Martedì 23 Ottobre 2018 | 03:05

NEWS DALLA SEZIONE

Alla chiusura
Rapinano banca a Barletta: sfondano ingresso con furgone e fuggono

Barletta, rapinatori assaltano banca sfondando la vetra...

 
Denunciato un ristoratore
Polignano, nel menu tonno frescoA tavola prodotto scaduto e scongelato

Polignano, nel menu tonno fresco, a tavola prodotto sca...

 
A Taranto
Tornelli rotti all'Ilva: venerdì scatta lo sciopero per i lavoratori dell'appalto

Tornelli rotti all'Ilva: venerdì scatta lo sciopero per...

 
La città delle ceramiche
Grottaglie nuova Città Europea dello Sport 2020, Emiliano: «Ok gioco di squadra»

Grottaglie nuova Città Europea dello Sport 2020, Emilia...

 
Dopo l'infarto
Vendola torna a casa: «Grazie ad amici e avversari»

Vendola torna a casa: «Grazie ad amici e avversari»

 
clima d’odio
Ronde anti-migranti in azione dopo doppio pestaggio a Brindisi

Ronde anti-migranti in azione dopo doppio pestaggio a B...

 
Non ebbe l'asilo politico
Gambiano suicida nel Tarantino: raccolti 4200 euro per rimpatrio salma

Gambiano suicida nel Tarantino: raccolti 4200 euro per ...

 
a Presicce
Nascondeva 2kg di droga nel fienile tra gli animali, arrestato 39enne nel Leccese

Nascondeva 2kg di droga nel fienile tra gli animali, ar...

 
emergenza roghi
Terra dei fuochi, in prima linea i comitati e le associazioni

Terra dei fuochi anche a Bari: in prima linea i comitat...

 
Il caso
Lucera, tenta di estorcere 5500 euro a una suora della Caritas: arrestato

Lucera, tenta di estorcere 5500 euro a una suora della ...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Consiglio dei ministri

Governo, 6 viceministri e 39 sottosegretari. Il brindisino Giuliano all'Istruzione

Accelerazione per evitare frizioni. L’importante ruolo di viceministro dell’Economia sarà ricoperto da Laura Castelli

Governo, trovata intesa su 6 viceministri e 39 sottosegretari

Il Consiglio dei ministri

ROMA - M5s e Lega accelerano sul completamento della squadra del governo, dopo una impasse durata dieci giorni che ha bloccato anche i lavori del Parlamento: dopo un vertice di maggioranza non semplice si è trovata una intesa su viceministri e sottosegretari che sono stati nominati in un Consiglio dei ministri serale. L’aver riempito le caselle del governo (6 viceministri e 39 sottosegretari) consente ora di formare le Commissioni permanenti di Camera e Senato, e far partire l’attività legislativa.

Il vertice riunito dal premier Giuseppe Conte, ha fatto seguito ad uno dedicato ai temi economici in vista del voto delle Camere sul Def. Un tema complicato, quello della finanza pubblica, dopo che il ministro Giovanni Tria, domenica scorsa, ha posto una serie di paletti, e che ha visto Palazzo Chigi decidere di rinviare la grana. Si è chiuso invece il tira e molla sui sottosegretari, con un’accelerazione impressa anche per evitare che le frizioni tra M5s e Lega si incancrenissero. All’ora di pranzo il quadro era pressoché completato, con una serie di scelte significative sul piano politico, ma anche con alcune esclusioni eccellenti.

L’importante ruolo di viceministro dell’Economia - anche se le deleghe, spiega Fraccaro al termine del Cdm, arriveranno solo in un secondo momento, forse giovedì - sarà ricoperto da Laura Castelli, appena 31 anni ma alla seconda legislatura, con alle spalle cinque anni in Commissione Bilancio della Camera. Sempre al Mef viene indicato l’altro pentastellato Alessio Villarosa.

La Lega dovrebbe invece avere la presidenza del Cipe, affidata al sottosegretario alla presidenza Giancarlo Giorgetti. Il premier Conte terrà invece per sé la delega ai Servizi. Un’altra delega importante, quella alle Telecomunicazioni, che fa capo al ministero dello Sviluppo, dovrebbe essere mantenuta dallo stesso ministro, cioè Luigi Di Maio, e non da un sottosegretario, come nelle passate legislature. La delega all’editoria è anche destinata al M5S, con le quotazioni di Primo Di Nicola che, nelle ultime ore, sembrano in rapido calo a favore di Vito Crimi.

Domani verranno eletti dalla Camera anche un questore e un vicepresidente, dopo la nomina di Riccardo Fraccaro e Lorenzo Fontana a ministri. Al posto del primo andrà Federico D’Incà, (M5s) mentre per la seconda casella in pole position c'è Raffaele Volpi (Lega) anche se il Carroccio ha accarezzato l'idea di offrirla a Fabio Rampelli, capogruppo di Fdi, per rafforzare la vicinanza del partito della Meloni al governo, pur non stando nella maggioranza. Fdi punta però a una delle due COmmissioni di garanzia che spettano all’opposizione, Copasir e Vigilanza Rai, specie la seconda, che è nel mirino pure di Fi.

I NOMI - Sono 25 i sottosegretari indicati dal M5s 17 dalla Lega e 2 tecnici uno dal Maie.

- ESTERI: vanno Emanuela Del Re, a suo tempo candidata a dirigere la Farnesina nel governo 'ombra' M5s. Esperta di geopolitica e docente di Sociologia politica. Arriva alla Farnesina anche l'ingegnere informatico Manlio di Stefano, uno dei più convinti fautori di un rapporto disteso con la Russia. Agli Esteri vanno anche l'italo-argentino Ricardo Antonio Merlo, fondatore del Movimento Associativo Italiani all'Estero e Guglielmo Picchi, consigliere di Salvini per la politica estera.

- INTERNI. La squadra sarà composta da 4 sottosegretari: il leghista Nicola Molteni, fino a questa sera presidente della Commissione speciale e il collega Stefano Candiani. Luigi Gaetti e Carlo Sibilia vanno per il M5s.

- GIUSTIZIA: solo in due andranno a coadiuvare il ministro Alfonso Bonafede. Il pentastellato Vittorio Ferraresi e per la Lega Jacopo Morrone.

- DIFESA: arrivano il 5 Stelle Angelo Tofalo e per la Lega Raffaele Volpi.

- MEF: arrivano due viceministri, la 5 Stelle torinese Laura Castelli e per il Carroccio Massimo Garavaglia. Sottosegretari Massimo Bitonci della Lega e Alessio Villarosa del M5s.

- Sviluppo Economico. Il M5s porta l'avvocato Andrea Cioffi e Davide Crippa, la Lega Dario Galli e Michele Geraci, docente legato a doppio filo con la Cina.

- AGRICOLTURA: ecco Franco Manzato e Alessandra Pesce, candidato ministro nel governo 'ombra' M5s.

- AMBIENTE: sono nominati Vannia Gava e Salvatore Micillo.

- INFRASTRUTTURE: va il 5 Stelle Michele Dell'Orco (non eletto) e i leghisti Edoardo Rixi e Armando Siri, il teorico della flat tax.

- LAVORO: Claudio Cominardi e a Claudio Durigon per la Lega si aggiungono alla squadra

- ISTRUZIONE: il M5s porta l'economista di Pretoria Lorenzo Fioramonti e il superpreside brindisino (di Latiano) Salvatore Giuliano

- CULTURA E TURISMO: la legista Lucia Borgonzoni, nipote del pittore e partigiano Aldo Borgonzoni e il 5S Gianluca Vacca

- SALUTE. Va il patologo Armando Bartolazzi voluto da Di Maio nel governo ombra M5s e il leghista Maurizio Fugatti.

- RAPPORTI CON IL PARLAMENTO: Guido Guidesi, Vincenzo Santangelo e Simone Valente; - PA: Mattia Fantinati

- AFFARI REGIONALI: Stefano Buffagni. Commercialista era dato in pole per il Mise poi sembrava essere stato escluso. - SUD: Giuseppina Castiello;

- FAMIGLIA: Vincenzo Zoccano, non vedente e al vertice Forum Italiano sulla Disabilità

- AFFARI EUROPEI: arriva il magistrato Luciano Barra Caracciolo;

- EDITORIA: Vito Claudio Crimi; fu primo capogruppo M5s assieme a Roberta Lombardi

- PARI OPPORTUNITÀ: Vincenzo Spadafora. Braccio destro di Di Maio e un passato come Garante dell'Infanzia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400