Domenica 22 Settembre 2019 | 03:28

NEWS DALLA SEZIONE

Domenica 22 settembre
ENOTURISTI - In vigna per scoprire profumi e saperi

«Cantine aperte» in vendemmia

 
Vini di eccellenza
BRINDIAMO - Al sapere del vino e alla eccellenza di Massimo Bottura

Monopoli brinda al «De Vinea»

 
Dopo le vacanze estive
ULIVI - Ricchi di frutti preziosi per  la nostra salute

«Dieta? L’olio non deve mancare»

 
«Sparkling Wine»
BRINDARE A OSTUNI - Le bollicine saranno protagoniste

A Ostuni arriva il vino frizzante

 
Binomio di grande interesse
IN VIGNA - Ecco un campo per  la ricerca su uve e vino

Acqua, da pianificare per il vino

 

Il Biancorosso

Calcio
Folorunsho rialza il Bari: «Noi i più forti della C»

Folorunsho rialza il Bari: «Noi i più forti della C»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

LecceDue operazioni
Lecce, nel garage droga e 4mila euro in contanti: 2 arresti

Fiumi di droga in Salento, recuperati 12mila euro in contanti: 3 arresti

 
TarantoDai carabinieri
Taranto, non accetta la fine della relazione e perseguita ex moglie e figli: arrestato

Taranto, non accetta la fine della relazione e perseguita ex moglie e figli: arrestato

 
BatL'annuncio
Istituto per il Medioevo: Barletta sarà sede per il Sud

Istituto per il Medioevo: Barletta sarà sede per il Sud

 
BariA bari
Assenteismo al Di Venere: senologo condannato a 2 anni, il pomeriggio passeggiava in scooter

Assenteismo al Di Venere: 2 anni al senologo, il pomeriggio passeggiava in scooter

 
Potenzatruffa nel potentino
Oppido Lucano, raccoglie offerte inesistenti per bimbi malati: denunciato

Oppido Lucano, raccoglie offerte inesistenti per bimbi malati: denunciato

 
MateraL'indagine
Basilicata, donne-madri costrette a licenziarsi

Basilicata, donne-madri costrette a licenziarsi

 
BrindisiDenunciato un uomo
Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

 

i più letti

Piace anche ai turisti stranieri

Ecco una scorpacciata di friselle

L’antico boukellaton dei bizantini è il re delle nostre estati nel Mezzogiorno

CONDITA - Se vi piace classica o con tonno, olive e tanto altro

CONDITA - Se vi piace classica o con tonno, olive e tanto altro

Frisa, frisella o frisedhha, è sempre lei la regina delle estati pugliesi. Declinata con farina di orzo, con semola di grano duro, integrale o bianca, a casa o in spiaggia, nell’aperitivo rinforzato al bar: lei piace, sempre, agli italiani e pure ai turisti stranieri. Sorprende perché, chi non è nato da Napoli in giù, non sa che questo pane duro condito come la tradizione comanda (buon olio extravergine e se c’è pomodoro) o come la fantasia ci suggerisce, è uno dei piatti freschi dell’estate nel Mezzogiorno.
Sì, spostandosi a sud, il biscotto di grano campano assume la caratteristica forma tonda ad anello in Calabria, Basilicata e Puglia.

Gli appassionati estimatori collezionano sua maestà la frisa in ogni dove: ad una manciata di chilometri, infatti, può essere più o meno sottile, più o meno scura, più o meno dura. Poi c’è la famiglia delle friselline, da consumare anche non bagnate nell’acqua.

E voi, a che partito appartenete? Cercate la parte alta o quella bassa della frisella? A me piace la parte bassa, quella a contatto con la superficie di cottura in forno (per la prima cottura) perché è un po’ più secca: la preferisco più croccante.

Mica è vero che la frisella è figlia della cultura contadina. E’ probabile, infatti, che la saggezza contadina abbia contribuito a tramandare fino a giorni nostri questa sublime bontà che, oramai, si trova in tutti i supermercati d’Italia.

Gli studi compiuti negli USA sulla storia dei bizantini, in guerra e a tavola, ha documentato che nell’XI secolo c’era un anello di pane secco (chiamato boukellaton) che faceva parte della razione alimentare dei soldati bizantini. Saranno state le friselle?

Da un lato questi guerrieri dell’antichità conquistarono il Mediterraneo portando nelle stive delle imbarcazioni sabbia che le stabilizzava, in cui erano conficcate anfore da vino e olio, e pane secco: cibo leggero che si conservava a lungo. Fatto è che già nel 1300 ci sono che tracce della presenza delle friselle nel Sud Italia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie