Venerdì 22 Febbraio 2019 | 10:11

NEWS DALLA SEZIONE

Atti vandalici
Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

 
Hanno agito in quattro
Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

 
La decisione
Foggia, dopo 14 anni chiude Unieuro, in 18 a casa

Foggia, dopo 14 anni chiude Unieuro, in 18 a casa

 
Guerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
Il caso
Parcheggiatore abusivo racimola 18 euro, prende multa di 871

Parcheggiatore abusivo racimola 18 euro, prende multa di 871

 
A Foggia
Borgo Mezzanone: sequestrati immobili abusivi nel ghetto dei migranti

Migranti, giù le baracche abusive di Borgo Mezzanone FT/VD
Salvini: «La pacchia è finita»

 
La storia
«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

 
Lotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 
La mobilitazione
Borgo Mezzanone, in 50 bloccano strade per protesta: «Crollano le case»

Borgo Mezzanone, bloccano strade con cassonetti per protesta: «Crollano le case»

 
La denuncia
Foggia, allarme cinghiali: raddoppiati negli ultimi dieci anni

Foggia, allarme cinghiali: raddoppiati negli ultimi dieci anni

 
Lite sulle elezioni
San Severo, scazzottata nella sede della Lega per il candidato sindaco. Due espulsi, arriva il commissario

San Severo, rissa nella sede della Lega per il candidato sindaco. Il partito li caccia

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaAtti vandalici
Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

 
BrindisiNo all'omofobia a scuola
Brindisi, Emiliano si commuove tra i ragazzi che hanno difeso amico gay: «Orgoglioso di voi»

Brindisi, Emiliano si commuove tra i ragazzi che hanno difeso amico gay: «Orgoglioso di voi»

 
BatIl caso
Fondi Amiu Trani, due consiglieri chiedono indagini

Fondi Amiu Trani, due consiglieri chiedono indagini

 
Altre notizie HomeIl caso
Bari, i ragazzi dicono stop al bullismo meglio l’amicizia

Bari, i ragazzi dicono stop al bullismo meglio l’amicizia

 
MateraIl caso
Frana Pomarico, la Regione dà l'ok allo stato d'emergenza

Frana Pomarico, la Regione dà l'ok allo stato d'emergenza

 
PotenzaL'iniziativa
A Vietri di Potenza se adotti un cane non paghi la Tari

A Vietri di Potenza se adotti un cucciolo dal canile non paghi la Tari

 
HomeLa decisione
Puglia, il Consiglio approva la fusione tra Presicce e Acquarica

Puglia, il Consiglio approva la fusione tra Presicce e Acquarica

 
TarantoArrestato pregiudicato
Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

 

Aeroporto

Foggia, sui lavori al Lisa lo spettro del voto
Emiliano-Toninelli, è lite per il via libera

Emiliano al ministro: «Avete tutto per muovervi». La replica del Mit: «Non ancora...»

Anche il Tar spinge per la pista accolto il ricorso sblocca-lavori

L'aeroporto Gino Lisa di Foggia

FOGGIA - «Nessun progetto infrastrutturale pervenuto per il Gino Lisa», la dichiarazione del Mit gela di primo acchito la Regione. Di quale progetto parla il ministero delle Infrastrutture? L’arcano lo risolve in serata il presidente della Regione, Michele Emiliano, che riprendendo quanto già dichiarato lunedì mattina agli Ospedali riuniti («aspettiamo solo l’ok del ministero per partire con i lavori di allungamento della pista») risponde così al ministro Toninelli: «Non c’è nessun progetto da approvare, il ministero deve soltanto rilasciare il nulla osta per il riconoscimento del Sieg, servizio di interesse economico generale, in conformità alla normativa comunitaria, per il quale l’Enac ha già rilasciato il proprio parere positivo». Sono seguite altre quarantott’ore, nessuna controreplica da parte del ministero. Avranno recepito il messaggio a Roma? Le antenne nella Capitale sono ben sintonizzate sulla Puglia, la precisazione del ministro alle parole di Emiliano è stata diffusa dopo qualche ora la netta dichiarazione del presidente pugliese che aveva giustificato lo stallo sul Gino Lisa addebitando ogni responsabilità al ministro Toninelli.

La risposta del ministero lascia però perplessi: non si capisce, infatti, a quale progetto da approvare faccia riferimento la nota ministeriale dal momento che la pista ha già avuto tutti i via libera richiesti. Manca appunto soltanto il Sieg, ovvero l’autorizzazione all’utilità pubblica dello scalo perchè il Gino Lisa verrà utilizzato anche dalla protezione civile (motivo per cui la Regione potrà impiegare tutti i 14 milioni disponibili).

«Per quanto riguarda l’aeroporto Gino Lisa di Foggia - leggiamo integralmente la nota del Mit - il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sottolinea come, presso la Direzione generale competente, ad oggi non siano pervenuti progetti infrastrutturali da analizzare. L’unica pratica inerente all’aeroporto pervenuta è una richiesta autorizzativa da parte del gestore aeroportuale, tesa ad istituire presso l’aeroporto di Foggia un SIEG – Servizio di Interesse Economico Generale, al fine di dedicare parte dell’aeroporto a centro operativo della Protezione civile. Tale pratica, unitamente al parere di competenza ENAC, è stata attentamente analizzata dagli uffici preposti del Ministero che hanno formulato alcune osservazioni, suggerendo modifiche e integrazioni alla convenzione tra il gestore e la Regione Puglia». Un comunicato che apparentemente non dice molto: di quali modifiche e integrazioni parla il ministero, se il progetto della pista è già stato approvato dai tecnici del Mit (Decreto del Provveditore alle Opere Pubbliche della Campania, Molise, Puglia e Basilicata n. 371 del 16.07.2018) che ha già rilasciato parere positivo insieme all’Enac (ente aviazione civile)? Nella sede di Aeroporti di Puglia, gestore dello scalo nonchè organo tecnico della Regione, dicono di aver presentato al ministero tutti gli adempimenti di propria competenza. La pratica dunque sarebbe completa, non si vede di cosa il ministero abbia ancora bisogno. «Non sarà mica - obietta qualcuno tra gli attivisti di Vola Gino Lisa - che il ministro Toninelli voglia prendere tempo per non concedere il Sieg nel pieno della campagna elettorale per Amministrative ed Europee, facendo così un favore a Emiliano?». Il ragionamento secondo cui Emiliano, ovviamente non candidato a questa tornata, possa sfruttare l’onda lunga dei lavori al Gino Lisa per le prossime regionali del 2020 viene tenuto in debita considerazione. «Siamo stufi di questi tira-e-molla - obiettano da Vola Gino Lisa - facciamola finita».

La strumentalizzazione della vicenda è un rischio inevitabile per il Gino Lisa tanto più con un doppio tour elettorale in prossimità a maggio. La risposta del ministero guidato da Toninelli sembra tuttavia tradire un certo “modus operandi” da Prima Repubblica, quando si opponevano non meglio precisati vincoli d’ufficio o burocratici per giustificare ritardi e inefficienze della macchina amministrativa. Nella fattispecie il Mit non chiarisce quali «osservazioni e integrazioni» siano state suggerite per completare la pratica. Non lo scrive sul comunicato, d’accordo, ma non l’avrebbe nemmeno notificato ad Aeroporti di Puglia e all’assessorato regionale ai Trasporti. Eppure, c’è chi obietta, anche i 5 stelle potrebbero sfruttare politicamente la vicenda rilasciando subito il Sieg: dopotutto, se proprio il Gino Lisa non può essere tirato fuori dalla bagarre elettorale, il via libera ai “voli di Stato” rilasciato da un ministro targato 5 stelle non sarebbe un buon argomento di voto anche per il movimento di Grillo e Di Maio? 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400