Giovedì 02 Luglio 2020 | 15:26

NEWS DALLA SEZIONE

La kermesse
Le giornate del cinema nello scenario di Maratea

Le giornate del cinema nello scenario di Maratea

 
il riconoscimento
Targhe Tenco 2020, miglior album è di Brunori Sas, premi a Tosca e Paolo Jannacci: tutti i vincitori

Targhe Tenco 2020, miglior album è di Brunori Sas, premi a Tosca e Paolo Jannacci: tutti i vincitori

 
Cultura
Rubini: il cinema? Categoria dimenticata e ultimi nella ripresa post pandemia

Rubini: il cinema? Categoria dimenticata, ultimi nella ripresa post pandemia

 
cinema
Ron Moss e Polignano passione senza limiti

Ronn Moss e Polignano passione senza limiti

 
SPETTACOLI
Nasce il nuovo festival Puglia film international

Cinema, nasce il nuovo Puglia International Film Festival

 
Il cartellone eventi
Taranto, Magna Grecia Festival 2020 con concerti al tramonto

Taranto, Magna Grecia Festival 2020 con concerti al tramonto

 
SPETTACOLI

Dopo Monopoli, «Ridge» porta anche a Polignano un «Viaggio a sorpresa»

 
Musica
Torna il «Collegium» fra rarità musicali e prime esecuzioni

Torna il «Collegium» fra rarità musicali e prime esecuzioni

 
Lutto nel mondo della letteratura
Addio allo scrittore Carlos Ruiz Zafon: aveva 55 anni

Addio allo scrittore Carlos Ruiz Zafon: aveva 55 anni

 
teatro
Bari, tutti in «terrazza» si torna in scena con «La manutenzione della solitudine».

Bari, tutti in «terrazza» si torna in scena con «La manutenzione della solitudine»

 
domani ore 18
Acquaviva, concerto nel piazzale ospedale Miulli; omaggio al personale dell'ospedale

Acquaviva, concerto nel piazzale ospedale Miulli: omaggio al personale dell'ospedale

 

Il Biancorosso

calcio
Bari, Laribi carica i biancorossi: «Pronti a scrivere un pezzo di storia»

Bari, Laribi carica i biancorossi: «Pronti a scrivere un pezzo di storia»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiIl caso
Brindisi, multata per guida in stato di ebbrezza ma il giudice di pace annulla il verbale

Brindisi, multata per guida in stato di ebbrezza ma il giudice di pace annulla il verbale

 
LecceTurismo Vip
ll sole e l’azzurro di Giorgia illuminano il mare di Gallipoli

ll sole e l’azzurro di Giorgia illuminano il mare di Gallipoli

 
TarantoOccupazione
Taranto, educatrici negli asili nido: 1200 domande per 5 posti

Taranto, educatrici negli asili nido: 1200 domande per 5 posti

 
MateraLe tradizioni religiose
Matera, è il giorno della Madonna della Bruna: ma niente assalto al carro

Matera, è il giorno della Madonna della Bruna: ma niente assalto al carro FOTO

 
Potenzadati regionali
Coronavirus in Basilicata, 254 tamponi tutti negativi: restano solo 2 contagiati in regione

Coronavirus in Basilicata, 254 tamponi tutti negativi: restano solo 2 contagiati in regione

 
Foggiaestorsioni in campagna
San Giovanni Rotondo, minaccia agricoltori per imporre egemonia sulla raccolta olive: arrestato 40enne

San Giovanni Rotondo, minaccia agricoltori per imporre egemonia sulla raccolta olive: arrestato 40enne

 
BatVerso il voto
Andria, Nino Marmo ha deciso: si candida a sindaco Pastore

Andria, Nino Marmo ha deciso: si candida a sindaco. Commissario FI «Ci ripensi»

 

i più letti

lutto nella tv

Televisione, è morto Antonello Falqui a 94 anni

Ha lavorato per la Rai dirigendo programmi come Canzonissima e Milleluci

Televisione, è morto Antonello Falqui a 94 anni

«Sono partito per un lungo lungo lungo viaggio": così hanno voluto annunciare i suoi familiari sul suo profilo social la scomparsa del regista televisivo Antonello Falqui, 94 anni compiuti pochi giorni fa. La notizia è stata confermata dalla Rai per la quale Falqui ha lavorato dal 1952, firmando programmi che hanno segnato un’epoca: da «Il musichiere» a «Canzonissima», da «Studio Uno» a «Milleluci». I funerali si svolgeranno lunedì a Roma nella chiesa di Sant'Eugenio a Viale delle Belle Arti.

Se ne è andato con leggerezza e ironia, come aveva vissuto e aveva insegnato a vivere a intere generazioni di italiani. La notizia della scomparsa di Antonello Falqui, il padre del varietà all’italiana e artefice del successo di tanti grandi personaggi dello spettacolo, ha fatto subito il giro del web nel modo più singolare: «Sono partito per un lungo lungo lungo viaggio - è il testo di un post apparso sui sui profili Facebook e Twitter - potete venire a salutarmi lunedì 18 novembre alle 11 alla chiesa di Sant'Eugenio a viale Belle Arti a Roma».
Immediatamente dopo centinaia di messaggi di cordoglio hanno invaso la rete, da Fiorello ad Alessandro Gassmann, e tanta gente comune. Ovunque, sui siti e sulle reti televisive, hanno cominciato a rimbalzare gli spezzoni dei suoi varietà, Studio Uno e Canzonissima i più famosi, e i volti dei loro protagonisti: da Mina a Walter Chiari, da Paolo Panelli a Bice Valori, da Franca Valeri alle gemelle Kessler.
Tutti programmi Rai, sigla che per molti decenni in Italia è stato sinonimo di televisione, per la quale Antonello Falqui aveva cominciato a lavorare dal 1952, pioniere di un mondo allora ancora tutto da inventare, firmando programmi che hanno segnato un’epoca.
Nato a Roma il 6 novembre 1925, figlio del critico e scrittore Enrico Falqui, si iscrive alla Facoltà di Giurisprudenza, che lascia prima della laurea affascinato dal mondo del cinema. Dal 1947 al 1949 frequenta il corso di regia del Centro Sperimentale di Cinematografia. Nel 1950 è aiuto regista di Curzio Malaparte durante la lavorazione del film 'Cristo proibitò, prima di molte esperienze in quel ruolo.
Nel 1952 approda alla Rai, lavorando inizialmente nella sede di Milano. Vive in prima persona e contribuisce a plasmare le prime trasmissioni televisive in fase sperimentale: le prime trasmissioni saranno inaugurate il 3 gennaio 1954.
Per la tv dirige prima dei documentari, ma la celebrità arriva con i varietà amatissimi dal grande pubblico, che all’epoca si riuniva nelle poche abitazioni o locali pubblici dotati di un televisore per guardare i programmi. Prima il Musichiere condotto da Mario Riva, in onda dal 1957 al 1960. Poi quattro edizioni di Canzonissima (1958, 1959, 1968, 1969), altrettante di Studio Uno (1961, 1962-63, 1965 e 1966), forse il più famoso e celebrato, e Milleluci (1974).
RaiPlay, poco dopo la notizia del lutto, ha pubblicato sul sito una intervista esclusiva al grande maestro, dove - si legge - «l'autore e regista di indimenticati programmi della nostra TV ricorda il grande varietà Studio uno, in onda dal 1961 al 1966». «In ogni edizione - afferma la Rai - ci ha regalato momenti di raro valore. Sketch, coreografie, musica, duetti storici, tutto torna alla mente in una nostalgica bellezza. Mina, Walter Chiari, Paolo Panelli, Bice Valori, Franca Valeri, le gemelle Kessler, tantissimi personaggi riaffiorano dai ricordi e dalle immagini restituendo per un attimo una realtà indimenticata ed indimenticabile».
Antonello Falqui aveva compiuto lo scorso 6 novembre 94 anni, e il giorno dopo si rammaricava sui social per non aver potuto festeggiare il compleanno in compagnia dei molti suoi amici, dando loro appuntamento per il 2020. Il post successivo è quello che annuncia la sua scomparsa, il suo «lungo viaggio». «Mi raccomando, niente fiori - si legge sul post pubblicato a suo nome sui social - al loro posto, se volete, potete aiutare l'associazione QuintoMondo Animalisti Volontari Onlus. P.S. Perdonate Jimmy, Matteo e Luca se non vi hanno avvisato prima».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie