Venerdì 20 Settembre 2019 | 04:06

NEWS DALLA SEZIONE

L'annuncio
Tommaso Paradiso lascia i TheGiornalisti: «Non esistono più»

Tommaso Paradiso lascia i TheGiornalisti: «Non esistono più»

 
a 75 anni
Trovato morto Ric Ocasek, leader dei The Cars

Trovato morto Ric Ocasek, leader dei The Cars

 
Matrimonio
Firenze, Piero Pelù sposa la foggiana Gianna Fratta

Firenze, Piero Pelù sposa la foggiana Gianna Fratta

 
Nelle radio
Vasco Rossi, il 25 ottobre arriva il nuovo singolo

Vasco Rossi, il 25 ottobre arriva il nuovo singolo

 
Musica e scandali
Al Bano - Ucraina, pace fatta: sarà tolto dalla black-list

Al Bano - Ucraina, pace fatta: sarà tolto dalla black-list

 
Musica
Biagio Antonacci accusato di plagio: la Siae blocca i diritti di un brano

Biagio Antonacci accusato di plagio: la Siae blocca i diritti di un brano

 
Musica
Ezio Bosso torna in Puglia con due concerti dall'11 al 19 settembre

Ezio Bosso torna in Puglia con due concerti dall'11 al 19 settembre

 
Sorpresa al Lido
Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, il Leone va al «Joker» di Phillips

Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, il Leone va al «Joker» di Phillips

 
La più bella d'Italia
Miss Italia 2019 è Carolina Stramare. Eletta con il 36% di preferenze

Miss Italia 2019 è Carolina Stramare. Eletta con il 36% di preferenze

 
Il set
Matera, inseguimenti e spari per James Bond: la città dei Sassi attende Daniel Craig

Matera, inseguimenti e spari per James Bond: la città dei Sassi attende Daniel Craig

 
Il riconoscimento
Alberto Angela, laurea honoris causa in Filosofia

Alberto Angela, laurea honoris causa in Filosofia

 

Il Biancorosso

Serie C
Il Bari si dà una mossa: mini-ciclo per la svolta

Il Bari si dà una mossa: mini-ciclo per la svolta

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Salento
Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

 
TarantoNel tarantino
Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

 
PotenzaSul raccordo Potenza-Sicignano
Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

 
MateraTentato omicidio
Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

 
BatLa proposta
Barletta, un'app sui cellulari per segnalare i cattivi odori

Barletta, un'app sui cellulari per segnalare i cattivi odori

 
Foggianel foggiano
Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

 
BrindisiNel Brindisino
Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

 

i più letti

Il teatro perde un genio

Addio a Cosimo Cinieri l’avanguardia della Puglia

Avrebbe compiuto tra pochi giorni 81 anni. dai primi passi al sud alle collaborazioni importanti

Addio a Cosimo Cinieri l’avanguardia della Puglia

Addio a Cosimo Cinieri, una vita dedicata al teatro e alla recitazione. Una lunga malattia ha stroncato l’attore pugliese che viveva a Roma. La camera ardente per l’ultimo saluto al drammaturgo sarà nella Sala del Carroccio al Campidoglio, il 21 agosto alle ore 16. A seguire dalle 18 la commemorazione con interventi tra gli altri di Pasquale Panella, Bibiana Carusi, Nicola Vicidomini. Nato il 20 agosto 1938 (avrebbe compiuto 81 anni domani) a Taranto, Cinieri - che in molti ricorderanno anche per aver prestato per anni il suo volto alla pubblicità, partecipando agli spot televisivi dei panettoni di una nota marca nel periodo natalizio - era considerato tra i nomi più importanti del teatro italiano. Celebre il sodalizio con Carmelo Bene con cui divise per anni la scena da comprimario, per capolavori come «Sade» e «Otello» o la «Deficienza della Donna». Nel 1968 Cinieri fece anche parte del gruppo di attori che sostenne Carmelo Bene alla Mostra del Cinema di Venezia, dove presentava «Nostra Signora dei Turchi», il capolavoro che aveva suscitato accese polemiche alla proiezione.

Il ricordo di Pasquale Bellini: Avevo sentito Cosimo Cinieri, per l’ ultima volta, in marzo: fu una conversazione faticosa, stava male, ma volle offrirmi un ricordo su un amico comune e autore di teatro, Nicola Saponaro, su cui di lì a poco si sarebbe pubblicato un volumetto di interventi (Adda ed. a cura di Michele Roberto e Mary Sellani). Cinieri aveva curato la regia di un testo di Saponaro, Don Juan, una rielaborazione in chiave «pugliese» del mito di Don Giovanni, da Molière. Era il 1977 e il lavoro debuttò al Teatro Purgatorio, crogiuolo in quegli anni, di idee originali e curiosità, sotto l’ egida di Beppe Stucci.
Quello scorcio degli anni ‘70 vide il tarantino Cosimo Cinieri (fra l’ altro era nipote per parte di madre del commediografo Cesare Giulio Viola) spesso frequentare Bari e i suoi teatri e i suoi teatranti: bazzicò il Centro Universitario S. Teresa dei Maschi (allora egemonizzato dal Cut), realizzò spettacoli di strada al Cep-San Paolo insieme alla neonata Bedda Compagnie-Anonima G.R., infine un notevole debutto ci fu nel 1978, al Teatro Piccinni, con Beat-Generation, testo scritto con Irma Palazzo, da allora e poi per sempre sua compagna e affettuosa collaboratrice.
Del resto Cosimo Cinieri, se negli anni ‘70 segnava il clou della sua carriera grazie al sodalizio tenace con Carmelo Bene con il quale aveva messo in scena già nel 1974 il S.A.D.E.: libertinaggio e decadenza del complesso della gendarmeria salentina e cui seguirà (nel 1979) un formidabile Otello, aveva già dagli anni ‘60 intrapreso la strada del teatro sperimentale e di avanguardia.

Nella Roma delle «cantine» si era fatto notare con Finale di partita, Aspettando Godot, Atto senza parole, tutti testi di Samuel Beckett realizzati nel ‘65 in collaborazione con Giuliano Scabia. Poi nel ‘66 una Fantesca di Della Porta, Libere stanze di Roberto Lerici, con la regia di Quartucci. In collaborazione con Leo De Berardinis e Perla Peragallo, nel ‘71, un San Sebastiano in forma di «teatro di strada». Insieme a Irma Palazzo ha poi realizzato, dopo Beat Generation, diverse versioni di Show in versi, anche un Macbeth di Shakespeare.

Ha interpretato anche Mandragola di Machiavelli (regia di Mario Missiroli), poi ancora testi di De Filippo, Garcia Lorca, Pirandello, Cechov. Innumerevoli le sue «letture sceniche» dove la poesia era protagonista accanto alla musica: Canzoniere italiano, Poesia in concerto, Garcia Lorca in flamenco, Luoghi della memoria dai Sepolcri, Giocar di versi, Café della Voce, tutti realizzati tra la fine degli anni ‘90 e l’ inizio dei 2000.
Ancora un paio di stagioni fa, in estate, da bravo teatrante e professionista indefesso, «batteva» siti, location e piazze da teatro con il suo recital di poesie, musiche, canzoni, riflessioni.
Alla sua attività teatrale Cinieri ha sempre alternato partecipazioni in produzionio cinematografiche e televisive, nonché la conduzione di stage di recitazione e tecnica espressiva. Non si era tirato indietro neanche dalla pubblicità. Perché no, del resto? Per anni è stato il testimonial di una nota marca di biscotti: con la sua barba bianco-brizzolata era il bonario Signor B... che invitava i ragazzini a degustare biscotti, croccanti e dolciumi vari.
Un grande serio professionista, figlio di una Puglia di cui ha portato in giro, sempre con garbo e ironia, la cultura, il linguaggio, l’ arte della sperimentazione e della ricerca. Un saluto a te, Cosimo, insieme all’ ultimo applauso. A te un abbraccio Irma.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie