Domenica 26 Maggio 2019 | 03:59

NEWS DALLA SEZIONE

La crociata rossonera
Il Foggia alza ancora la voce: «Vogliamo giocare subito»

Il Foggia alza ancora la voce: «Vogliamo giocare subito»

 
Playout
Foggia calcio, il Tar Lazio sospende tutto: tifosi tornano a sperare

Foggia calcio, il Tar Lazio sospende tutto: tifosi tornano a sperare

 
Serie B
Foggia, contro i play out negati società farà ricorso al Tar

Foggia, contro i play out negati società farà ricorso al Tar

 
Retrocessione in C
Il Foggia calcio resta in trance: i tifosi vogliono giustizia

Il Foggia calcio resta in trance: i tifosi vogliono giustizia

 
Il punto
Foggia retrocesso 2 volte: un golpe antisportivo da «repubblica delle banane»

Foggia retrocesso 2 volte: un golpe antisportivo da «repubblica delle banane»

 
La sentenza
Serie B: Palermo retrocede in Lega Pro, Foggia ripescato per i play-out

Serie B: Palermo retrocede in Lega Pro ma per il Foggia niente play-out

 
Serie B
Il Foggia di Grassadonia retrocede in C, non basta il gol di Iemmello

Il Foggia di Grassadonia retrocede in C, non basta il gol di Iemmello

 
Serie B
Rigore decisivo, Foggia batte Perugia 1-0

Rigore decisivo, Foggia batte Perugia 1-0

 
Ha vinto 3-1
Foggia batte la Salernitana, prosegue la corsa ai play out

Foggia batte la Salernitana, prosegue la corsa ai play out

 
Serie B
Il Foggia perde al 91esimo: trasferta amara a Cremona

Il Foggia perde al 91esimo: trasferta amara a Cremona

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl caso
Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

 
FoggiaIn largo Risorgimento
Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

 
LecceDopo un raid
Lecce, pestato e ferito da un colpo d'arma da fuoco: arrestato 53enne

Lecce, pestato e ferito da un colpo d'arma da fuoco: arrestato 53enne

 
BrindisiUn 48enne
Brindisi, stalker seriale perseguita la ex: finisce in cella

Brindisi, stalker seriale perseguita la ex: finisce in cella

 
MateraImpianto Intrec
Nucleare, i dati a Rotondella ok ma si teme inquinamento

Nucleare, i dati a Rotondella ok ma si teme inquinamento

 
BariL'inchiesta
Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 
BatNella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 

i più letti

Serie B

La sterzata del Foggia
e la difesa ritrovata

Dalla trasferta di Pescara il cambio di marcia

La sterzata del Foggiae la difesa ritrovata

FOGGIA - Otto gol subiti nelle prime 3 giornate: 2 dal Carpi, 4 dal Crotone, 2 dal Palermo. Tre reti incassate nei 3 turni successivi: una dal Pescara, una dal Padova, una dal Benevento. La sterzata del Foggia è stata determinata anche dai progressi che la formazione di Grassadonia ha evidenziato nella tenuta difensiva. Dalla trasferta di Pescara in poi, meno gol presi e meno occasioni concesse agli avversari.

Dalla gara dell’Adriatico, persa 1-0, il tecnico rossonero ha dato fiducia al trio difensivo composto da Camporese al centro e da Loiacono e Martinelli ai suoi lati. Fiducia poi confermata nelle successive due partite, vinte contro il Padova (in casa) e a Benevento. Le alternative sono rappresentate dall’esperto Tonucci e dagli under Boldor e Ranieri.
Loiacono è al settimo anno di fila in rossonero. Come già accaduto nelle stagioni scorse, il difensore barese si sta ritagliando il suo spazio pur non essendo partito in prima fila nelle gerarchie: è stato schierato quasi sempre fra i titolari, da laterale destro di centrocampo e da centrale di difesa. In rialzo anche le quotazioni di Martinelli, che gode della piena fiducia di Grassadonia e sta crescendo nel rendimento. Camporese è il perno centrale della linea a 3 e in quest’inizio di campionato ha già realizzato 2 gol, fra cui la rete dell’ex a Benevento. «Un gol che avevo sognato per tutta la settimana - ha dichiarato il difensore cresciuto nel vivaio della Fiorentina -. È dedicato a chi, nella società del Benevento, in A non ha creduto in me e mi ha messo sul mercato nell’ultimo giorno di trattative. Per fortuna sono finito al Foggia: società seria, tifoseria eccezionale. A Benevento abbiamo dato un segnale forte sul piano del gioco e caratteriale, in primis a noi stessi. Ci accostiamo alla gara interna con l’Ascoli consapevoli di poter vincere e salire a quota 4 punti in classifica: spero che sabato vada a finire così; dipende da noi».
Difensori ma anche goleador: 4 delle 11 reti segnate dal Foggia portano la firma dei centrali, abili a inserirsi e concludere a rete sulle palle inattive e nel gioco aereo; cifra che sale a 7 gol su 11 se si includono i 3 centri di Kragl, che gioca da esterno di centrocampo nel 3-5-1-1 con il compito allinearsi ai centrali quando ad attaccare sono gli avversari. Difesa che può contare, infine, anche sull’entusiasmo e la voglia di emergere dei giovani. «Cerco di fare del mio meglio quando vengo chiamato in causa - ha detto Luca Ranieri, classe ‘99, 3 presenze finora in B, arrivato in prestito dalla Fiorentina -. Stiamo assimilando a pieno tutti i meccanismi di gioco, la difesa ne ha beneficiato trovando più compattezza. Tra il torneo Primavera e la B c’è un abisso, da tutti i punti di vista. Il mio obiettivo è crescere tecnicamente, tatticamente e mentalmente».

Proseguono, intanto, gli allenamenti: lavoro differenziato per Kragl, che proverà ad essere in campo anche sabato, stringendo i denti; ultimi giorni di riabilitazione a Cesena per Iemmello, che dalla prossima settimana dovrebbe aggregarsi ad Agnelli e compagni. Nel frattempo, la società rossonera è stata multata di 5mila euro per «un coro insultante di matrice territoriale» intonato dai suoi supporter a Benevento, ad inizio e fine partita, nei confronti della tifoseria sannita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400