Venerdì 10 Aprile 2020 | 09:05

Il Biancorosso

L’iniziativa
«Museo del Bari» mette le maglie all’asta

«Museo del Bari» mette le maglie all’asta

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccel'operazione
Lecce, GdF sequestra 27mila flaconi di gel igienizzante prodotto nel 1989 e rivenduto

Lecce, GdF sequestra 27mila flaconi di gel igienizzante prodotto nel 1989 e rivenduto

 
BariLa sinergia
Tecnologia, al Politecnico di Bari l'Innovation Hub di Terna

Tecnologia, al Politecnico di Bari l'Innovation Hub di Terna

 
FoggiaStorie di ordinario coraggio
Foggia, due sorelle nel reparto Covid della Casa Sollievo: «Nel dolore abbiamo trovato la speranza»

Foggia, due sorelle nel reparto Covid della Casa Sollievo: «Nel dolore abbiamo trovato la speranza»

 
TarantoSanità
Covid 19 a Taranto, Melucci: «Piano ospedaliero Puglia? È fragile»

Covid 19 a Taranto, Melucci: «Piano ospedaliero Puglia? È fragile»

 
PotenzaLa lettera
Potenza, la scuola al tempo del Covid, parla un'alunna «Grazie prof, senza di voi saremmo persi»

Potenza, la scuola al tempo del Covid, parla un'alunna «Grazie prof, senza di voi saremmo persi»

 
MateraImmagini del «belpaese»
Bernalda, Ford Coppola sogna l’Italia e spegne 81 candeline

Bernalda, Ford Coppola sogna l’Italia e spegne 81 candeline

 
BrindisiSi teme un focolaio in carcere
Brindisi, in quarantena 9 agenti di Polizia penitenziaria

Brindisi, in quarantena 9 agenti di Polizia penitenziaria

 
Batsport
Barletta, «Stop e niente gare ma c’è lo streaming»

Barletta, parla campionessa di scacchi: «Stop e niente gare ma c’è lo streaming»

 

i più letti

Serie B

Cicerelli, la serata perfetta: «In gol con la maglia dei sogni»

«Questo Foggia mi piace e ha già l’impronta di mister Grassadonia»

Cicerelli, la serata perfetta: «In gol con la maglia dei sogni»

FOGGIA - Il primo gol in B ha il sapore dolce del momento atteso a lungo e diventa istante da ricordare, fra gioia e liberazione, nel frastuono degli 11mila dello «Zaccheria». Emanuele Cicerelli non dimenticherà la partita di domenica scorsa contro il Carpi (vinta 4-2 dal Foggia), la sua prima gara in rossonero fra i cadetti. Una brillante prestazione ed una rete il suo biglietto da visita. «Una serata perfetta - racconta l’attaccante ex Paganese -. Abbiamo giocato bene, seppure con alcune pause ed errori nella parte finale dell’incontro. Abbiamo conquistato i 3 punti, successo fondamentale per partire bene e iniziare subito a ridurre la penalizzazione. Infine, è arrivato il mio gol. Non avrei potuto desiderare di più».

È passato da poco il primo quarto d’ora della ripresa, quando Carraro supera in slalom Pezzi e Sabbione, avanza a testa alta e innesca Cicerelli, che riceve palla sulla trequarti sinistra, si accentra e dal limite dell’area sferra un destro che non dà scampo a Colombi. «È stato molto bravo Carraro a liberarsi degli avversari e lanciarmi a rete - spiega il jolly rossonero di centrocampo e attacco -. Ho visto che c’era Kragl in sovrapposizione alla mia sinistra e che in area alcuni compagni erano liberi, ma ho deciso di tentare quel tipo di giocata ed è andata bene. Il boato dello stadio è stato da brividi. Un gol che ho dedicato alla mia fidanzata Valentina: è di Cava de’ Tirreni, mi stava seguendo da casa».

Ventiquattro anni, manfredoniano, Cicerelli ha riabbracciato i colori rossoneri dopo l’esperienza nel vivaio del Foggia, conclusasi nel 2012: «Fui convocato - ricorda - per qualche partita in prima squadra, poi a fine stagione il club non si iscrisse al campionato di terza serie e Pavone mi portò a Barletta. Di lì è iniziato il mio percorso in C ed ho conosciuto mister Grassadonia: quando mi ha prospettato la possibilità di venire a Foggia, non ci ho pensato un secondo. Finalmente sono tornato a casa: è sempre stato il mio sogno indossare la maglia rossonera, in prima squadra».
Mezz’ala, mezza punta, esterno di centrocampo, laterale d’attacco: Cicerelli ha tra le sue doti principali la duttilità, come piace al nuovo allenatore del Foggia: «È bello potersi rendere utile per la squadra in più zone del campo, e la concorrenza non è un problema ma una risorsa: più qualità c’è in rosa, più si alzano la competitività e l’intensità negli allenamenti, e i frutti si vedono in partita. A me piace puntare l’uomo, avanzare palla al piede, duettare con i compagni. Da piccolo ero innamorato di Lavezzi, per la tecnica e il suo modo di giocare, e ho apprezzato Zanetti, per il grande esempio che è stato. Del Foggia, Salgado è stato uno dei miei idoli. Qui ho trovato un gruppo molto disponibile e unito, e ho ritrovato Deli, che è un mio amico fraterno e con cui ho giocato assieme a Pagani».

Con Grassadonia al timone dei «Satanelli», Cicerelli non ha avuto difficoltà d’inserimento e ha bruciato le tappe. Il Foggia lo ha ingaggiato in prestito dalla Salernitana, con opzioni di riscatto e controriscatto: «Se n’era parlato ad inizio estate, poi c’è stata qualche settimana di stasi. La trattativa ha ripreso quota negli ultimi giorni di mercato ed è andata a buon fine. Il calcio dà e toglie: a Salerno non ho avuto la possibilità di dimostrare il mio valore. Spero che questa possa rappresentare, per me, la stagione della svolta. Sarà un campionato duro, abbiamo l’handicap della penalizzazione e in ogni gara ci sarà da battagliare. Ora ci aspetta il Crotone, col dente avvelenato: hanno voglia di riscatto. Poi affronteremo altre big, come Palermo e Benevento, ma questo non deve farci paura. Il mister ha un modo di far giocare le sue squadre che mi piace molto, sta dando anche al Foggia la sua impronta: vuole che siamo compatti e corti fra i reparti, che attacchiamo e difendiamo in blocco. Stiamo, inoltre, lavorando parecchio sulle palle inattive. Dobbiamo restare concentrati, tenere i piedi per terra, impegnarci negli allenamenti ed essere sicuri delle nostre potenzialità», conclude l’attaccante rossonero.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie