Lunedì 26 Ottobre 2020 | 16:46

NEWS DALLA SEZIONE

Coronavirus
Foggia, 4 poliziotti positivi al Covid: 6 agenti della Questura in isolamento

Foggia, 4 poliziotti positivi al Covid: 6 agenti della Questura in isolamento

 
Coronavirus
Foggia, ufficiale Esercito positivo al Covid: contagio avvenuto in ambito extra lavorativo

Foggia, ufficiale Esercito positivo al Covid: contagio avvenuto in ambito extra lavorativo

 
Emergenza contagi
Vieste, focolaio Covid in Rsa: 20 positivi tutti asintomatici

Vieste, focolaio Covid in Rsa: 20 positivi tutti asintomatici

 
operazione «Araneo»
Doga e mafia, colpo alla «Società foggiana»: 16 arresti in Capitanata e in altre regioni

Droga e mafia, colpo alla «Società foggiana»: 16 arresti in Capitanata e altre regioni

 
emergenza Covid
Foggia, Polizia locale: sanzioni in arrivo per chi segnale falsi assembramenti

Foggia, Polizia locale: sanzioni in arrivo per chi segnala falsi assembramenti

 
Controlli dei CC
Biccari, allaccio abusivo alla rete gas: «furbetto» finisce ai domiciliari

Biccari, allaccio abusivo alla rete gas: «furbetto» finisce ai domiciliari

 
Tragedia sfiorata
Foggia, scontro tra autocarri su via Napoli, uno si ribalta: solo feriti

Foggia, scontro tra autocarri su via Napoli, uno si ribalta: solo feriti

 
coronavirus
Lucera, 9 pazienti in ospedale positivi al Covid: a Foggia 2 medici contagiati

Lucera, 9 pazienti in ospedale positivi al Covid: a Foggia 2 medici contagiati

 
In viale di Levante
Cerignola, botte e coltellate a un nigeriano: in manette pregiudicato 65enne

Cerignola, botte e coltellate a un nigeriano: in manette pregiudicato 65enne

 
Nella notte
Foggia, auto pirata fa «strike» in via Arpi: danni a 4 mezzi in sosta

Foggia, auto pirata fa «strike» in via Arpi: danni a 4 mezzi in sosta

 
Si è impiccato
San Severo, si uccide imprenditore: era stato coinvolto in inchiesta sui rifiuti

San Severo, si uccide imprenditore: era stato coinvolto in inchiesta sui rifiuti

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari tocca a te: alle 21 contro il Catania vietato fallire

Bari tocca a te: alle 21 contro il Catania vietato fallire

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariPaura contagio
Bari, emergenza Covid: da domani classi sdoppiate tra aula e casa

Bari, emergenza Covid: da domani classi sdoppiate tra aula e casa

 
Covid news h 24Coronavirus
Foggia, 4 poliziotti positivi al Covid: 6 agenti della Questura in isolamento

Foggia, 4 poliziotti positivi al Covid: 6 agenti della Questura in isolamento

 
Batl'intervista
Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

 
Homeserie C
Palermo-Potenza, salta la partita di giovedì: 19 giocatori siciliani positivi al Covid

Palermo-Potenza, salta la partita di giovedì: 19 giocatori siciliani positivi al Covid

 
Tarantoil furto
Taranto, rubano Dpi per operatori Covid da auto Asl: «Atto deplorevole»

Taranto, rubano Dpi per operatori Covid da auto Asl: «Atto deplorevole»

 
Covid news h 24la provocazione
Taviano, #iorestoaperto: gestore cinema sfida norme Dpcm

Taviano, nuovo Dpcm: gestore cinema sfida divieto: #iorestoaperto

 
Materacontrolli della ps
Matera, si affaccia al balcone e spaccia stupefacenti: arrestato pusher 46enne

Matera, si affaccia al balcone e spaccia stupefacenti: arrestato pusher 46enne

 
Brindisiopere pubbliche
Ceglie Messapica, lavori alla torre finalmente ripresi

Ceglie Messapica, lavori alla torre finalmente ripresi

 

i più letti

CAPITANATA

Manfredonia, sfrattato lo storico luna park della famiglia Alberini

Levata di scudi dei giostrai: «Abbiamo diritto anche a noi a lavorare»

Manfredonia, sfrattato lo storico luna park della famiglia Alberini

Manfredonia - Avrebbe dovuto essere un luogo in cui trovare un po’ di svago in un’estate anomala sia per il clima sia perché giunta al termine del lungo periodo di lockdown. Invece il parcheggio alle spalle del Centro “Cesarano” pare un deposito desolante ed inanimato di giganti della strada. «Siamo lavoratori anche noi e abbiamo famiglie da sfamare, non è giusto essere stati trattati così».

C’è tanta amarezza mista a preoccupazione per un futuro che ora più che mai appare incerto nella voce di Germano Alberini, della storica famiglia foggiana di giostrai che è stato invitato a lasciare Manfredonia, dove sabato scorso avrebbe dovuto inaugurare un mini luna park estivo.

Cos’è successo? E c’erano le autorizzazioni ad aprire? «Dopo aver fatto le richieste tramite piattaforma Suap un mese fa, avevamo avuto la scorsa settimana dalla dirigente del Comune l’ok per venire a Manfredonia», spiega Alberini. Invece i giostrai hanno smontato tutte le attrazioni per ripartire. «Non avevamo un permesso scritto, perché la dirigente del Comune, che ci aveva autorizzati, è la stessa che poi ci ha detto di andare via. Per avere l’autorizzazione definitiva – evidenzia - avremmo dovuto montare il luna park e attendere i controlli da parte dei tecnici. Invece, all’ultimo momento il Comune si è tirato indietro».

Poi precisa: «Se non avessimo preso accordi, come avremmo potuto avere le chiavi dei bagni che ci sono nel parcheggio? E perché avrebbero dovuto allacciarci la corrente, che tra l’altro abbiamo anche già pagato? E soprattutto perché avrebbero mandato a pulire l’area, che quando siamo arrivati era sporchissima e piena di rifiuti?».

La notizia dell’arrivo del luna park aveva fatto esultare molti, ma storcere il naso a tanti altri. A causa dell’emergenza Covid, infatti, sono saltati eventi vari ed anche le manifestazioni religiose. E il fatto di poter consentire l’allestimento di giostre vietando le processioni, non è stato ben visto. «Cosa c’entra la Madonna con il nostro lavoro?», sbotta Alberini. «Avremmo portato soltanto nove giostre, tra l’altro tenendole ben distanziate tra loro; avremmo evitato di mettere la musica, visto che vicino ci sono dei palazzi; e avremmo anche chiuso tutte le attrazioni ad orari che avrebbero potuto indicarci. Ma non è giusto non permetterci di lavorare. Hanno riaperto lidi, pizzerie e ristoranti. Perché noi no?«. «Abbiamo bisogno di lavorare, siamo sette famiglie con sei bambini e non incassiamo un centesimo da mesi», confessa sommessamente Germano Alberini, ancora incredulo del trattamento ricevuto dopo sessant’anni di attività. «Speravamo - aggiunge, e probabilmente ci sperano ancora - in un confronto cordiale per poter trovare una soluzione, ma non ci è stata concessa l’opportunità in questo momento di difficoltà economica. Non lo crediamo corretto e rispettoso verso dei lavoratori».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie