Giovedì 12 Dicembre 2019 | 05:22

NEWS DALLA SEZIONE

l'annuncio
Lewis Capaldi è il primo ospite internazionale di Sanremo 2020

Lewis Capaldi è il primo ospite internazionale di Sanremo 2020

 
cinema
«Santa Subito»: coraggio e martirio di una giovane barese

«Santa Subito»: coraggio e martirio di una giovane barese

 
Lo spostamento
Bari, rinviato al prossimo 4 gennaio il concerto di Massimo Ranieri

Bari, rinviato al prossimo 4 gennaio il concerto di Massimo Ranieri

 
L'intervista
Torna a Bari Notre Dame de Paris, il pugliese Graziano Galatone è tra le colonne del cast

Torna a Bari Notre Dame de Paris, il pugliese Graziano Galatone è tra le colonne del cast

 
La polemica
L'immigrato di Zalone divide il web, Valescchi: «È satira»

L'immigrato di Zalone divide il web, Valsecchi: «È satira»

 
La canzone
Checco Zalone in stile Celentano: ecco il suo «Immigrato» in attesa di Tolo Tolo

Checco Zalone in stile Celentano: ecco il suo «Immigrato» in attesa di Tolo Tolo

 
Il film
«No time to Die», ecco il trailer dell'ultimo James Bond girato a Matera

«No time to Die», ecco il trailer dell'ultimo James Bond girato a Matera e Gravina

 
Appuntamento in Tv
Capodanno a Bari: anche quest'anno la diretta di Canale 5 con la Panicucci

Capodanno a Bari: anche quest'anno la diretta di Canale 5 con la Panicucci

 
L'evento
Nadia Toffa, ecco la sua fondazione. Mamma commossa: «Non mi aspettavo tanto affetto»

Nadia Toffa, ecco la sua fondazione. Mamma commossa: «Non mi aspettavo tanto affetto»

 
Cinema
Il trailer di “Pinocchio”, di Matteo Garrone e con Roberto Benigni

Il trailer di “Pinocchio”, di Matteo Garrone e con Roberto Benigni

 
Libri
Matera, arriva «Via del riscatto»: un altro mistero per Imma Tataranni

Matera, arriva «Via del riscatto»: un altro mistero per Imma Tataranni

 

Il Biancorosso

serie c
Il Bari senza Di Cesare è una prova di maturità

Il Bari senza Di Cesare è una prova di maturità

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariInfortunio sul lavoro
Noicattaro, manovra rullo: operaio si frattura braccio e femore

Noicattaro, manovra rullo: operaio si frattura braccio e femore

 
TarantoSerie D
Taranto calcio, manicchino impiccato e offese al dg Montella

Taranto calcio, manicchino impiccato e offese al dg Montella

 
FoggiaVertice in Prefettura
Foggia, famiglie in container: sindaco firmerà ordinanza sgombero

Foggia, famiglie in container: sindaco firmerà ordinanza sgombero

 
Brindisitrasporti
Brindisi, evacuazione per bomba: stop ai treni, ci saranno i bus

Brindisi, evacuazione per bomba: stop ai treni, ci saranno i bus

 
Leccea surbo
Sud Sound System, dopo l'incidente Nandu Popu tranquillizza i fan: «Neanche un graffio grazie alle cinture»

Sud Sound System, dopo l'incidente Nandu Popu tranquillizza i fan: «Neanche un graffio grazie alle cinture»

 
Batle dichiarazioni
Trani candidata a Capitale Italiana Cultura 2021, il sostegno di tutta la Bat

Trani candidata a Capitale Italiana Cultura 2021, il sostegno di tutta la Bat

 
Potenzanel Potentino
Montescaglioso, uccise a coltellate 42enne dopo una lite: 29enne condannato all'ergastolo

Montescaglioso, uccise a coltellate 42enne dopo una lite: 29enne condannato all'ergastolo

 
Materanel Materano
Bernalda, scoperta base logistica mafia lucana: tre arresti

Bernalda, scoperta base logistica mafia lucana: tre arresti

 

i più letti

lutto nella tv

Televisione, è morto Antonello Falqui a 94 anni

Ha lavorato per la Rai dirigendo programmi come Canzonissima e Milleluci

Televisione, è morto Antonello Falqui a 94 anni

«Sono partito per un lungo lungo lungo viaggio": così hanno voluto annunciare i suoi familiari sul suo profilo social la scomparsa del regista televisivo Antonello Falqui, 94 anni compiuti pochi giorni fa. La notizia è stata confermata dalla Rai per la quale Falqui ha lavorato dal 1952, firmando programmi che hanno segnato un’epoca: da «Il musichiere» a «Canzonissima», da «Studio Uno» a «Milleluci». I funerali si svolgeranno lunedì a Roma nella chiesa di Sant'Eugenio a Viale delle Belle Arti.

Se ne è andato con leggerezza e ironia, come aveva vissuto e aveva insegnato a vivere a intere generazioni di italiani. La notizia della scomparsa di Antonello Falqui, il padre del varietà all’italiana e artefice del successo di tanti grandi personaggi dello spettacolo, ha fatto subito il giro del web nel modo più singolare: «Sono partito per un lungo lungo lungo viaggio - è il testo di un post apparso sui sui profili Facebook e Twitter - potete venire a salutarmi lunedì 18 novembre alle 11 alla chiesa di Sant'Eugenio a viale Belle Arti a Roma».
Immediatamente dopo centinaia di messaggi di cordoglio hanno invaso la rete, da Fiorello ad Alessandro Gassmann, e tanta gente comune. Ovunque, sui siti e sulle reti televisive, hanno cominciato a rimbalzare gli spezzoni dei suoi varietà, Studio Uno e Canzonissima i più famosi, e i volti dei loro protagonisti: da Mina a Walter Chiari, da Paolo Panelli a Bice Valori, da Franca Valeri alle gemelle Kessler.
Tutti programmi Rai, sigla che per molti decenni in Italia è stato sinonimo di televisione, per la quale Antonello Falqui aveva cominciato a lavorare dal 1952, pioniere di un mondo allora ancora tutto da inventare, firmando programmi che hanno segnato un’epoca.
Nato a Roma il 6 novembre 1925, figlio del critico e scrittore Enrico Falqui, si iscrive alla Facoltà di Giurisprudenza, che lascia prima della laurea affascinato dal mondo del cinema. Dal 1947 al 1949 frequenta il corso di regia del Centro Sperimentale di Cinematografia. Nel 1950 è aiuto regista di Curzio Malaparte durante la lavorazione del film 'Cristo proibitò, prima di molte esperienze in quel ruolo.
Nel 1952 approda alla Rai, lavorando inizialmente nella sede di Milano. Vive in prima persona e contribuisce a plasmare le prime trasmissioni televisive in fase sperimentale: le prime trasmissioni saranno inaugurate il 3 gennaio 1954.
Per la tv dirige prima dei documentari, ma la celebrità arriva con i varietà amatissimi dal grande pubblico, che all’epoca si riuniva nelle poche abitazioni o locali pubblici dotati di un televisore per guardare i programmi. Prima il Musichiere condotto da Mario Riva, in onda dal 1957 al 1960. Poi quattro edizioni di Canzonissima (1958, 1959, 1968, 1969), altrettante di Studio Uno (1961, 1962-63, 1965 e 1966), forse il più famoso e celebrato, e Milleluci (1974).
RaiPlay, poco dopo la notizia del lutto, ha pubblicato sul sito una intervista esclusiva al grande maestro, dove - si legge - «l'autore e regista di indimenticati programmi della nostra TV ricorda il grande varietà Studio uno, in onda dal 1961 al 1966». «In ogni edizione - afferma la Rai - ci ha regalato momenti di raro valore. Sketch, coreografie, musica, duetti storici, tutto torna alla mente in una nostalgica bellezza. Mina, Walter Chiari, Paolo Panelli, Bice Valori, Franca Valeri, le gemelle Kessler, tantissimi personaggi riaffiorano dai ricordi e dalle immagini restituendo per un attimo una realtà indimenticata ed indimenticabile».
Antonello Falqui aveva compiuto lo scorso 6 novembre 94 anni, e il giorno dopo si rammaricava sui social per non aver potuto festeggiare il compleanno in compagnia dei molti suoi amici, dando loro appuntamento per il 2020. Il post successivo è quello che annuncia la sua scomparsa, il suo «lungo viaggio». «Mi raccomando, niente fiori - si legge sul post pubblicato a suo nome sui social - al loro posto, se volete, potete aiutare l'associazione QuintoMondo Animalisti Volontari Onlus. P.S. Perdonate Jimmy, Matteo e Luca se non vi hanno avvisato prima».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie