Sabato 21 Maggio 2022 | 01:41

In Puglia e Basilicata

Economia

AUTO - Giancarlo Giorgetti: a breve misure a favore dell'offerta

AUTO - Giancarlo Giorgetti: a breve misure a favore dell'offerta

Foto d'Archivio

Giancarlo Giorgetti: l'automotive «è ritenuto un settore strategico per il Paese». Incentivi per riconversione e transizione verso nuove tecnologie.

20 Aprile 2022

Ansa

AUTO - L'automotive «è ritenuto un settore strategico per il Paese» e le misure messe fino ad ora in campo dal governo per il suo sostegno «sono solo le prime e più immediate misure, che verranno a breve affiancate da ulteriori strumenti volti a garantire al settore ogni possibile incentivo per la riconversione e a transizione verso le nuove tecnologie».

Lo ha detto il ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti al question time alla Camera.

Accanto alle misure a sostegno della domanda, il ministro ha sottolineato che il governo sta «già lavorando ad ulteriori misure pluriennali volte a beneficare anche il lato dell’offerta: ciò sia tramite l’utilizzo delle risorse del fondo non impegnate, sia delineando e finanziando strumenti diretti ad agevolare una vera e propria riconversione delle imprese del settore, operazione per la quale sono necessari ingenti investimenti a sostegno di nuove linee di produzione, ricerca, sviluppo e formazione». Per questo, ha aggiunto il ministro, «il MISE proporrà, fra l’altro, il finanziamento di strumenti agevolativi a sostegno di programmi di investimento per lo sviluppo industriale, le attività di ricerca, sviluppo e l'innovazione attraverso l’utilizzo dei contratti di sviluppo e degli accordi di innovazione».

Auto - Benaglia: subito incentivi non spot ma a regime

20/04/2022 ore 15:58 - «Il mercato auto ha bisogno subito di incentivi a regime e non a spot, a maggio speriamo arrivino e che sia un’iniezione di medicina per i consumi, che rilancino le vendite e accompagnino la transizione». Lo ha detto Roberto Benaglia, segretario generale della Fim, oggi al congresso del sindacato a Torino. «Tavares dice che già nel 2030 ci saranno solo auto elettriche, bisogna accompagnare industrie e lavoratori nella transizione» ha sottolineato Benaglia.

Helbiz: sigla partnership con Flee per mobilità sostenibile

20/04/2022 ore 15:23 - Partnership tra Flee, brand di proprietà di Aon attivo nel noleggio a lungo termine a consumo, ed Helbiz, società che gestisce ed offre servizi di micro-mobilità a livello internazionale. L’obiettivo è quello di sviluppare insieme una mobilità innovativa e sostenibile. Le due aziende collaboreranno per arricchire reciprocamente i loro ecosistemi di mobilità, offrendo da una parte ai clienti Helbiz la possibilità di accedere a una piattaforma dove l'utente sarà il centro di un mondo di servizi estesi anche all’auto, dall’altra ampliando le soluzioni a disposizione dei clienti Flee che avranno la possibilità di scegliere tra diverse opzioni sulla base delle proprie esigenze.

Auto - Anfia: servono interventi straordinari governi

20/04/2022 ore 15:21 - «Nono mese consecutivo in calo per il mercato auto europeo, che riporta a marzo una pesante flessione a doppia cifra (-18,8%)». Lo afferma Paolo Scudieri, presidente dell’Anfia.

«La maggior parte dei Paesi registra un risultato negativo - spiega - inclusi i cinque major market (compreso Uk) che segnano tutti un calo a due cifre: Spagna -30,2%, Italia -29,7%, Francia -19,5%, Germania -17,5% e Regno Unito -14,3%. Complessivamente, questi cinque mercati registrano una contrazione (-20,1%) in linea con la media del mercato e rappresentano il 72% del totale immatricolato a marzo. Le interruzioni correnti lungo la catena di fornitura di materie prime e componenti, ulteriormente esacerbate per effetto del proseguimento del conflitto Russia-Ucraina, hanno un impatto fortemente negativo sulla produzione di autoveicoli, caratterizzata da rallentamenti e blocchi che finiscono per incidere su tutti i comparti della filiera. Una situazione che mette a dura prova le imprese nel far fronte alla programmazione delle attività e alle maggiorazioni dei costi e che richiede interventi straordinari da parte dei governi per gestire la crisi. Guardando all’andamento delle vendite di auto ricaricabili (BEV e PHEV) nel complesso dei cinque maggiori mercati, si rileva, nel mese, una quota di penetrazione del 20,5% (contro il 15,3% di marzo 2021) e un incremento tendenziale del 7,4%, nonostante per Italia e Germania registrino una contrazione rispettivamente del 22,8% e del 6%. Nel primo trimestre 2022 la quota di BEV + PHEV è del 19,2% (14,1% a gennaio-marzo 2021). In Italia, auspichiamo che le misure di sostegno alla domanda che risulteranno presto accessibili possano risollevare le immatricolazioni di questo segmento, proseguendo nel percorso di progressiva decarbonizzazione della mobilità».

Auto - Unrae: bene Dpcm ma carenze rallentano transizione

20/04/2022 ore 14:51 - L’Unrae apprezza l’emanazione del Dpcm con il piano triennale degli incentivi, a lungo invocato dal mercato, ma in attesa dell’entrata in vigore del decreto e del via libera alla prenotazione online degli incentivi, segnala alcuni aspetti importanti trascurati dal provvedimento. «Il mancato prolungamento da 180 a 300 giorni dei termini per l'immatricolazione delle auto incentivate; la riduzione del limite di prezzo per usufruire degli incentivi che colpisce proprio le auto elettriche; l’esclusione di aziende e società di noleggio dai beneficiari: sono tutti aspetti che riducono l'efficacia del decreto sia nell’ottica di accelerazione del processo di transizione energetica del parco circolante, sia come sostegno al settore automotive, ormai al terzo anno di una gravissima crisi» spiega il direttore generale dell’Unrae Andrea Cardinali.

Per le auto aziendali, Cardinali ribadisce la necessità di adeguare la detraibilità dell’Iva alle esigenze di decarbonizzazione del parco circolante, modulando le detrazioni in base al livello di emissioni di CO2: 100% per la fascia 0-20 g/Km; 80% per la fascia 21-60 g/Km; 50% per la fascia 61-135 g/Km. Sullo stesso fronte della transizione energetica, Cardinali chiede al Governo «un piano di sviluppo delle colonnine di ricarica dei veicoli elettrici, non solo pubbliche, prevedendo detrazioni fiscali e più celeri processi burocratici di autorizzazione che ne accelerino l’installazione anche da parte dei privati, sia singoli consumatori che condomìni o imprese».

Auto - Franchi: continuiamo a chiedere incontro a governo

20/04/2022 ore 14:00 - «Serve una politica industriale per l'automotive. Per questo abbiamo chiesto una cabina di regia, un incontro che non c'è stato ancora e chiediamo che ci sia. Nell’attesa continueremo a lavorare insieme, a fare la nostra parte in modo propositivo». Lo ha detto il presidente di Federmeccanica, Stefano Franchi, al congresso della Fim a Torino.

Franchi ha ricordato l’iniziativa congiunta di Federmeccanica con Fim, Fiom e Uilm e ha sottolineato l'importanza delle relazioni industriali perché consentono di "fare riforme, di dare fiducia, di dare garanzie. Il dialogo sociale funziona e gli ultimi due contratti sono pietre miliari. Le relazioni industriali sono un esempio per tutti e devono essere uno stimolo».

Investindustrial investe su auto elettrica, 120 mln in Rimac

20/04/2022 ore 10:07 - Un investimento di 120 milioni di euro per far crescere la mobilità elettrica attraverso alcune delle più importanti case automobilisitiche. Investindustrial entra in Rimac Group, società specializzata nelle tecnologie per veicoli elettrici ad alte prestazioni e che produce componenti e soluzioni tecnologiche ad alte prestazioni per veicoli elettrici per conto, tra le altre, di Porsche, Hyundai, Aston Martin, Koenigsegg, Automobili Pininfarina.

Rimac è azionista di maggioranza di Bugatti-Rimac, produttore della Rimac Nevera e della Bugatti Chiron, entrambe hypercar da record mondiale. L’ingresso di Investindustrial ha l’obiettivo di affiancare il management nel supportare il progresso tecnologico e sostenibile che l’azienda sta sviluppando nel mondo dei veicoli elettrici e ibridi, con le previsioni che parlano di vendite di veicoli elettrici che dovrebbero conquistare un terzo del mercato entro il 2025 e oltre il 50% entro il 2030.

«Sono orgoglioso di collaborare con una mente geniale come quella di Mate Rimac, un imprenditore visionario che in soli 12 anni ha portato l’azienda ad affermarsi come punto di riferimento nel settore, unendo il passato e il futuro dell’automotive. Come Investindustrial metteremo a servizio di Rimac le nostre competenze e la nostra rete internazionale» ha dichiarato Andrea C. Bonomi, Presidente dell’Industrial Advisory Board di Investindustrial.

Benzina: Qe, prezzo medio self risale a 1,773 euro al litro

20/04/2022 ore 09:16 - Aggiustamenti al rialzo sulla rete carburanti: lo rileva Quotidiano Energia sottolineando che sulla base dei dati comunicati dai gestori all’Osservaprezzi del Mise il prezzo medio nazionale praticato della benzina in modalità self sale a 1,773 euro al litro (1,766 il valore precedente), con i diversi marchi compresi tra 1,752 e 1,799 euro al litro (no logo 1,764). Il prezzo medio praticato del diesel self va a 1,769 euro al litro (contro 1,763), con le compagnie tra 1,760 e 1,781 euro al litro (no logo 1,765).

Quanto al servito, per la benzina il prezzo medio praticato cresce a 1,916 euro al litro (1,905 il valore precedente), con gli impianti colorati che mostrano prezzi medi praticati tra 1,838 e 2,007 euro al litro (no logo 1,822). La media del diesel servito è a 1,914 euro al litro (contro 1,903), con i punti vendita delle compagnie con prezzi medi praticati compresi tra 1,855 e 1,992 euro al litro (no logo 1,822).

I prezzi praticati del Gpl vanno da 0,847 a 0,872 euro al litro (no logo 0,854). Infine, il prezzo medio del metano auto si posiziona tra 2,126 e 2,363 euro (no logo 2,103).

Auto - Promotor: campane a martello per mercato Europa

20/04/2022 ore 08:06 - «Campane a martello» per il mercato auto dell’Europa Occidentale (Ue+Efta+Uk) nel primo trimestre del 2022 con un calo del 33,6% rispetto al livello precedente la pandemia, cioè al periodo gennaio-marzo 2019. Lo sottolinea il Centro Studi Promotor che mette in evidenza come il risultato dell’ultimo mese (marzo) sia peggiore di quello dell’intero trimestre con un calo del 36,4% sul 2019 e del 18,8% sul 2021. "Le attese - spiega - sono per un peggioramento. Proiettando il risultato del primo trimestre sull'intero 2022 si ottiene un volume di 10.389.645 immatricolazioni con un calo di quasi di 5,5 milioni di auto rispetto al 2019 e si sfiora il livello del 1993 nel pieno di una gravissima crisi economica».

«Quello che è certo - commenta Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor - è che al momento non si vede alcun segnale di inversione di tendenza». La crisi ha colpito tutti i mercati dell’area esclusi quelli piccolissimi dell’Islanda e di Cipro. Il calo più forte nel primo trimestre 2022 rispetto allo stesso periodo del 2019 lo registra la Spagna (-48,1%), seguita da Regno Unito (-40,4%), Italia (-37,1%), Francia (-34%) e Germania (-28,9%). Quagliano segnala che "crescono in molti paesi dall’area le immatricolazioni di vetture elettriche pure. In Germania si registra un incremento del 29%, nel Regno Unito la crescita è addirittura del 78,7%, ma in Italia c'è un calo del 14,9% dovuto in larga misura agli incentivi promessi, ma ancora sulla carta».

Auto - Stellantis: a marzo -30,3% in Europa

20/04/2022 ore 08:01 - Stellantis ha immatricolato a marzo nell’Unione Europea, Paesi Efta e Regno Unito 203.515 auto, il 30,3% in meno dello stesso mese del 2021. La quota è scesa dal 21% al 18,1%.

Nel primo trimestre le immatricolazioni del gruppo sono state 523.977, in calo del 21,7% con la quota in calo dal 21,7% al 19%.

Auto - In Europa forte calo vendite, -18,8% a marzo

20/04/2022 ore 08:01 - Il mercato dell’auto è in forte flessione a marzo. Le immatricolazioni nell’Unione Europea, Efta e Regno Unito - secondo i dati dell’Acea, l’associazione dei costruttori europei - sono state 1.127.077, il 18,8% in meno dello stesso mese dell’anno scorso. Nel primo trimestre 2022 sono state vendute in tutto 2.753.256 vetture, con un calo del 10,6% rispetto allo stesso periodo del 2021.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725