Sabato 12 Giugno 2021 | 12:51

Il Biancorosso

La novità
Bari, Ciro Polito è il nuovo direttore sportivo

Bari, Ciro Polito è il nuovo direttore sportivo

 

NEWS DALLE PROVINCE

Potenzalavori pubblici
Potenza, Ponte Musmeci, restauro alla Fhecor Ingenieros

Potenza, Ponte Musmeci, restauro alla Fhecor Ingenieros

 
MateraVaccini
Matera, immediata sospensione Astrazeneca sugli under 60

Matera, immediata sospensione Astrazeneca sugli under 60 Il bollettino odierno

 
TarantoLa tragedia
Taranto, Infortunio mortale alla foce del Tara

Taranto, Infortunio mortale alla foce del Tara

 
Brindisila campagna
Brindisi, Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

Brindisi, Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

 
LecceLa novità
Lecce, festa di Sant’Oronzo non si farà la processione

Lecce, festa di Sant’Oronzo non si farà la processione

 

i più letti

Rossoneri

Foggia, è ufficiale: Gentile lascia. «Dopo l'attentato ho perso gli stimoli»

L'ex capitano ringrazia. La squadra è con la testa alla partita di Catania

Foggia, è ufficiale: Gentile lascia. «Dopo l'attentato ho perso gli stimoli»

Adesso c’è anche l’ufficialità a sancire la separazione tra il Foggia e Federico Gentile. Il centrocampista rossonero passa a titolo temporaneo al Fano: resta in Lega Pro ma migra nel girone B, dove la formazione marchigiana è impegnata nella lotta per la permanenza.
Si dividono le strade del club dauno e del suo capitano, vittima un mese e mezzo fa di un grave attentato intimidatorio. Ignoti, nella notte tra l’1 e il 2 dicembre scorsi, diedero fuoco alla porta d’ingresso dell’abitazione di Gentile, mentre il calciatore era in casa e stava dormendo, con i suoi familiari. Intimidazione su cui proseguono le indagini, per far luce sul movente e individuare i responsabili. «Lascio Foggia con grande amarezza - il messaggio di saluto postato sui social dal centrocampista romano, che il 27 gennaio prossimo compirà 36 anni -. È stato motivo d’orgoglio per me indossare una maglia storica e gloriosa come quella dei “Satanelli”. So di aver dato tutto. Sono arrivato con grande entusiasmo e la voglia di contribuire a portare in alto i colori rossoneri, ma l’attentato che ha colpito me e la mia famiglia mi ha svuotato, e, anche se so che è opera di delinquenti che non c’entrano nulla con i tifosi veri e la stragrande maggioranza della brava gente che c’è a Foggia, non sono riuscito a trovare gli stimoli per ripartire».

In un anno e mezzo Gentile ha collezionato in rossonero 39 presenze e 10 reti, fra gare di Serie D, Coppa Italia di Serie D, Lega Pro. «Ringrazio la società e Corda per avermi dato la possibilità di lavorare a Foggia con grandi responsabilità e fiducia - continua Gentile -. Grazie anche a tutte le persone che mi hanno mostrato solidarietà. Faccio un grosso in bocca al lupo allo staff tecnico e alla squadra, che stanno facendo grandi cose. Riparto da Fano, per dare il mio contributo ad una società che mi ha fortemente voluto, mi ha trasmesso voglia di ripartire» .Intanto il Foggia prosegue nella preparazione della partita di Catania. Gara in programma dopodomani alle 15. Ieri pomeriggio seduta a Troia: hanno ripreso ad allenarsi col gruppo Mbaba e Aramini; lavoro differenziato per Vitale e Balde; terapie e riposo precauzionale per Spadoni. Ai box Del Prete, infortunatosi durante il posticipo casalingo di lunedì scorso contro la Juve Stabia: gli esami strumentali hanno evidenziato una lesione di primo grado alla coscia destra. Si presume uno stop di una ventina di giorni per il difensore ex Perugia. Oggi allenamento mattutino allo «Zaccheria», a seguire la partenza per la trasferta siciliana.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie