Giovedì 29 Ottobre 2020 | 15:05

NEWS DALLA SEZIONE

Coppa italia
Il Lecce si arrende al Torino solo dopo i supplementari: 3-1 è il finale

Il Lecce si arrende al Torino solo dopo i supplementari: 3-1 è il finale

 
Coppa Italia
Contro il Torino il Lecce prova a fare il colpaccio, Corini: «Noi ci proviamo»

Contro il Torino il Lecce prova a fare il colpaccio, Corini: «Noi ci proviamo»

 
Giallorossi
Lecce, tampone negativo per calciatore e membro staff. Stop di un mese per Dermaku

Lecce, tampone negativo per calciatore e membro staff. Stop di un mese per Dermaku

 
Serie B
Calcio, Cosenza-Lecce termina con un pareggio: 1-1

Calcio, Cosenza-Lecce termina con un pareggio: 1-1

 
L'annuncio
Lecce calcio, tutti negativi i convocati per la gara contro il Cosenza: allarme rientrato anche per i 2 positivi di ieri

Lecce calcio, tutti negativi i convocati per la gara contro il Cosenza: allarme rientrato anche per i 2 positivi di ieri

 
Oggi alle 15
Cosenza-Lecce, per i giallorossi serve un cambio di marcia

Cosenza-Lecce, per i giallorossi serve un cambio di marcia

 
Serie B
Calcio Lecce, positivi al Covid calciatore e componente staff: entrambi in isolamento

Calcio Lecce, positivi al Covid calciatore e componente staff: entrambi in isolamento

 
Serie B
Domani Cosenza-Lecce, Trinchera: «È a Pantaleo Corvino che mi sono ispirato»

Domani Cosenza-Lecce, Trinchera: «È a Corvino che mi sono ispirato»

 
Serie B
Pareggio del Lecce in casa con la Cremonese: 2-2 il match con mille spettatori

Lecce pareggia in casa con la Cremonese: finisce 2-2 il match con mille spettatori

 
Serie B
Lecce calcio, mister Corini: «Contro la Cremonese squadra d'attacco ma più attenta»

Lecce calcio, mister Corini: «Contro la Cremonese squadra d'attacco ma più attenta»

 
L'intervista
Bonato: «Tra Lecce e Cremonese partita tirata fino all'ultimo»

Bonato: «Tra Lecce e Cremonese partita tirata fino all'ultimo»

 

Il Biancorosso

Calcio
Il super derby del Barone: «Bari e Foggia, la storia»

Il super derby del Barone: «Bari e Foggia, la storia»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaNel Potentino
Rotonda, il Comune dona kit bebè ai nuovi nati

Rotonda, il Comune dona kit bebè ai nuovi nati

 
BatLa scoperta
Barletta, lavoratori in nero in laboratorio mascherine: denunce

Barletta, lavoratori in nero in laboratorio mascherine: denunce

 
Leccenel Salento
Gallipoli, circolo ricreativo resta aperto nonostante il dpcm: multa al titolare

Gallipoli, circolo ricreativo resta aperto nonostante il dpcm: multa al titolare

 
BariGiustizia
Bari, causa pandemia stop a tutti i processi con testimoni

Bari, causa pandemia stop a tutti i processi con testimoni

 
FoggiaDalla polizia
Foggia, violenza e maltrattamenti contro moglie e figli per anni: arrestato

Foggia, violenza e maltrattamenti contro moglie e figli per anni: arrestato

 
Tarantoil siderurgico
ArcelorMittal, sindaco Melucci dopo incidente: «Fabbrica pericolosa, non può continuare»

ArcelorMittal, sindaco Melucci dopo incidente: «Fabbrica pericolosa, non può continuare»

 
BrindisiCapitaneria
Porto Brindisi, maxisequestro di prodotti ittici surgelati

Porto Brindisi, maxisequestro di prodotti ittici surgelati

 
MateraNel Materano
Bernalda, è ai domiciliari ma spaccia cocaina: in carcere

Bernalda, è ai domiciliari ma spaccia cocaina: in carcere

 

i più letti

Serie b

Calcio, «Lecce da promozione un esordio da brividi»

Il ds del Pordenone: «Coda e Paganini acquisti di qualità»

Lecce calcio, Cesare Bovo indossa ufficialmente la maglia giallorossa

LECCE - «Per il Pordenone, il campionato inizia con un test di alto livello, in quanto il Lecce è l’ultima squadra ad essere retrocessa dalla serie A 2019/2020 ed è una delle grandi favorite del campionato cadetto che sta per prendere il via». È così che Matteo Lovisa, responsabile dell’area tecnica del club friulano, inquadra la partita che, sabato prossimo, alle 14, metterà di fronte i giallorossi allenati da Eugenio Corini ed i nero-verdi diretti da Attilio Tesser.

Lecce-Pordenone sarà il big-match del turno inaugurale anche perché la sua squadra è stata, da neo promossa tra i cadetti, la grande rivelazione dell’annata agonistica scorsa. Con quale obiettivo affronterete la nuova avventura?
«Vogliano consolidarci in B e proporre un buon calcio. Abbiamo rinnovato notevolmente i ranghi rispetto al 2019/2020, con l’intento di ringiovanire la rosa. Soprattutto il centrocampo è totalmente inedito. Occorre quindi un po’ di pazienza per trovare la quadratura migliore».

A che punto è la costruzione dell’organico?
«Va ancora completato. Contiamo di effettuare quanto meno un ulteriore innesto per reparto».

Come procede lo sviluppo del progetto tecnico-tattico del Pordenone?
«Siamo un po’ in ritardo, in quanto c’è stato poco tempo per lavorare, ma questo discorso vale per tutte le formazioni. Il Lecce ha il vantaggio di avere a disposizione diversi calciatori che facevano parte del gruppo della serie A, che già si conoscono bene, che possono contare su meccanismi di gioco acquisiti e che aiuteranno i nuovi arrivati ad inserirsi».

Che giudizio dà della campagna acquisti sin qui portata avanti dal Lecce?
«È in linea con le ambizioni della piazza e con la volontà della proprietà di provare a tornare subito in A. Il club salentino ha ingaggiato uomini del calibro di Coda e Paganini, che conoscono bene la B e che l’hanno già vinta. Questi giocatori vanno ad aggiungersi a Falco, Mancosu ed altri elementi che hanno fatto bene nella massima serie. Il complesso giallorosso può schierare lo stesso centrocampo che è stato quello titolare per buona parte della passata annata».

Quale sarà l’atteggiamento del Pordenone al Via del Mare?
«Proviamo sempre ad esprimere un buon calcio e non abbiamo mai fatto le barricate, ma sappiamo anche che nel calcio ci sono le fasi nelle quali occorre difendersi e quelle nelle quali è possibile spingere sull’acceleratore».

A che partita daranno vita Lecce e Pordenone?
«In questo periodo, nel quale la condizione non è quella ottimale, determinante, alla lunga, potrebbe rivelarsi la tenuta atletica. Quando la fatica ed il caldo si faranno sentire, le due compagini si allungheranno e ad allora a spuntarla potrebbe essere chi dimostrerà di avere più “gamba”».

Si preannuncia un campionato di serie B tra i più competitivi degli ultimi anni, con tante pretendenti al salto di categoria. Sarà realmente così?
«Ci sono parecchie società ambiziose, il che renderà il torneo cadetto più avvincente del solito. Sono convinto che si registrerà grandissimo equilibrio, che conterà avere grande regolarità e che anche il punticino raggranellato in più o in meno potrà fare la differenza nel determinare il piazzamento finale delle singole compagini».

Come si arriva in massima serie?
«Bisognerà essere bravi a sbagliare pochi allenamenti, non solo poche partite. La B è una serie nella quale, alla pari dell’aspetto tattico e della qualità, contano atletismo e fisicità. Solo rendendo al top è possibile avere continuità di rendimento».

Per la serie A, il governo ha permesso l’apertura degli stadi a mille spettatori, ma non ha esteso il provvedimento alla B. Una discriminazione inaccettabile?
«Mi limito ad auspicare che quanto prima sia possibile avere il pubblico anche tra i cadetti e che il numero sia ampliato. I tifosi sono una componente fondamentale del calcio. La passione è il motore propulsore dello sport. Giocare in uno stadio come il Via del Mare dinanzi a spalti gremiti è un vantaggio per l’undici salentino, che può contare sul calore della propria gente, ma è anche uno stimolo enorme per gli avversari perché tutti i calciatori sognano di cimentarsi in un contesto del genere».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie