Lunedì 03 Agosto 2020 | 14:16

NEWS DALLA SEZIONE

nel foggiano
Ministro Azzolina a Cerignola: «Beni confiscati a mafia vittoria dello Stato»

Ministro Azzolina a Cerignola: «Beni confiscati a mafia vittoria dello Stato»

 
pubblica amministrazione
Foggia, comuni, uffici senza personale rischio fondi Ue

Foggia, uffici del Comune senza personale: a rischio fondi Ue

 
i retroscena
Rissa a Borgo Mezzanone, nel ghetto «comandano i ghanesi»

Rissa a Borgo Mezzanone, nel ghetto «comandano i ghanesi»

 
nel foggiano
Borgo Mezzanone, rissa fra migranti: baracche a fuoco, 3 feriti, uno è grave

Borgo Mezzanone, rissa fra migranti: baracche a fuoco, 3 feriti, uno è grave

 
Criminalità
Cerignola, l'omicidio Cirulli forse per uno sgarro ai boss

Cerignola, l'omicidio di Cirulli forse per uno sgarro ai boss

 
Il caso
Covid 19, i numeri neri di Cerignola, dopo festa di compleanno

Covid 19, i numeri neri di Cerignola dopo festa di compleanno

 
Criminalità
Contrasto alle mafie, il premier Conte a Cerignola

Contrasto alle mafie, il premier Conte in arrivo a Cerignola

 
L'incidente
San Severo, ustionato da una fiammata: gravissimo l'operaio ferito

San Severo, morto operaio ferito in esplosione fabbrica fuochi pirotecnici

 
i casi
Coronavirus, due micro-focolai a Cerignola: contagiate 2 famiglie

Coronavirus, due micro-focolai a Cerignola: contagiate 2 famiglie

 
il caso
Tentata estorsione nel Foggiano: 25enne arrestato in Romania

Tentata estorsione nel Foggiano: 25enne arrestato in Romania

 

Il Biancorosso

serie C
Bari-Vivarini al primo round, ora la palla a De Laurentiis

Bari-Vivarini al primo round, ora la palla a De Laurentiis

 

NEWS DALLE PROVINCE

Materal'emergenza
Ferrandina, arrivano i migranti ma fra tanti timori

Ferrandina: arrivano i migranti ma fra tanti timori

 
Tarantoorrore nel tarantino
Grottaglie, finge un malore, entra in casa di una 95enne e la violenta: arrestato 33enne

Grottaglie, finge un malore, entra in casa di una 95enne e la violenta: arrestato 33enne

 
Brindisil'episodio
Brindisi, scippa una 64enne e viene arrestato dai Carabinieri

Brindisi, scippa una 64enne e viene arrestato dai Carabinieri

 
BatBarriere architettoniche
Barletta, spiagge libere inaccessibili per i disabili

Barletta, spiagge libere inaccessibili per i disabili

 
BariFase 3
Un barese formerà i medici serbi

Un barese formerà i medici serbi per il trattamento del Coronavirus

 
Potenzala scoperta
Potenza, un bazar della droga nel centro d'accoglienza: arrestato 38enne nigeriano

Potenza, un bazar della droga nel centro d'accoglienza: arrestato 38enne nigeriano

 
Leccenel leccese
Coronavirus, anziano positivo in Rsa a Campi Salentina: tamponi a tappeto

Coronavirus, anziano positivo in Rsa a Campi Salentina: tamponi a tappeto

 

i più letti

Sanità

Manfredonia, mammografie e liste interminabili al San Camillo

Anche due mesi per un esame destinato a fare prevenzione anticancro

Manfredonia, mammografie liste interminabili al San Camillo

MANFREDONIA - Dinanzi allo sportello del Cup presso l’ospedale di Manfredonia, una signora di mezza età chiede di prenotare una mammografia. «Non è possibile effettuare la prenotazione perché nel reparto manca il radiologo» le risponde l’impiegato dietro il vetro. «Il titolare del reparto radiologia manca da oltre due mesi da quando è andato in pensione» spiega l’impiegato. «Aspettiamo fino a fine luglio, chissà che non arrivi il sostituto» soggiunge l’operatore del Cup. «In ogni caso occorrerà attendere parecchio per la mammografia: la lista di attesa è lunga» avverte l’impiegato. «Ma non c’ è un sostituto?» chiede l‘anziana. «Si» conferma l’impiegato «viene una dottoressa da Cerignola ma per solo due giorni alla settimana: ma anche lei ha una lista di attesa molto lunga. Risentiamoci ad agosto – propone l’impiegato – e vedremo come fare».
Inutili sono risultante le rimostranze della signora oltre che contrariata, preoccupata per non potersi sottoporre al prescritto esame mammografico. «E’ una vergogna: la mammografia – protesta - è un servizio di prevenzione che questi tempi di attesa vanificato con tutte le conseguenze immaginabili per le donne».

L’episodio riferito è emblematico di una situazione alquanto diffusa. E non riguarda solo la mammografia. Le liste di attesa traboccanti nei vari settori della sanità, ordinaria e specialistica, si riflette sul lavoro dei medici di medicina generale, ovvero i meglio conosciuti “medici di base” che si trovano sulla trincea più prossima ai cittadini bisognosi di cure mediche.

A Manfredonia sono 44 e sono per lo più riuniti in ambulatori comuni. Nei giorni scorsi un nutrito gruppo di medici di base si è riunito per esprimere la forte preoccupazione per la continua dilatazione dei tempi di attesa aggravata dalla sciagurata epidemia da coronavirus che ha costretto i presidi sanitari a lasciare indietro gli ammalati cronici o affetti da patologie di routine. Fortemente avvertita la difficoltà di accedere agli accertamenti e consulenze specialistiche.

Un ostacolo che si è cercato di aggirare, almeno per i casi più delicati e gravi, indicando nelle prescrizioni di analisi e consulenze specialistiche, l’urgenza delle stesse. Un espediente bloccato dal responsabile dell’Ufficio coordinamento aziendale della Asl di Foggia, che con una lettera ha diffidato gli operatori sanitari «ad apporre sulle richieste i codici “U” ovvero “B” per poter espletare le prestazioni in tempo breve». “U” entro 72 ore, “B” entro dieci giorni.

Una situazione – è stato rimarcato – che danneggia fortemente i pazienti con patologie complesse per i quali, mancando i riscontri specialistici, non possono essere curati adeguatamente. Una situazione che andrà peggiorando da settembre in poi quando sopraggiungeranno le patologie di stagione. Che succederà a quel punto? La confusone sarà totale.
Il suggerimento segnalato è quello di aumentare, a fronte dell’aumento delle malattie e dunque degli ammalati, il personale addetto ai vari servizi sanitari e naturalmente le dotazioni strumentali. «Abbiamo cercato in tutti i modi di interloquire con i responsabili della sanità pubblica – notificano i medici di base – ma nessuno ci ha ascoltato: siamo lasciati soli e indifesi a dovercela vedere con una utenza che giustamente reclama la dovuta assistenza sanitaria».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie