non sono nelle condizioni di indicare una data».
Jehl ha confermato che nel 2019 l'obiettivo è quello di produrre 6 milioni di tonnellate di acciaio, quota che non veniva toccata da quattro anni. «Lo stabilimento di Taranto - ha spiegato Jehl - perde 20-25 milioni di euro al mese e noi investiamo mezzo milione di euro al giorno per rispettare il piano ambientale più ambizioso di sempre: è evidente che puntiamo a invertire quanto prima la tendenza per renderlo profittevole perché il potenziale è enorme e perché un impianto che non è profittevole non può avere futuro».

Il 2019 sarà anche l'anno del lancio del centro ricerche con il reclutamento di 15 persone entro marzo e altre 12 persone dopo le vacanze estive. Si iniziare inoltre a sviluppare la rete con le scuole di ingegneria e le università italiane. Acciaio, ambiente ma anche cultura: a gennaio sarà formalizzata una partnership con la Soprintendenza ai beni culturali di Taranto e le Università per utilizzare una postazione all'interno dello stabilimento di Taranto per esaminare e stoccare - per obiettivi di ricerca - le rovine dell'acquedotto romano del Triglio vicino al siderurgico che è crollato a novembre. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400