Sabato 19 Gennaio 2019 | 08:56

NEWS DALLA SEZIONE

La città della cultura europea
Tutti i numeri di Matera 2019: 48 mln per 40 settimane di programmazione

Tutti i numeri di Matera 2019: 48 mln per 40 settimane di programmazione

 
Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
La denuncia
Ex Ilva: da domenica raccolta di firme per esposto contro Arcelor Mittal

Ex Ilva: da domenica raccolta di firme per esposto contro Arcelor Mittal

 
A Bari
Giachetti contro Emiliano: «Ha lavorato per distruggere il Pd»

Giachetti contro Emiliano: «Ha lavorato per distruggere il Pd»

 
L'inchiesta
Cloro sporco in Puglia, interdetti due funzionari di Aqp

«Cloro sporco» in Puglia, interdetti due funzionari di Aqp

 
Ferrovie
Treni in Puglia, in arrivo una task force per garantire la puntualità

Treni in Puglia, in arrivo una task force per garantire la puntualità

 
SERIE D
Cittanova - Bari: il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Cittanova - Bari: il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

 
L'APPUNTAMENTO
Circolo della Vela Bari, i primi 90 annidomani la grande festa con l'open day

Circolo della Vela Bari, i primi 90 anni
domani la grande festa con l'open day

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 
La visita
Criminalità, capo polizia Gabrielli: «Foggiano area difficile, sottovalutata criminalità»

Criminalità, capo polizia Gabrielli: «Foggiano area difficile, sottovalutata criminalità»

 

La contesa tra gli under

Puglia, effetto Lega sui giovani di Forza Italia

Domenica l'assise, ma il coordinatore va con Salvini

Puglia, effetto Lega sui giovani di Forza Italia

BARI - Un congresso per rivitalizzare Forza Italia Giovani e per dare un segnale al partito «dei grandi» su come rinnovarsi per ripartire. Domenica gli under berlusconiani si riuniranno a Roma all’Hotel Parco dei principi e ci saranno anche i 21 delegati della Puglia. Non ci sarà però il coordinatore regionale uscente, Mimmo Lardiello di Taranto, che ha abbandonato la nave forzista per approdare ai lidi salviniani. Farà le sue veci la vice coordinatrice, Lucia Diele, nativa forzista, recentemente candidata (non eletta) al comune di Altamura. Lardiello ha motivato il suo addio con una «scarsa attenzione del partito per un ricambio generazionale, fin dalle candidature alle politiche del marzo scorso».

Ai nastri di partenza c’è un solo candidato, il bolognese Stefano Cavedagna, già leader degli universitari emiliani e attivo nell’organizzazione di Campus Everest a Giovinazzo, la festa nazionale dei trentenni berlusconiani, promossa con la fondazione Italia Protagonista di Maurizio Gasparri. C’era anche un altro candidato, Luigi De Rose, segretario regionale di Fi Giovani in Calabria, ma ha ritirato la sua candidatura adducendo presunte pressioni dei parlamentari sul congresso (nel quale voteranno 376 delegati). Solidale con De Rose è la pugliese Diele che annuncia di essere tentata dal non partecipare al congresso «perché si sta mettendo in dubbio la meritocrazia. Sono per l’unità del movimento e contro i giochi di potere». Mentre la discussione interna tra gli under si infiamma, intanto anche tra gli studenti cresce l’attenzione per la Lega: «L’addio di Lardiello? È l’unico dei nostri dirigenti ad andare nella Lega. I partiti - spiega la Diele, che ha come punti di riferimento il consigliere regionale Armando Cesaro e il senatore Gasparri - hanno momenti di vacche magre e di vacche grasse. Per il Carroccio ora c’è il vento in poppa. Vedremo se i leghisti manterranno le promesse elettorali..».

«Dopo 20 anni anche il movimento giovanile riesce ad avere uno spazio proprio per eleggere un coordinatore nazionale: si tratta di un momento storico»: questa è invece l’opinione di Vito Giardino (di Capurso), dirigente nazionale di FI Giovani. «Bisogna fare i congressi, tra i giovani e tra i grandi, per rinnovare la classe dirigente e tornare ad essere il partito cardine del centrodestra di governo», ha aggiunto Giardino.

Mauro Binetti, dirigente nazionale di Molfetta: «A Roma avremo un momento di dibattito importante per preparare un cambio generazione del politica. Progetteremo un nuovo itinerario per coinvolgere il numero maggiore di giovani, interessandoli ai temi della politica, salvandoli dal disinteresse per il proprio futuro».

«Con Cavedagna - ha aggiunto Binetti, che è un sostenitore dell’emiliano - rimetteremo in movimento la struttura giovanile, eleggendo dal basso con i congressi i nuovi dirigenti. Il governo giallo-verde? Non ci piace. I pentastellati hanno un programma antitetico rispetto al nostro. Siamo fortemente contrari al reddito di cittadinanza: i giovani non hanno bisogno di assistenzialismo ma di imprese, che con una riduzione delle tasse, possano inserire nei propri organici sempre più giovani. È il lavoro che dà dignità all’uomo, non le mancette di Di Maio». Infine uno sguardo alla Puglia: «Emiliano, come confermato dalla querelle sulle plafoniere, una brutta figura nazionale, non ha cuore il futuro dei pugliesi e sulla sanità è molto carente. Ci vuole un cambio di governo a Roma e in Puglia».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400