Martedì 22 Settembre 2020 | 03:44

NEWS DALLA SEZIONE

Calcio serie B
Andreazzoli lancia il Lecce: reciterà da protagonista

Andreazzoli lancia il Lecce: «Reciterà da protagonista»

 
Calcio serie B
Il Lecce cerca i giovani giusti: Bouah e Pobega nel mirino

Il Lecce cerca i giovani giusti: Bouah e Pobega nel mirino

 
Serie B
Doppio test di allenamento per il Lecce calcio di Corini

Doppio test di allenamento per il Lecce calcio di Corini

 
Serie B
Paganini pronto a suonare una musica dolce per il Lecce

Paganini pronto a suonare una musica dolce per il Lecce

 
Serie B
Lecce calcio, definiti i numeri delle maglie da gioco per il prossimo campionato

Lecce calcio, definiti i numeri delle maglie da gioco per il prossimo campionato

 
mercato
Lecce, i nuovi Paganini e Listowski si presentano

Lecce, i nuovi Paganini e Listowski si presentano

 
calcio
Longo non ha dubbi: «Il Lecce sarà grande protagonista in Serie B»

Longo non ha dubbi: «Il Lecce sarà grande protagonista in Serie B»

 
Calcio
Lecce, c'è Hestad a un passo dal sì

Lecce, c'è Hestad a un passo dal sì

 
calcio
Lecce, sabato al Via del Mare doppia amichevole contro Nardò e Fasano

Lecce, sabato al Via del Mare doppia amichevole contro Nardò e Fasano

 
Serie B
Lecce calcio, presentato Coda: «Sono qui per Corvino»

Lecce calcio, presentato Coda: «Sono qui per Corvino»

 
Serie B
Lecce calcio, in arrivo dalla Norvegia l'esterno Eirik Hestad

Lecce calcio, in arrivo dalla Norvegia l'esterno Eirik Hestad

 

Il Biancorosso

Calcio serie C
Il Bari accende la luce: la settimana degli esordi

Il Bari accende la luce: la settimana degli esordi

 

NEWS DALLE PROVINCE

Lecceduplice omicidio
Lecce, dopo accoltellamento muoiono un uomo e una donna: caccia al killer

Lecce, uomo e donna uccisi a coltellate: è caccia al killer. Possibile delitto passionale FOTO

 
FoggiaLa curiosità
Regionali, Emiliano vince in 2 comuni Foggiani di Conte: Fitto si impone solo a Candela

Regionali, Emiliano vince in 2 comuni Foggiani di Conte: Fitto si impone solo a Candela

 
BatIl rogo
Vasto incendio ad Andria: il sindaco invita i cittadini a chiudere le finestre

Vasto incendio ad Andria: il sindaco invita i cittadini a chiudere le finestre

 
BariL'iniziativa
Università, a Bari approda il festival nazionale dello sviluppo sostenibile

Università, a Bari approda il festival nazionale dello sviluppo sostenibile

 
TarantoIl siderurgico
Arcelor Mittal, Ugl: sciopero il 24 a Taranto ma il governo deve dare risposte

Arcelor Mittal, Ugl: sciopero il 24 a Taranto ma il governo deve dare risposte

 
PotenzaLa curiosità
Nuoto, a Potenza la piscina olimpionica sarà dedicata a Bud Spencer

Nuoto, a Potenza la piscina olimpionica sarà dedicata a Bud Spencer

 
Materacontrolli della ps
Policoro, era ai domiciliari e spacciava in casa eroina e cocaina: 30enne in carcere

Policoro, era ai domiciliari e spacciava in casa eroina e cocaina: 30enne in carcere

 
BrindisiIl caso
Fasano, rapina allo Zoosafari: ladri scappano con l'incasso

Fasano, rapina allo Zoosafari: ladri scappano con l'incasso

 

serie a

Lecce, brilla capitan Mancosu rincorrendo la salvezza

Un gol alla Juve, uno all'Inter: il capitano è tornato alla grande

Lecce, brilla capitan Mancosu rincorrendo la salvezza

Marco Mancosu

Una corsa sfrenata, una mano battuta sul petto e poi le lacrime a rigargli il viso. Marco Mancosu l’ha fatto di nuovo: dopo aver segnato alla Juventus si è ripetuto con l’Inter. Domenica pomeriggio però l’emozione è stata difficile da trattenere nell’esultanza.

Ha preso per mano il Lecce sull’orlo della quinta sconfitta consecutiva in campionato e l’ha tirato su, permettendogli di conquistare un pareggio che porta un punticino alla classifica, ma che per il morale della squadra e dell’ambiente vale come una vittoria.

Quella del centrocampista sardo sembra una favola, alla quale stenta a credere anche il protagonista principale. «Fatico a realizzare di aver segnato contro l’Inter e la Juventus», ha detto il capitano giallorosso subito dopo la sfida contro i nerazzurri. Fino a qualche anno fa segnare contro entrambe le contendenti allo scudetto era qualcosa di troppo grande perfino da sognare, eppure è accaduto per davvero. A 31 anni Mancosu si è preso il palcoscenico della serie A, dopo aver calpestato per tante stagioni i campi sfatti delle serie inferiori.

Quando è arrivato nel Salento nell’estate del 2016, il centrocampista sardo era noto a tutti come un elemento ottimo per la serie C, che per una serie di circostanze non era mai riuscito ad arrivare nel grande calcio. Con la maglia giallorossa fece bene già al primo anno nell’allora Lega Pro, ma non riuscì a conquistare la promozione in serie B. Obiettivo centrato l’anno seguente, quando sulla panchina del Lecce è arrivato Fabio Liverani, un fattore decisivo per la carriera del centrocampista ex Cagliari. Il tecnico romano ha saputo sfruttarne al massimo le doti, mettendolo al centro del suo progetto tecnico, a prescindere dal ruolo in campo. Lo ha trasformato da ottima mezzala in serie C a straordinario trequartista nella scorsa serie B, esaltandone le qualità di corsa e le capacità balistiche. Dopo la partita contro lo Spezia, che ha sancito il ritorno del Lecce in serie A, il centrocampista cagliaritano disse che quella promozione lo ripagava per tutti gli sforzi fatti in carriera e per tutta la polvere mangiata sui campi della serie C. Ma quel caldo pomeriggio dello scorso maggio, Mancosu non sapeva che il meglio sarebbe dovuto ancora arrivare.

La stagione in corso non è stata facile per lui: un infortunio in estate che ne ha compromesso la preparazione, la fatica per rimettersi al passo del gruppo e poi un problema muscolare che lo ha tenuto fermo un mese fra novembre e dicembre. Eppure, i numeri dicono che il capitano giallorosso è stato decisivo per la classifica della sua squadra. È il capocannoniere del Lecce con sei reti, quattro delle quali su rigore, ma soprattutto i suoi gol hanno portato ai pareggi contro Juventus e Inter e alle vittorie contro Torino e Spal. In totale, otto dei sedici punti conquistati dal Lecce portano la firma di Mancosu, che del Lecce è capitano e simbolo di una rinascita. È rimasto l’unico giocatore della rosa reduce dal doppio salto, che dopo essere passato attraverso la serie C e la serie B ora vuole portare a termine l’impresa più bella e difficile: conquistare la salvezza in serie A.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie