Lunedì 20 Maggio 2019 | 06:42

NEWS DALLA SEZIONE

La polemica
No ai soldi della Regione per il «massacro» di Chieuti: ira degli animalisti

No ai soldi della Regione per il «massacro» di Chieuti: ira degli animalisti

 
In mattinata
Lecce, assalto al gazebo Lega in centro: una ragazza contusa. Martedì atteso Salvini

Lecce, assalto a gazebo Lega in centro: 17enne contusa. Salvini: vergogna

 
Il caso
Arresto Giancaspro: così al Comune di Trani nascevano i bandi su misura

Arresto Giancaspro: così al Comune di Trani nascevano i bandi su misura

 
L'intervista
Ministro Lezzi: «Il Sud con noi sta voltando pagina»

Ministro Lezzi: «Il Sud con noi sta voltando pagina»

 
L'appuntamento
Incontri d'autore: Ivana Spagna ospite nella redazione della «Gazzetta del Mezzogiorno»

Incontri d'autore: Ivana Spagna ospite della «Gazzetta»

 
Basket
Basket, play-off scudetto: Brindisi ko nella prima gara, lunedì di nuovo in campo

Play-off scudetto: Brindisi ko a prima gara, lunedì nuova gara

 
Il diretto
Ferrovie: l'Alta Velocità arriva a Barletta, due Frecciargento da e per Roma

Treni, a Barletta fermerà Bari-Roma. Mit: nuovi servizi su Alta velocità. Che non esiste

 
L'episodio
Bisceglie: atti osé in piazza fra adolescenti, scoppia rissa

Bisceglie: atti osé in piazza fra adolescenti, scoppia rissa

 
Nel tarantino
Manduria, anziano pestato a morte da baby-gang: altri 4 minori indagati

Manduria, anziano pestato a morte: indagati altri 4 minori

 
Nel foggiano
Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop a Emiliano

Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop

 
Il giallo
Novoli, fu trovata nel letto con la gola tagliata: c'è un indagato

Novoli, fu trovata nel letto con la gola tagliata: c'è un indagato

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Cornacchini: "Daremo battaglia ad AvellinoDimostreremo di essere la squadra più forte"

Cornacchini: «Ad Avellino dimostreremo di essere la squadra più forte»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIn mattinata
Lecce, assalto al gazebo Lega in centro: una ragazza contusa. Martedì atteso Salvini

Lecce, assalto a gazebo Lega in centro: 17enne contusa. Salvini: vergogna

 
BatIl diretto
Ferrovie: l'Alta Velocità arriva a Barletta, due Frecciargento da e per Roma

Treni, a Barletta fermerà Bari-Roma. Mit: nuovi servizi su Alta velocità. Che non esiste

 
TarantoNel tarantino
Manduria, anziano pestato a morte da baby-gang: altri 4 minori indagati

Manduria, anziano pestato a morte: indagati altri 4 minori

 
FoggiaNel foggiano
Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop a Emiliano

Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop

 
Brindisinel brindisino
Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

 
PotenzaA ripacandida
Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

 

i più letti

La manifestazione

Foggia scende in piazza contro il racket: corteo il 15 febbraio

L'iniziativa organizzata dall'associazione "Giovani Panunzio" con la collaborazione degli studenti e delle studentesse delle scuole cittadine

Foggia scende in piazza contro il racket: corteo il 15 febbraio

FOGGIA - Foggia si ribella e scende in strada contro la mafia del racket. Il prossimo 15 febbraio è stato organizzato un corteo con le scuole e i cittadini, a partire dalle 9.30, che animerà la città diventata in queste settimane teatro di bombe e atti estorsivi e intimidatori.

Ad organizzare la manifestazione è l’associazione “Giovanni Panunzio”, che chiama a raccolta anche studentesse e studenti delle scuole di ogni ordine e grado. Non sono previste presenze in forma ufficiale di partiti, sindacati e associazioni: saranno presenti, infatti, a titolo personale tutte le persone che vorranno aderire e partecipare alla manifestazione, che sarà guidata da studentesse e studenti accompagnati dai familiari dell'imprenditore edile Giovanni Panunzio, ucciso nel 1992 dalla mafia foggiana per essersi ribellato al racket e aver denunciato i suoi estorsori, e il cui omicidio ha mutato la storia della nostra città.

In queste ultime settimane, a Foggia la criminalità organizzata si è fatta sentire, colpendo con ordigni esplosivi un sensibile numero di esercizi commerciali, gettando nello sconforto tanti lavoratori onesti che chiedono solo di poter lavorare e portare avanti le proprie realtà imprenditoriali, frutto di tanti sacrifici. Una piaga che continua ad essere affrontata dallo Stato tramite una fortissima azione di prevenzione e di repressione da parte delle Forze dell'Ordine, della Procura di Foggia e della Prefettura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400