Sabato 17 Agosto 2019 | 22:32

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Foggia, gemellini prematuri, uno «scambiato» per femmina: problemi all'anagrafe

Foggia, gemellini prematuri, uno «scambiato» per femmina: problemi all'anagrafe

 
L'operazione della polizia
Caporalato a San Severo, sequestrati 3 mezzi per trasporto braccianti

Caporalato a San Severo, sequestrati 3 mezzi per trasporto braccianti

 
I fedeli infedeli
Cerignola, rubano nell'area di servizio del Santuario di San Pio: fermati 5 pellegrini

Cerignola, rubano nell'area di servizio del Santuario di San Pio: fermati 5 pellegrini

 
Il caso
Apricena, scarcerato sindaco leghista Potenza: “Non ci sono indizi di colpevolezza"

Apricena, scarcerato sindaco Potenza: “Nessun indizio di colpevolezza"

 
La festa patronale
Foggia, l'arcivescovo Pelvi: «Lavorare uniti per il bene comune»

Foggia, l'arcivescovo Pelvi: «Lavorare uniti per il bene comune»

 
Sul Gargano
Foresta Umbra, si perdono mentre cercano un lago inesistente: ritrovati 4 ragazzi

Foresta Umbra, si perdono mentre cercano un lago inesistente: ritrovati in 4

 
La firma
Conte a Foggia: dal governo 280 milioni per rilanciare il territorio

Conte a Foggia per la firma del Cis: accolto dall'abbraccio della folla

 
L'omicidio nel Lodigiano
Cerignola. guardia giurata uccide cugino per gelosia: al centro della lite una donna

Guardia giurata uccide cugino per gelosia: morto 29enne di Cerignola

 
Atti vandalici
Orta Nova, distrutta la stele di Di Vittorio. I sindacati: «Una vergogna»

Orta Nova, distrutta la stele di Di Vittorio, Loizzo: «Sarà ricostruita»

 
Il gesto
Foggia, dopo lite accoltella il compagno a un fianco: una 37enne in Questura

Foggia, dopo lite accoltella il compagno a un fianco: una 37enne in manette

 

Il Biancorosso

Sport
Bari calcio, boom per gli abbonamenti: superati i 5mila tesserati

Bari calcio, boom abbonamenti: superati i 5mila tesserati

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl gesto per gelosia
Taranto, crede che lui abbia un'altra: 27enne gli danneggia l'auto e picchia i poliziotti intervenuti, denunciata

Taranto, crede che lui abbia un'altra: gli danneggia l'auto e picchia i poliziotti intervenuti, denunciata

 
LecceNel Leccese
Galatina, incendio in cementificio: si teme inquinamento ambientale

Galatina, incendio in cementificio: si teme inquinamento ambientale

 
BariLo spettacolo
«I Capuleti e i Montecchi»: l'amore tra Romeo e Giulietta torna a vivere ad Acquaviva

«I Capuleti e i Montecchi»: l'amore tra Romeo e Giulietta torna a vivere ad Acquaviva

 
MateraTragedia nel Materano
Metaponto, donna annega mentre fa il bagno: forse un malore

Metaponto, donna annega mentre fa il bagno: forse un malore

 
BatI numeri
Burrata di Andria irresistibile: vendite cresciute del 17,5%

Burrata di Andria irresistibile: vendite cresciute del 17,5%

 
BrindisiNel Brindisino
Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

 
FoggiaIl caso
Foggia, gemellini prematuri, uno «scambiato» per femmina: problemi all'anagrafe

Foggia, gemellini prematuri, uno «scambiato» per femmina: problemi all'anagrafe

 

i più letti

L'omicidio

Mattinata, boss clan Romito ammazzato a fucilate vicino casa

Francesco Pio Gentile freddato nei pressi del mattatoio comunale

Mattinata, ammazzata a fucilate vicino casa boss del clan Romito

Foto Maizzi

Un pregiudicato, Francesco Pio Gentile, di circa 50 anni, detto «rampino», è stato ucciso stasera con una fucilata mentre era per strada nei pressi della sua abitazione a Mattinata. Secondo una prima ricostruzione, l’uomo sarebbe stato colpito in pieno petto da un colpo di fucile calibro 12. L’agguato è avvenuto nelle vicinanze del mattatoio comunale. Gentile era ritenuto dagli inquirenti un elemento di spicco del clan Romito, a capo dell’area di Mattina che è una delle zone controllate dall’organizzazione criminale. Sul posto stanno operando i carabinieri di Foggia.

Sono proseguite per tutta la notte le indagini sull'omicidio di Francesco Pio Gentile, il pregiudicato 51enne di Mattinata, nel Foggiano, ucciso ieri sera con un colpo di fucile calibro 12 mentre tornava a casa. I carabinieri del Reparto operativo di Foggia hanno eseguito sei stub a pregiudicati che risiedono tra Monte Sant'Angelo, Vieste e Manfredonia. Sono state compiute anche una dozzina di perquisizioni ed ascoltate persone vicine alla vittima. Stando alle prime ipotesi, movente del delitto potrebbe essere la faida in corso tra i clan rivali Romito, al quale apparteneva la vittima, e Li Bergolis.
Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto l’uomo ieri sera aveva parcheggiato l’auto sotto la sua abitazione. Aveva percorso pochi metri a piedi quando - ricostruiscono gli investigatori - due persone a bordo di un’auto, o in sella ad una moto, hanno affiancato Gentile ed hanno sparato tre fucilate, una delle quali lo ha colpito mortalmente alla schiena. Gentile era il cugino dei fratelli Romito, tra cui Mario Luciano, ucciso nel quadruplice omicidio di San Marco in Lamis dell’agosto del 2017. Sorvegliato speciale fino allo scorso anno, Gentile era ritenuto dagli inquirenti elemento di spicco del clan Romito, che opera a Manfredonia ed è da sempre in lotta con i rivali Li Bergolis. Ed è proprio nella storica rivalità tra le due famiglie che si stanno muovendo le indagini dei carabinieri coordinate dal pubblico ministero Ettore Cardinali della Dda di Bari.

UNA DATA RICORRENTE - Si guarda anche alle date nelle indagini sui delitti di mafia compiuti nel Gargano. La giornata del 21 marzo, infatti, accomuna, negli ultimi due anni, due omicidi ed un agguato fallito. Si tratta, osserva qualche investigatore, di una sorta di «simbologia mafiosa» perché le cosiddette «'date ricordatè sono un classico soprattutto tra i clan della mafia calabrese».
Ieri sera è stato ucciso con una fucilata alla schiena Francesco Pio Gentile, sorvegliato speciale fino allo scorso anno, ritenuto dagli investigatori elemento di spicco del clan Romito. Esattamente un anno fa, il 21 marzo 2018, Marco Raduano, 34enne considerato il nuovo capoclan di Vieste, scampò miracolosamente ad un agguato compiuto nelle vicinanze della sua abitazione. Due anni fa, invece, venne ucciso Giuseppe Silvestri. La mattina del 21 marzo 2017 il pregiudicato fu assassinato mentre era alla guida del proprio Fiat Doblò e si stava recando nella sua masseria che si trova alla periferia di Monte Sant'Angelo. Silvestri era ritenuto dagli inquirenti storicamente legato ai Li Bergolis, storicamente in lotta con il clan Romito. 

LA VITTMA

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie