Venerdì 24 Maggio 2019 | 01:20

NEWS DALLA SEZIONE

Raffaele Fitto (Ecr)
«Agricoltura, la Puglia rischia di perdere 171 milioni di fondi Ue»

«Agricoltura, la Puglia rischia di perdere 171 milioni di fondi Ue»

 
La polemica
Soldi Regione Puglia per ficton su strage Duisburg. Santelli, Antimafia: «È oscena»

Soldi Regione Puglia per fiction su strage 'ndrangheta a Duisburg. Santelli (Antimafia): «Osceno»

 
Studio Cattolica
Comuni efficienti, l'Osservatorio di Cottarelli boccia tutti i capoluoghi pugliesi

Comuni efficienti e servizi, l'Osservatorio di Cottarelli boccia i capoluoghi pugliesi

 
Coinvolti 2mila lavoratori
Caporalato: sfruttavano braccianti a 2,5 euro l'ora tra Bari e Andria, in 8 patteggiano

Caporalato, braccianti a 2,5 euro l'ora tra Bari e Andria: in 8 patteggiano

 
Playout
Foggia calcio, il Tar Lazio sospende tutto: tifosi tornano a sperare

Foggia calcio, il Tar Lazio sospende tutto: tifosi tornano a sperare

 
Con Mayo Clinic
Tumori fegato: ospedale Castellana avvia partnership in Usa

Tumori fegato: ospedale Castellana avvia partnership in Usa

 
Trasporti
Ferrovie Sud-Est, al Salento l'«usato sicuro» dei treni polacchi

Ferrovie Sud-Est, al Salento l'«usato sicuro» dei treni polacchi

 
Calciomercato
Lecce: cercasi portiere esperto di Serie A

Lecce: cercasi portiere esperto di Serie A

 
L'intervista
Corsa alle Europee, Fitto: «Solo noi possiamo cambiare l'Ue»

Corsa alle Europee, Fitto: «Solo noi possiamo cambiare l'Ue»

 
Nel brindisino
Latiano, solaio crollato: disposta chiusura scuola primaria

Latiano, solaio crollato: disposta chiusura scuola primaria

 
Di Monopoli
Ingegneria, a Bari laurea honoris causa all'imprenditore Vito Pertosa

Ingegneria, a Bari laurea honoris causa all'imprenditore Vito Pertosa

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl candidato
Comunali, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

Comunali Bari, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

 
MateraSanità
Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

 
PotenzaStatale 653
Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

 
BatLa sentenza
Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

 
BrindisiNel brindisino
Latiano, solaio crollato: disposta chiusura scuola primaria

Latiano, solaio crollato: disposta chiusura scuola primaria

 
Tarantonel tarantino
Massafra, spacciano davanti a scuola: arrestati due 19enni

Massafra, spacciano davanti a scuola: arrestati due 19enni

 
LecceSenza lavoro
Povertà: a Lecce aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

Povertà: aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

 
FoggiaLo studio
Servizi pubblici: Foggia ultima in Italia

Servizi pubblici: Foggia ultima in Italia

 

i più letti

Il club biancorosso

Bari, addio serie B: è fallimento
Muore il calcio dopo 110 anni
Decaro: è un brutto giorno

L'imprenditore Andrea Radrizzani proprietario del Leeds United si ritira: dubbi sui debiti. E il patron: avevo un tedesco pronto, dopo la cordata del sindaco, ha rinunciato

Bari, pasticcio «F24: indagato Giancaspro

L'imprenditore Giancaspro: passerà alla storia

BARI - Ormai è finita. La storia del calcio a Bari, dopo 110 anni, è giunta al capolinea. In mancanza della ricapitalizzazione, alle 18 di lunedì 16 luglio è calato il sipario sullo storico club per la mancata iscrizione in serie B. Alla vigilia della scadenza del termine per ricapitalizzare e nonostante l'annunciata volontà di intervenire con 3 milioni di euro per rilevare il 68% della società, i due potenziali nuovi soci che avrebbero dovuto salvare il Bari calcio, si sono tirati indietro. Alle 16, proprio mentre era stata convocata l'assemblea straordinaria dal presidente Giancaspro, è giunta la notizia del disimpegno da parte di Andrea Radrizzani, il patron del Leeds che insieme al barese Ferdinando Napoli si era fatto carico della ricapitalizzazione. Una decisione maturata nel corso della giornata quando la situazione è cambiata ed è accaduto quello che nessuno voleva. E con un pizzico di giallo: un potenziale investitore tedesco, secondo quanto riferito da Giancaspro nel cda, si sarebbe ritirato dopo aver appreso della cordata annunciata dal sindaco Decaro.

LA DECISIONE DOPO L'ANALISI DEI CONTI - Sta di fatto che con una nota inviata nel pomeriggio, Radrizzani, presidente di Aser Group, ha sottolineato che «negli ultimi giorni abbiamo valutato attentamente la possibilità di investire nel AS Bari insieme ad altri partners e investitori locali. Purtroppo il poco tempo disponibile per eseguire una due diligence dettagliata e approfondita consona ad una operazione con un alto profilo di rischio ci costringono a malincuore ad abbandonare questa idea e sfida. Auguriamo che la società possa essere salvata e restiamo disponibili a valutare future collaborazioni e investimenti». La forma del disimpegno lascia intendere chiaramente che nel corso dell'esame del carteggio societario, sono spuntate nuove voci di ulteriori debiti che hanno «spaventato» i potenziali acquirenti. Pare infatti che alla richiesta della debitoria dal 31 marzo di quest'anno in poi non sia mai giunta risposta. Una circostanza che ha rafforzato il dubbio su una situazione che andasse al di là di quanto si sapeva (si parla di oltre 16 milioni).

BARI - COREOGRAFIA CURVA NORD STADIO SAN NICOLA

GIANCASPRO: C'ERA UN INVESTITORE TEDESCO. SI RIPARTE DALLA D, LA SPERANZA C - Giancaspro, alle 16, aveva convocato un'assemblea a Roma nel corso della quale, dopo aver verificato la regolarità del bonifico e del resto della documentazione richiesta dalla Covisoc, si sarebbe dimesso unitamente al resto de cda per consentire l'ingresso della nuova compagine societaria. Il Bari aveva tempo fino alle 18 per ricapitalizzare e per presentare entro un'ora successiva il ricorso alla Covisoc contro la mancata iscrizione in B. Ma tutto ciò non è avvenuto. Nel tardo pomeriggio si è riunito il cda presumibilmente per prendere atto della situazione e, come da norma, con la richiesta della messa in liquidazione della società per il venir meno della continuità aziendale. Tuttavia si è appreso che il presidente  Giancaspro, nel corso della riunione, avrebbe parlato di un investitore tedesco pronto a rilevare il Bari e che, dopo l'annunciata cordata del sindaco Decaro, si sarebbe ritirato. Per il Bari si profila la ripartenza da zero, ovvero dalla serie D. Qualcuno parla di un piano B per una iscrizione in serie C con un provvedimento del commissario straordinario della Figc vista la moria di iscrizioni nello stesso campionato di C. Ma si tratta di una ipotesi remota, che allo stato non può essere presa in considerazione. Si fa avanti, invece, la proposta dell'imprenditore Nicola Canonico, presidente del Bisceglie, di trasferire il titolo di serie C dalla città del nord barese a Bari. Ipotesi che farebbe naufragare la tradizione biancorossa e passerebbe come una usurpazione alla tifoseria di quella città che si sentirebbe scippata. Soluzione peraltro non gradita da un pezzo della tifoseria biancorossa. Nel frattempo Canonico ha cambiato sede sociale, ha modificato costituito la As Bari 2018 e ha cambiato in biancorossi i colori sociali del Bisceglie. 

DECARO: UN BRUTTO GIORNO PER LA CITTA' - Il sindaco Antonio Decaro sulla vicenda Fc Bari Calcio ha dichiarato che «Questo è un brutto giorno non solo per il calcio barese, ma per tutta la città. È il giorno di una sconfitta, che brucia mille volte di più di tutte le sconfitte sul campo. Ci abbiamo provato tutti a fare tutto quello che era possibile. Ho provato anche io, forse andando oltre le competenze di un sindaco. L’ho fatto da responsabile di una grande comunità, l’ho fatto da cittadino e anche da tifoso. Ora però non bisogna mollare. Dobbiamo continuare con tutte le nostre forze a lavorare perché a Bari il calcio non finisca in questo pomeriggio di luglio. Non lo merita la città, non lo meritano i suoi tifosi».

LA SQUADRA IN RITIRO: LIBERI TUTTI - I calciatori, dopo esser stati raggiunti dal ds Sean Sogliano, hanno interrotto il ritiro in Trentino, e di fatto saranno svincolati, ovvero liberi di accasarsi senza costi di acquisto del cartellino. Il ds ha definito l’epilogo della vicenda Bari «una vergogna». La rosa del Bari, secondo il sito specializzato Trasfermarkt.it, aveva un valore di 12,3 milioni di euro. I pezzi pregiati erano gli attaccanti Galano e Andrada (valutati 1,5 mln), il terzino Balkovec (700mila), il mediano Henderson (1,5 mln, seguito da Fiorentina e Bologna), il difensore Somma (700mila) e il portiere Micai (500mila euro). Moto richiesto sul mercato era stato nelle scorse settimane anche il terzino Anderson.

STRISCIONE SOTTO CASA DI CANONICO: MI RITIRO

La nostra dignità non si baratta: Canonico non ti voglia,o. Di prima mattina, l'impenditore barese presidente del Bisceglie che aveva proposto il trasferimento del titolo del Bisceglie a Bari (aveva già cambiato i coloro, la sede e il nome) ha trovato questo biglietto di benvenuto. La mano è la stessa della tifoseria che in queste settimane ha diffuso slogan e striscioni. «Ad un gesto di generosità e amore per la propria squadra e città - scrive Canonico sul sulla sua pagina Facebook - si risponde con una incomprensibile provocazione sotto casa . Prendo atto e ritiro la disponibilità offerta , augurandomi che il titolo per la serie D finisca nelle mani di chi conosce e ama il calcio e non gli affari di altra natura».

----------------

EMILIANO: IMPRENDITORI CONTRIBUISCANO A RIPARTIRE - «Credo che la classe imprenditoriale della città di Bari si debba far carico di ricominciare. E noi cercheremo come istituzioni, ma lo deve fare soprattutto il sindaco di Bari, di sostenere questo sforzo». Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano di commentare la crisi del Bari calcio che a causa della mancata ricapitalizzazione della società, i cui termini sono scaduti ieri sera, non potrà iscriversi al prossimo campionato. Emiliano ha spiegato di aver vissuto la questione «come tutti i tifosi, speravo...».

«Io - ha sottolineato - sono il presidente di tutta la Puglia, quindi ci sono anche altre squadre di calcio che sono in difficoltà. Naturalmente c'è un 'problema di cuorè, e se parliamo del mio cuore è chiaro che oggi è una giornata molto complicata. E’ una cosa molto pesante da accettare».

«Credo - ha rilevato - che tutte le istituzioni, a tutti i livelli, si siano prodigate nella maniera migliore. Per Emiliano, «il sindaco» di Bari, Antonio Decaro, «ha fatto tutto quello che era possibile fare per sollecitare chi poteva prendere una iniziativa a realizzarla. Dopodiché il calcio è una attività privata. Ci mancherebbe che le istituzioni, con tutti i guai che hanno e il dolore che devono gestire, facessero diventare improvvisamente centrale il calcio».

«Però - ha aggiunto - siccome il calcio è nel nostro cuore, è chiaro che per noi tutti, e parlo dei baresi in modo particolare, è una giornata durissima. Anche perché dopo 110 anni non iscrivere la squadra al campionato, e sciogliere il ritiro dei ragazzi che si stavano già allenando, è una cosa molto molto dura da accettare».

Quanto alle altre «squadre pugliesi in difficoltà», Emiliano ha ricordato «il Foggia che mi preoccupa molto». «Sono molto contento che invece - ha aggiunto - altre squadre stiano procedendo speditamente».

«Capisco che i tifosi baresi, da me che sono il vecchio sindaco di Bari - ha concluso - si aspetterebbero un intervento diretto. Però grazie a Dio hanno un sindaco, che peraltro ha lavorato al mio fianco tanti anni, che sta facendo egregiamente il suo lavoro». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • biancorosso

    16 Luglio 2018 - 18:06

    Peccato, ma ditemi, come si fa a trattare la cessione del 70% di un club in mezza giornata?

    Rispondi