Domenica 07 Agosto 2022 | 23:41

In Puglia e Basilicata

L'ESPOSIZIONE CREATIVA

«83-Tributo a Batman», la mostra pop art del foggiano Jack Poliseno

«83-Tributo a Batman», la mostra pop art del foggiano Jack Poliseno

L'installazione della Bat Mobile realizzata da Jack Poliseno con materiale da riciclo dell'attività commerciale di Troia

Dal 17 al 31 luglio al Med di Troia l'esposizione del cultore dell'arte cinematografica: «Il mio eroe combatterebbe la mafia nella mia terra»

06 Luglio 2022

Redazione online

«Batman è l'eroe per eccellenza che, se fosse trapiantato nella mia terra, si impegnerebbe a combatterne la mafia». Giovanni Francesco Poliseno (conosciuto come Gianfranco), in arte Jack, è un cultore cinematografico. Quarantuno anni, è nato a Foggia e nella sua provincia, esattamente a Troia, presso il Museo Ecclesiastico Diocesano, dal 17 al 31 luglio presenta la sua mostra «83-tributo a Batman», che nasce dall’idea di omaggiare uno dei personaggi più noti ed influenti della storia del fumetto. L'esposizione, programmata per il 2019, anno dell’80° anniversario della nascita di Batman, a causa della pandemia è stata rinviata ad oggi.

Il primo titolo pensato per la mostra era stato «Non solo Joker-l’universo di Batman» ispirato dalla pellicola dedicata alla nemesi dell’Uomo Pipistrello, uscita nel 2019 e premiata con l’Oscar. La pandemia ha giocato il resto, e il titolo di oggi è «83», per evidenziare l’anno dell’anniversario. Perché solo «83»? «Perché è l’era dei numeri - spiega Jack -. I numeri ci hanno invaso nell’ultimo periodo: numeri di contagi, numeri di tamponi, numeri di default, di spread, di crisi sociale, economica, globale, numeri di sfollati della guerra in Ucraina. Una società invasa dai numeri, circondata e aggrovigliata in essi, quindi, non vi è approccio migliore per evidenziare lo stato attuale delle cose». Il personaggio di Batman è tra i preferiti dell’artista Poliseno, e forte è l’influsso anche nelle sue composizioni artistiche. Il contrasto pop art moderna / location storica è stata una scelta studiata dell’artista che intende creare nel visitatore una sorta di limbo visionario e sicuramente originale, e portare diversità nella conoscenza architettonica ed artistica del luogo, per anni «ferma» allo stile classico.

Come spesso sostiene Jack, «non sto facendo nulla di nuovo o di eclatante, ma solo cercando di portare ciò che il resto del mondo fa da anni in una realtà quasi estranea a questo tipo di approccio artistico». Le opere sono state create con la tecnica della pittura digitale, uno stile ormai a lui consono: i disegni vengono creati tramite software informatici, la sua tecnica, per queste opere in particolare, è quella degli incastri geometrici, figure geometriche che vanno a comporre il soggetto finale. Le ispirazioni variano da scatti fotografici a statue di proprietà dell’artista, a frame cinematografici o a creazioni totalmente originali.

Nello stesso contesto della mostra di Troia l’artista «festeggerà» anche il 20° anniversario della sua collezione cinematografica, conosciuta e rinomata nel settore dell'arte visiva. Jack colleziona, oltre a supporti fisici, home video come dvd, bluray e 4K, anche statue e cimeli provenienti da tutto il mondo, alcuni verranno esposti insieme alle opere per creare quel connubio arte/collezionismo a lui tanto caro. Fiore all’occhiello dell’esposizione sarà una scultura in cartoni riciclati e altri materiali della Batmobile a grandezza reale, una sfida che si è auto imposto lo stesso Jack per sottolineare «l’importanza del riciclo e dei traguardi raggiunti in tal senso dallo stesso Comune di Troia». Un monito, un messaggio di come anche ciò che buttiamo può trasformarsi in qualcosa di eccezionale. L’evento è patrocinato dal Comune di Troia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

EDITORIALI

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725