Lunedì 19 Agosto 2019 | 01:37

NEWS DALLA SEZIONE

Coppa Italia
Lecce Salernitana

Lecce superstar batte la Salernitana 4-0. Bari, «schiaffo» ad Avellino. Monopoli asfaltato dal Frosinone

 
Vandalismo
Lecce, distrutto il «Tempietto» di via Rubichi. L'ira del vescovo

Lecce, distrutto il «Tempietto» di via Rubichi. L'ira del vescovo

 
Guardia costiera
Polignano, stop bagni a Lama Monachile: pericolo nuovi crolli

Polignano, stop bagni a Lama Monachile: pericolo nuovi crolli. L'Ordinanza

 
La polemica
Lega, scoppia il bubbone a Foggia: espulsioni e «sassolini». Arriva il nuovo segretario

Lega, scoppia il bubbone a Foggia: espulsioni e «sassolini». Arriva il nuovo segretario

 
Melpignano
Notte Taranta, montato il palco: quest'anno il carpet con gli artisti

Notte Taranta, montato il palco: quest'anno il carpet con gli artisti

 
Politica
L'ira di Altieri: «Emiliano rispetti i leghisti pugliesi»

L'ira di Altieri: «Emiliano rispetti i leghisti pugliesi»

 
Bollino rosso
Bari, auto in fiamme sull'A14: coda lunga 4 km e traffico in tilt

Bari, auto in fiamme sull'A14: coda lunga 4 km e traffico in tilt

 
Disagi in spiaggia
Monopoli, sversati liquami in mare: divieto balneazione al Lido Bianco

Monopoli, sversati liquami in mare: divieto balneazione al Lido Bianco

 
Incidenti stradali
Scontro frontale tra due auto tra Laterza e Ginosa: morto 40enne, 3 feriti

Puglia, domenica di sangue sulle strade: 4 morti a Laterza, Trinitapoli e Veglie

 
Il caso
Choc a Monopoli, una «Maria nera» ruba la scena alla «Madonna della Madia»

Choc a Monopoli, una «Maria nera» ruba la scena alla «Madonna della Madia»

 
Sviluppo
Il Sud sorprendente volano per l’avvio di nuove imprese

Il Sud sorprendente volano per l’avvio di nuove imprese

 

Il Biancorosso

Coppa Italia
Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceVandalismo
Lecce, distrutto il «Tempietto» di via Rubichi. L'ira del vescovo

Lecce, distrutto il «Tempietto» di via Rubichi. L'ira del vescovo

 
HomeGuardia costiera
Polignano, stop bagni a Lama Monachile: pericolo nuovi crolli

Polignano, stop bagni a Lama Monachile: pericolo nuovi crolli. L'Ordinanza

 
FoggiaLa polemica
Lega, scoppia il bubbone a Foggia: espulsioni e «sassolini». Arriva il nuovo segretario

Lega, scoppia il bubbone a Foggia: espulsioni e «sassolini». Arriva il nuovo segretario

 
BrindisiIl caso
Cisternino, si appropriava di auto poste sotto sequestro: denunciato

Cisternino, si appropriava di auto poste sotto sequestro: denunciato

 
HomeIncidenti stradali
Scontro frontale tra due auto tra Laterza e Ginosa: morto 40enne, 3 feriti

Puglia, domenica di sangue sulle strade: 4 morti a Laterza, Trinitapoli e Veglie

 
GdM.TVIl ritrovamento
Scanzano Jonico, sulla spiaggia spunta un granchio tropicale

Scanzano Jonico, sulla spiaggia spunta un granchio tropicale

 
PotenzaIl caso
Castelmezzano, Rubano offerte in chiesa: messi in fuga da 2 parrocchiani

Castelmezzano, rubano offerte in chiesa: messi in fuga da 2 parrocchiani

 
BatL'iniziativa il 22 agosto
Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

 

i più letti

In vista dell'incontro

L'ex Piangerelli: Lecce-Palermo
quella sfida che valse la A

L'amarcord di chi ricorda quel 3-0 con Delio Rossi in panchina

L'ex Piangerelli: Lecce-Palermoquella sfida che valse la A

L'ex Piangerelli del Lecce

LECCE - «La sfida tra Lecce e Palermo richiama alla mia mente emozioni stupende. Un Via del Mare gremito in ogni di posto, il 7 giugno 2003, per un match che vincemmo per 3-0, festeggiando la promozione in serie A. Fu il degno coronamento di una grande stagione, nella quale a guidarci fu Delio Rossi». Ad aprire il libro dei ricordi, in vista della partitissima tra la formazione giallorossa e quella rosanero, in programma domenica 21 ottobre, è Gigi Piangerelli, 190 presenze e 4 reti con la maglia del club salentino dal 1997 al 2004, tra serie A e serie B, più di cinque stagioni vissute da capitano.

«Il prossimo confronto tra Lecce e Palermo promette spettacolo - prosegue Piangerelli, che attualmente è il responsabile dell’attività di base del Sassuolo, dopo essere stato a lungo responsabile del settore giovanile del Cesena - Sono due compagini bene attrezzate, allenate da due tecnici, Liverani e Stellone, che sono abituati a fare giocare le proprie squadre in maniera propositiva. Lo scontro diretto tra giallorossi e rosanero, pertanto, dovrebbe essere divertente, ricco di emozioni ed apertissimo a qualunque risultato, come si conviene alle sfide di cartello».

Il complesso siciliano è tra i grandi favoriti per la promozione. «Sulla carta è uno dei team meglio attrezzati della serie cadetta insieme al Benevento ed al Verona - nota Piangerelli - Ma in B c’è grande equilibrio, le differenze sono minime e ci sono diversi sodalizi che hanno allestito delle rose di prim’ordine. Tra questi vedo senza dubbio il Lecce, che ha tutto per meritare un posto al sole, magari in zona playoff. Del resto, l’inizio di campionato dei salentini è stato ampiamente positivo. Li ho visti un paio di volte in televisione e mi hanno fatto un’ottima impressione, come del resto il Palermo».

Tra i calciatori a disposizione di Fabio Liverani c’è il centrale difensivo Cesare Bovo, che è stato compagno di squadra di Piangerelli proprio nel Lecce, nel 2002/2003 e nel 2003/2004. «All’epoca era molto giovane, ma si vedeva che aveva stoffa - sostiene l’ex capitano del team giallorosso - Non a caso, del resto, la sua è stata una carriera importante. Conosco bene anche il centrocampista Tabanelli, che è cresciuto nelle giovanili del Cesena, società per la quale ho lavorato per anni. È stato frenato spesso dagli infortuni, ma ha qualità».

Il responsabile dell’attività di base del Sassuolo è rimasto impressionato dalla prestazione sfoderata da Marco Mancosu a Verona. «Lo conoscevo e sapevo che fosse un calciatore di qualità - afferma Piangerelli - Contro l’Hellas le sue giocate hanno fatto la differenza. Ma il Lecce dispone di elementi di valore anche in attacco, primo tra tutti Palombi, un ragazzo scuola Lazio che dispone di mezzi notevoli, senza tralasciare i più esperti La Mantia e Pettinari che hanno già dimostrato di che pasta sono fatti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie