Mercoledì 22 Settembre 2021 | 19:00

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Operazione dei Carabinieri

Bombe, droga e furti: «Far west» sul Gargano, arresti e sequestri

In carcere anche personaggi di Cerignola e San Giovanni Rotondo. Scoperto anche un assalto a un bancomat

Bombe, droga e furti, nel Foggiano operazione Far west: arresti e sequestri

Otto persone arrestate in un blitz e altre tre in altre operazioni: è il risultato di una vasta operazione dei Carabinieri nel Gargano settentrionale per l'esecuzione di otto ordinanza di custodia cautelare richieste e ottenute nell'ambito di una complessa indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Foggia, che ha individuato e colpito un gruppo di pericolosi criminali in ascesa, con importanti collegamenti con le cosche mafiose della zona, dediti al controllo dello spaccio di stupefacenti, a gravi danneggiamenti di esercizi commerciali mediante l’uso di esplosivo, furti aggravati e altro. 

Le indagini sono partite da un furto messo a segno in un'abitazione di Rodi Garganico: in quella circostanza 4 malviventi hanno letteralmente sventrato dal muro una cassaforte che conteneva 35mila euro in contanti e oggetti preziosi. Uno dei responsabili veniva individuato in Matteo Bocale, personaggio di spicco dello spaccio di Cagnano Varano e il furto rappresentava di fatto l'incasso di una partita di hashish non pagata.

Il gruppo criminale si era imposto sulla piazza con una serie di atti di intimidazione con bombe ad abitazioni, negozi o furti tra Carpino, Ischitella, Cagnano Varano, e Manfredonia. Agli arrestati sono state sequestrate anche due bombe artigianali del peso di due chili e mezzo.

Ma non è tutto, Nel corso delle indagini sono emerse alcune intercettazioni nel corso delle quali gli indagati parlando tra di loro e facendo riferimento a una boutique da colpire dicono: «"il negozio sta pigliando soldi a morire.. c deve far campare pure a noi bastardo!..».

Il giro di affare della droga era stato quantificato in circa 40mila euro al mese. Accertati anche contatti con esponenti del clan Libergolis.

In carcere sono finiti: Matteo Bocale, 21 anni, Michele Pio Manco, 29, Alessio Di Maggio, 23, Patrizio Fini, 27, Paolo Pio Coletta, 20. Arresti domiciliari per: Giovanni Fini, 24, Christian Fiorini, 31.

Oggi a Foggia arriva la commissione parlamentare antimafia, composta dal presidente, sen.
Nicola Morra, e da quattro altri parlamentari. La delegazione sarà nelle prefettura del capoluogo dauno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie