Venerdì 14 Agosto 2020 | 19:52

NEWS DALLA SEZIONE

Il lutto
Franca Valeri, un monumento: addio all’attrice che aveva appena compiuto 100 anni

Franca Valeri, un monumento: addio all’attrice che aveva appena compiuto 100 anni

 
CINEMA E LETTERATURA
«D’Autore D’Estate a Barletta», oggi il via agli incontri

«D’Autore D’Estate a Barletta», oggi il via agli incontri

 
lutto
È morta Franca Valeri, aveva compiuto 100 anni pochi giorni fa

È morta Franca Valeri, aveva compiuto 100 anni pochi giorni fa

 
fase 3
Puglia, dalla Regione 2,4 milioni per i gestori di cinema e teatri

Puglia, dalla Regione 2,4 milioni per i gestori di cinema e teatri

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, squadra ancora senza allenatore né ds

Bari, squadra ancora senza allenatore né ds

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantoa lido azzurro
Taranto, paura in spiaggia: due ragazzini scomparsi, ritrovati da polizia locale

Taranto, paura in spiaggia: due ragazzini scomparsi, ritrovati da polizia locale

 
Brindisil'evento
Fasano, il 22 agosto arriva Daniele Silvestri con «La cosa giusta» tour

Fasano, il 22 agosto arriva Daniele Silvestri con «La cosa giusta» tour

 
Foggiaestate
Troppe barche alle Tremiti, il sindaco: «Non tutti rispettano le regole»

Troppe barche alle Tremiti, il sindaco: «Non tutti rispettano le regole»

 
Barimobilità
Bari, furti e danni ai monopattini elettrici, Decaro: «Vi scoveremo»

Bari, furti e danni ai monopattini elettrici, Decaro: «Vi scoveremo»

 
Batdipendente amiu
Trani, colpito da macchina compattatrice mentre raccoglie rifiuti: in Rianimazione

Trani, colpito da macchina compattatrice mentre raccoglie rifiuti: in Rianimazione

 
Materaa 38 anni
Matera, minaccia di morte la nonna con una catena per avere soldi: arrestato

Matera, minaccia di morte la nonna con una catena per avere soldi: arrestato

 
PotenzaIl fenomeno
Nonni senza nipoti e sposano la politica

Nonni lucani lasciati senza nipoti, sposano la politica

 
LecceIl fatto
Nardò: «Augurate la morte ai profughi, vergogna»

Nardò, il parroco tuona: «Augurate la morte ai bimbi profughi, vergogna»

 

i più letti

Il teatro perde un genio

Addio a Cosimo Cinieri l’avanguardia della Puglia

Avrebbe compiuto tra pochi giorni 81 anni. dai primi passi al sud alle collaborazioni importanti

Addio a Cosimo Cinieri l’avanguardia della Puglia

Addio a Cosimo Cinieri, una vita dedicata al teatro e alla recitazione. Una lunga malattia ha stroncato l’attore pugliese che viveva a Roma. La camera ardente per l’ultimo saluto al drammaturgo sarà nella Sala del Carroccio al Campidoglio, il 21 agosto alle ore 16. A seguire dalle 18 la commemorazione con interventi tra gli altri di Pasquale Panella, Bibiana Carusi, Nicola Vicidomini. Nato il 20 agosto 1938 (avrebbe compiuto 81 anni domani) a Taranto, Cinieri - che in molti ricorderanno anche per aver prestato per anni il suo volto alla pubblicità, partecipando agli spot televisivi dei panettoni di una nota marca nel periodo natalizio - era considerato tra i nomi più importanti del teatro italiano. Celebre il sodalizio con Carmelo Bene con cui divise per anni la scena da comprimario, per capolavori come «Sade» e «Otello» o la «Deficienza della Donna». Nel 1968 Cinieri fece anche parte del gruppo di attori che sostenne Carmelo Bene alla Mostra del Cinema di Venezia, dove presentava «Nostra Signora dei Turchi», il capolavoro che aveva suscitato accese polemiche alla proiezione.

Il ricordo di Pasquale Bellini: Avevo sentito Cosimo Cinieri, per l’ ultima volta, in marzo: fu una conversazione faticosa, stava male, ma volle offrirmi un ricordo su un amico comune e autore di teatro, Nicola Saponaro, su cui di lì a poco si sarebbe pubblicato un volumetto di interventi (Adda ed. a cura di Michele Roberto e Mary Sellani). Cinieri aveva curato la regia di un testo di Saponaro, Don Juan, una rielaborazione in chiave «pugliese» del mito di Don Giovanni, da Molière. Era il 1977 e il lavoro debuttò al Teatro Purgatorio, crogiuolo in quegli anni, di idee originali e curiosità, sotto l’ egida di Beppe Stucci.
Quello scorcio degli anni ‘70 vide il tarantino Cosimo Cinieri (fra l’ altro era nipote per parte di madre del commediografo Cesare Giulio Viola) spesso frequentare Bari e i suoi teatri e i suoi teatranti: bazzicò il Centro Universitario S. Teresa dei Maschi (allora egemonizzato dal Cut), realizzò spettacoli di strada al Cep-San Paolo insieme alla neonata Bedda Compagnie-Anonima G.R., infine un notevole debutto ci fu nel 1978, al Teatro Piccinni, con Beat-Generation, testo scritto con Irma Palazzo, da allora e poi per sempre sua compagna e affettuosa collaboratrice.
Del resto Cosimo Cinieri, se negli anni ‘70 segnava il clou della sua carriera grazie al sodalizio tenace con Carmelo Bene con il quale aveva messo in scena già nel 1974 il S.A.D.E.: libertinaggio e decadenza del complesso della gendarmeria salentina e cui seguirà (nel 1979) un formidabile Otello, aveva già dagli anni ‘60 intrapreso la strada del teatro sperimentale e di avanguardia.

Nella Roma delle «cantine» si era fatto notare con Finale di partita, Aspettando Godot, Atto senza parole, tutti testi di Samuel Beckett realizzati nel ‘65 in collaborazione con Giuliano Scabia. Poi nel ‘66 una Fantesca di Della Porta, Libere stanze di Roberto Lerici, con la regia di Quartucci. In collaborazione con Leo De Berardinis e Perla Peragallo, nel ‘71, un San Sebastiano in forma di «teatro di strada». Insieme a Irma Palazzo ha poi realizzato, dopo Beat Generation, diverse versioni di Show in versi, anche un Macbeth di Shakespeare.

Ha interpretato anche Mandragola di Machiavelli (regia di Mario Missiroli), poi ancora testi di De Filippo, Garcia Lorca, Pirandello, Cechov. Innumerevoli le sue «letture sceniche» dove la poesia era protagonista accanto alla musica: Canzoniere italiano, Poesia in concerto, Garcia Lorca in flamenco, Luoghi della memoria dai Sepolcri, Giocar di versi, Café della Voce, tutti realizzati tra la fine degli anni ‘90 e l’ inizio dei 2000.
Ancora un paio di stagioni fa, in estate, da bravo teatrante e professionista indefesso, «batteva» siti, location e piazze da teatro con il suo recital di poesie, musiche, canzoni, riflessioni.
Alla sua attività teatrale Cinieri ha sempre alternato partecipazioni in produzionio cinematografiche e televisive, nonché la conduzione di stage di recitazione e tecnica espressiva. Non si era tirato indietro neanche dalla pubblicità. Perché no, del resto? Per anni è stato il testimonial di una nota marca di biscotti: con la sua barba bianco-brizzolata era il bonario Signor B... che invitava i ragazzini a degustare biscotti, croccanti e dolciumi vari.
Un grande serio professionista, figlio di una Puglia di cui ha portato in giro, sempre con garbo e ironia, la cultura, il linguaggio, l’ arte della sperimentazione e della ricerca. Un saluto a te, Cosimo, insieme all’ ultimo applauso. A te un abbraccio Irma.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie