Venerdì 03 Luglio 2020 | 22:10

NEWS DALLA SEZIONE

Serie A
Lecce calcio, Liverani: «Essere positivi per la salvezza»

Lecce calcio, Liverani: «Essere positivi per la salvezza»

 
Calcio serie A
Lecce rialzati: non ci sono incontri dall'esito scontato

Lecce rialzati: non ci sono incontri dall'esito scontato

 
Serie A
Lecce, affondano i giallorossi in casa contro la Sampdoria

Lecce, affondano i giallorossi in casa contro la Sampdoria

 
Documento congiunto
Calcio, Lecce e Bari chiedono alla Regione riapertura stadi al pubblico

Calcio, Lecce e Bari chiedono alla Regione riapertura stadi al pubblico

 
L'INTERVISTA
Lecce, in arrivo un mercoledì da leoni. Contro la Samp primo bivio salvezza

Lecce, in arrivo un mercoledì da leoni. Contro la Samp primo bivio salvezza

 
serie a
Lecce calcio, caso Barak, centrocampista in bilico cobn l'Udinese

Lecce calcio, caso Barak, centrocampista in bilico con l'Udinese

 
Calcio serie A
Meluso tiene il Lecce a galla «Con la Samp per ripartire»

Meluso tiene il Lecce a galla: «Con la Samp per ripartire»

 
Calcio serie A
Il Lecce e le mille distrazioni fatali, così la salvezza si fa sempre più dura

Il Lecce e le mille distrazioni fatali, così la salvezza si fa sempre più dura

 
Serie A
Lecce agguerrito, regge un tempo contro la Juve poi cade e perde 4-0

Lecce agguerrito, regge un tempo contro la Juve poi cade e perde 4-0

 
SERIE A

Il Lecce con la Juve cerca il colpaccio, Liverani suona la carica

 
L'INTERVISTA
Questo Lecce non si arrende: parola del ds Meluso

Questo Lecce non si arrende: parola del ds Meluso

 

Il Biancorosso

SERIE C
Bari calcio, Schiavone: «In campo sempre per vincere»

Bari calcio, Schiavone: «In campo sempre per vincere»

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVIl video
Bari, incivili festeggiano a Largo Giannella: all'alba i resti del degrado

Bari, incivili festeggiano a Largo Giannella: all'alba i resti del degrado

 
LecceEmergenza nel territorio
Le campagne in balìa delle bande. Maxi-furto sventato in extremis

Salento, le campagne in balìa delle bande: maxi-furto sventato in extremis

 
FoggiaIl salvataggio
Tartaruga in difficoltà perde uova in mare: visitata nel centro di Manfredonia

Tartaruga in difficoltà perde uova in mare: visitata nel centro di Manfredonia

 
MateraIl caso
Matera, minaccia di morte la moglie poi va in questura con un taglierino: arrestato

Matera, minaccia di morte la moglie poi va in questura con un taglierino: arrestato

 
Potenzasicurezza
Potenza, Tempa Rossa: «risultati analisi non concordanti»

Potenza, Tempa Rossa: «Risultati analisi non concordanti»

 
Tarantofase3
Taranto, uffici comunali: pronta ordinanza per riaprirli al pubblico

Taranto, uffici comunali: pronta ordinanza per riaprirli al pubblico

 
Brindisinel brindisino
Fasano, sparò all'interno di un bar arrestato 32enne: era ricercato anche per traffico di droga

Fasano, sparò all'interno di un bar arrestato 32enne: era ricercato anche per traffico di droga

 
Batfase 3
Asl BAT, dopo 4 mesi accesso controllato negli ospedali

Asl BAT, dopo 4 mesi accesso controllato negli ospedali

 

i più letti

L'OPINIONE

Lecce, Ezio Rossi e un pallone ormai sgonfio: «Sarebbe assurdo tornare in campo»

Il Lecce merita la salvezza per quanto ha dimostrato. Senza calcio si può sopravvivere»

Ezio Rossi e un pallone ormai sgonfio: «Sarebbe assurdo tornare in campo»

LECCE - «Forzare la ripresa della serie A sarebbe assurdo. I punti interrogativi sono troppi. Dalla sicurezza a come ci si deve comportare in caso di contagi tra i calciatori. Ma la cosa peggiore sarebbe quella di dovere giocare a porte chiuse. I tifosi sono l’essenza del calcio. Inoltre, c’è una questione morale, il rispetto per più di 31.000 morti, per i tanti operatori sanitari che hanno dato la vita nella lotta alla pandemia. Non sono convinto che la gente sia pronta a gioire per un gol, per una vittoria della propria squadra. Se dovessi decidere io, quindi, decreterei la chiusura anticipata della stagione». A parlare in questi termini è Ezio Rossi, uno dei grandi protagonisti della prima storica promozione del Lecce in A, nel 1984/1985, ex Torino e Verona, che da allenatore ha diretto il Gallipoli, tra i cadetti.

Rossi ha una sua idea su come si dovrebbe procedere: «Tutti i campionati dovrebbero essere annullati, in quanto non è ipotizzabile che producano effetti, stante il fatto che mancano tante partite alla conclusione. Non verrebbe assegnato lo scudetto, non ci sarebbero promozioni e retrocessioni. A questo punto il Lecce sarebbe salvo, come del resto meriti. Mi rendo conto che team quali il Benevento, in B, il Monza, il Vicenza e la Reggina, in C, sarebbero penalizzati. Di fatto, però, al momento della sospensione, non avevano ancora nessuna certezza di vincere i rispettivi tornei. Il risultato, nello sport, si raggiunge grazie a diverse componenti e una è la fortuna. Per queste formazioni ciò che è accaduto con l’esplosione della pandemia va annoverato come un evento oltremodo sfortunato. Un po’ come se avessero perso tutti i restanti incontri».

L’ex Lecce avrebbe una soluzione anche per le problematiche economiche che scaturirebbero dallo stop definitivo: «Opterei per una serie di provvedimenti “a caduta”. Le società dovranno rinunciare ad una fetta degli introiti derivanti dai diritti televisivi. Conseguentemente, tutti gli addetti ai lavori, dai calciatori, ai tecnici, ai direttori sportivi, a patto che guadagnino più di 5.000 euro al mese, in qualsiasi serie, non dovrebbero percepire lo stipendio relativo agli ultimi quattro mesi. Non avrebbero certo problemi a vivere. Per i dipendenti dei club e per coloro che non guadagnano 5.000 euro al mese, il governo dovrebbe prevedere lo strumento della cassa integrazione. Io, nel mio piccolo di tecnico attualmente impegnato tra i dilettanti, con contratto, ho rinunciato a quattro mensilità. Non sarebbe quindi un dramma se lo facesse anche chi percepisce somme di gran lunga più significative».

Insomma, secondo Ezio Rossi, in questo caso lo spettacolo non dovrebbe andare avanti. «Siamo sopravvissuti per tre mesi senza calcio - sostiene - riusciremo a farne a meno sino a settembre. Chi di competenza, naturalmente, dovrebbe predisporre ogni cosa per fare in modo che si riparta dopo l’estate, con le giuste misure, purché non cervellotiche».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie