Giovedì 13 Dicembre 2018 | 23:18

NEWS DALLA SEZIONE

La decisione del Comune
Da Orsara di Puglia un riconoscimento all'ex brigatista Curcio: è polemica

Da Orsara un riconoscimento all'ex brigatista Curcio: dopo polemica evento annullato

 
Università
Intelligenza artificiale e Big Data al Politecnico di Bari: progetto pilota con Microsoft

Intelligenza artificiale e Big Data al Politecnico di Bari: progetto pilota con Microsoft

 
Occupazione
Bari, protesta dei lavoratori Cara: rischio tagli del 50% sulle pulizie

Bari, protesta dei lavoratori Cara: rischio tagli del 50% sulle pulizie

 
SERIE D
Ardito gioca Brescia-Lecce: «Una partita da tripla»

Ardito gioca Brescia-Lecce: «Una partita da tripla»

 
Nel Leccese
Scorrano: ecco il presepe monumentale di sabbia

Scorrano: ecco il presepe monumentale di sabbia

 
Il caso
Bari, bimbo morto per polmonite in ospedale: oggi l'autopsia

Bari, bimbo morto in ospedale: l'autopsia conferma il decesso per polmonite

 
Il caso
Taranto, cadono calcinacci nel call center e colpiscono operatrice: «Se denunci perdi il posto»

Taranto, cadono calcinacci nel call center e colpiscono operatrice: «Se denunci perdi il posto»

 
Serie B
Il Foggia cerca allenatore, Delneri è out, ipotesi Delio Rossi

Il Foggia cerca allenatore, Delneri è out, ipotesi Delio Rossi

 
Sulla SS 16
Travolto da furgone mentre è fermo nella piazzola di sosta: un morto nel Brindisino

Travolto da furgone mentre è fermo nella piazzola di sosta: un morto nel Brindisino

 
Dalla digos
Terrorismo: fermato somalo a Bari per pericolo di fuga

Terrorismo: fermato somalo a Bari per pericolo di fuga

 
Trasporti
Fal: da lunedì 17 riapre la tratta Altamura-Matera

Fal: da lunedì 17 riapre la tratta Altamura-Matera

 

I fatti nel 2016

Foggia, ucciso davanti a compagna e figlio di 4 anni: fermato uno dei due killer

La vittima Rocco Dedda, venne uccisa con quattro colpi di pistola

Foggia, uccise un affiliato del clan Sinesi-Francavilla: arrestato

FOGGIA - E’ stato fermato dalla polizia durante un funerale Giuseppe Albanese, di 38 anni, accusato dell’omicidio di Rocco Dedda, un 47enne foggiano assassinato con quattro colpi di pistola il 23 gennaio 2016 a Foggia. Dedda, ritenuto dagli inquirenti vicino al clan mafioso Sinesi-Francavilla, venne freddato a casa davanti alla convivente e al figlio di 4 anni. Albanese è stato bloccato durante le esequie del pregiudicato Rodolfo Bruno, ucciso la scorsa settimana in un’area di servizio alla periferia di Foggia. Albanese è ritenuto dagli inquirenti vicino al clan Moretti-Pellegrino-Lanza.
L’inchiesta che ha potato alla sua individuazione si è avvalsa anche delle dichiarazioni di due collaboratori di giustizia. Il fermo della Dda di Bari è stato convalidato dal Gip di Foggia che ha emesso ordinanza di custodia cautelare in carcere.

«Quello è Giuseppe Albanese. È strano che non l’hanno riconosciuto, come mai non l’arrestano?». Sono le dichiarazioni rese al pubblico ministero della Dda di Bari Lidia Giorgio dal collaboratore di giustizia Pietro Antonio Nuzzi, 36enne di Altamura (Bari). Il 'pentitò ha riferito al magistrato le parole pronunciate dal suo compagno di cella Alessandro Moretti, quando nel luglio del 2016 la Polizia di Stato scelse di divulgare il video dei due sicari in fuga dopo aver ucciso Rocco Dedda. Uno dei due era appunto - secondo le indagini - Giuseppe Albanese.
Fondamentali ai fini dell’individuazione di Albanese sono state anche le dichiarazioni di un altro 'pentitò, Raffaele Bruno, collaboratore di giustizia da 11 anni, nonché fratello di Rodolfo Bruno ucciso la scorsa settimana a Foggia che nel video ha riconosciuto Albanese dalla camminata. 

IL MONITO DEL PROCURATORE AGGIUNTO DELLA DDA - «Deve finire questo atteggiamento da cittadini inattivi. Non bisogna aspettare l’azione repressiva dello Stato, altrimenti questa terra non ripartirà. La gente si svegli». È il monito lanciato dal procuratore aggiunto della Dda di Bari, Francesco Giannella, intervenuto questa mattina a Foggia alla conferenza stampa indetta per illustrare particolari relativi all’arresto di Giuseppe Albanese, pluripregiudicato foggiano di 38 anni, accusato dell’omicidio di Rocco Dedda, compiuto il 23 gennaio 2016 nella sua abitazione davanti alla compagna e al figlio di 4 anni.
«L'economia di un territorio riparte e si sviluppa - ha argomentato Giannella - grazie alla legalità, al rispetto delle regole e alla possibilità di intraprendere una attività economica senza influenza del racket delle estorsioni». «Insomma - ha concluso - in un contesto democratico dove la gente si sente libera di agire»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400