Giovedì 21 Marzo 2019 | 09:30

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Foggiano
Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

 
Di Lucera
Operazione antidroga a Isernia: in carcere anche 3 foggiani

Operazione antidroga a Isernia: in carcere anche 3 foggiani

 
Dopo il restyling
Foggia, riapre il museo di storia naturale

Foggia, riapre il museo di storia naturale

 
Dalla Toscana alla Puglia
Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

 
Ha 40 anni
Foggia, arrestato pakistano: dal 2014 era ricercato per omicidio

Foggia, arrestato pakistano: dal 2014 era ricercato per omicidio

 
Nel Foggiano
Emiliano a Carpino per inaugurare nuovo ponte dopo dissesto idrogeologico

Emiliano a Carpino per inaugurare nuovo ponte dopo dissesto idrogeologico

 
nel Foggiano
Serracapriola: ispezione cc nel Comune, sospetti reati contro Pubblica Amministrazione

Serracapriola: ispezione cc nel Comune, sospetti reati contro P.A.

 
Il caso
Foggia, fratello ragazza uccisa 26 anni fa offre 100mila euro a chi darà informazioni

Foggia, fratello ragazza uccisa 26 anni fa offre 100mila euro a chi darà informazioni

 
Dovrebbero essere 360
Foggia, il carcere scoppia: in 12 mesi da 468 a 620 detenuti

Foggia, il carcere scoppia: in 12 mesi da 468 a 620 detenuti

 
Nel Foggiano
Lucera, giornalista minacciato su Facebook, solidarietà OdG e Assostampa

Lucera, giornalista minacciato su Facebook, solidarietà OdG e Assostampa

 

Il Biancorosso

IL PERSONAGGIO
La signora Francesca colpisce ancoraPizze e focacce per gli auguri a Brienza

La signora Francesca colpisce ancora
Pizze e focacce per gli auguri a Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceA lecce
Statua S.Oronzo, procede restauro: «È molto deteriorata»

Statua S.Oronzo, procede restauro: «È molto deteriorata»

 
MateraInfortunio sul lavoro
Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

 
BariCassazione
BARI, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

Bari, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

 
BatNel nordbarese
Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

 
TarantoA taranto
Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

 
FoggiaNel Foggiano
Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

 
BrindisiCentrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
PotenzaLe previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 

Inquinamento del torrente

«Invasi dalla puzza del Candelaro», agricoltori foggiani preoccupati: «Nessuno compra i nostri ortaggi»

Acqua del mare putrida ad agosto. Ambientalisti: «La depurazione non funziona»

«Invasi dalla puzza del Candelaro», agricoltori foggiani preoccupati: «Nessuno compra i nostri ortaggi»

La «puzza è infinita», lungo la valle del Candelaro e affluenti vari la sera è «vietato sostare». Lo dicono gli agricoltori proprietari di piccoli fondi agricoli nella zona, tra Ippocampo, località Sciale delle Rondinelle, Siponto e Manfredonia fino a risalire verso Foggia. Il loro portavoce, Michele Ferrandino presidente provinciale della Cia Agricoltori italiani, denuncia «una situazione insostenibile lungo i 36 chilometri del tratturo da Foggia a Manfredonia». Le aree rurali sono le più colpite dai miasmi di fogna che si levano dal torrente e dagli altri affluenti, tra cui il più inquinato (o presunto tale) resta il canale Faraniello noto alle cronache per essere il collettore principale del depuratore di Foggia. Depuratori che continuano ad essere sott’accusa, nonostante le rassicurazioni dell’Acquedotto pugliese che li gestisce. Sentite Ferrandino: «La puzza nell’entroterra di Siponto è insopportabile, basta transitare con l’auto attraverso l’uscita per Manfredonia sulla statale 89 per avvertire il cattivo odore. Gli abitanti di quella zona sono disperati, molti ormai rassegnati. Parliamo di piccoli contadini che vivono con quello che offrono loro modesti appezzamenti da un ettaro, un ettaro e mezzo di terreno. Coltivano carote, patate, ortaggi in genere. Ma da quando è scoppiato il caso del Candelaro inquinato (con la balneazione vietata per due giorni in pieno agosto nei lidi delle spiagge di Siponto: ndr), nessuno più vuole comprare quegli ortaggi». La crisi del Candelaro e dei suoi affluenti parte da lontano, l’acqua del golfo era putrida lo scorso agosto, lo dicono i bagnanti ma pure gli esercenti dei lidi che ora minacciano una «class action nei confronti di Acquedotto pugliese». Ma finora la questione non è stata affrontata adeguatamente. L’acqua del golfo di Siponto è da vent’anni la cartina di tornasole di un problema finora nascosto sotto il tappeto, oggi Acquedotto e Comune di Manfredonia sembrano decisi a correre ai ripari (un vertice c’è stato la scorsa settimana, ne riferiamo a parte), ma il problema - avverte Ferrandino - è anche turistico: «La stagione estiva volge al termine, però tutti noi abbiamo il dovere di pensare a quei turisti ormai sempre più numerosi che si fermano a visitare la basilica della Madonna di Siponto. Che spettacolo offriamo? Dobbiamo dire per fortuna che attualmente di visite serali non ce ne sono, il parco è chiuso, ma in queste condizioni non si può fare nè turismo e nemmeno agricoltura. Lo stesso dicasi naturalmente per la chiesa di San Leonardo qualche chilometro più avanti, meta anch’essa di visitatori da ogni parte del mondo». La responsabilità dell’inquinamento? I depuratori che non funzionano, gli ambientalisti del territorio lo dicono da anni. Ma il carico sui fiumi è notevole anche per altri fattori e un grande esperto dei luoghi come Enzo Rizzi, ambientalista di lungo corso, non esita a indicare proprio negli agricolturi un’altra causa del problema: «Fino a quando - dice Rizzi alla Gazzetta - continueranno a coltivare fin sulle sponde dei torrenti, non basterà prendersela solo con i depuratori che non funzionano. Il carico di azoto e di fosforo è notevole nei fiumi, l’ecosistema è gravemente minacciato da queste sostanze chimiche. Non siamo in Brianza dove ci sono le grandi fabbriche che coprono qualsiasi nefandezza “minore”. Qui sappiamo che ci sono le città che producono reflui, gli agricoltori che rilasciano nei torrenti sostanze inquinanti e altri depuratori che anzichè ripulire inquinano. E’ il caso dell’impianto dell’area industriale Asi, che non scarica nel Candelaro ma nel Cervaro, ma il suo contenuto sempre nel golfo sipontino finisce. Fino a quando - conclude Rizzi - non si metterà mano a questa complessità di eventi e situazioni il problema dell’inquinamento della valle del Candelaro, del Cervaro e torrenti vari non si risolverà mai».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400