Sabato 18 Gennaio 2020 | 23:33

NEWS DALLA SEZIONE

La tragedia
Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

 
Buon compleanno
Nonna Maria spegne 105 candeline: la festa a San Michele Salentino

Nonna Maria spegne 105 candeline: la festa a San Michele Salentino

 
Nel Brindisino
S.Vito dei Normanni, 79enne abbandona in strada 4 cagnolini di pochi giorni, denunciato

S.Vito dei Normanni, 79enne abbandona in strada 4 cagnolini di pochi giorni, denunciato

 
Il caso
Mesagne, villa con piscina e carrozzerie allacciate abusivamente a rete elettrica: 3 indagati

Mesagne, villa con piscina e carrozzerie allacciate abusivamente a rete elettrica: 3 indagati

 
La storia
Torre Guaceto, Cohiba tartaruga con gli occhi chiusi: il sogno di ridarle la vista

Torre Guaceto, Cohiba tartaruga con gli occhi chiusi: il sogno di ridarle la vista

 
Abusivismo
Ceglie Messapica, case popolari occupate: 26 denunce

Ceglie Messapica, case popolari occupate: 26 denunce

 
Un 26enne
Ceglie Messapica, guida l'auto dopo aver bevuto e si scontra con un furgone: denunciato

Ceglie Messapica, guida l'auto dopo aver bevuto e si scontra con un furgone: denunciato

 
I funerali
Fasano, a migliaia per l'addio al «guerriero» Custodero

Fasano, a migliaia per l'addio al «guerriero» Custodero

 
Scarcerato
Ostuni, torna libero l'imprenditore che ha ucciso per sbaglio la moglie

Ostuni, torna libero l'imprenditore che ha ucciso per sbaglio la moglie

 
Il video
Tap, Castoro Sei arriva a Brindisi: a breve la posa della sezione sottomarina del gasdotto

Brindisi, arriva la nave Castoro Sei: a breve la posa della sezione sottomarina per Tap

 

Il Biancorosso

Calcio
Bari, Vivarini: «Dobbiamo vincere sempre»

Bari, Vivarini: «Dobbiamo vincere sempre»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariPer Sant'Antonio Abate
Cani e gatti domestici sfilano a Putignano per la benedizione

Cani e gatti domestici sfilano a Putignano per la benedizione

 
BatIl caso
Gli ingegneri-netturbini di Barletta si raccontano a France 2

Gli ingegneri-netturbini di Barletta si raccontano a France 2

 
LecceMoria di tartarughe
Lecce, «Caretta caretta» spiaggiate morte trovate a San Cataldo

Lecce, «Caretta caretta» spiaggiate morte trovate a San Cataldo

 
TarantoI controlli
Taranto, incensurato nascondeva in casa fucile a pallettoni e munizioni

Taranto, incensurato nascondeva in casa fucile a pallettoni e munizioni

 
FoggiaLe ricerche
San Severo, a caccia della pantea co i droni

San Severo, caccia alla pantera con i droni

 
MateraL'annuncio
Matera e disabili, presto in città un «Albergo etico»

Matera e disabili, presto in città un «Albergo etico»

 

i più letti

francavilla fontana

Picchiato dal prof dopo
una pernacchia. Ora il processo

FRANCAVILLA - Il prof fa una battuta e lo studenti gli fa una pernacchia che scatena l’ira del docente che picchia l’alunno.

Ha dell’incredibile la vicenda portata alla luce da un’inchiesta coordinata dal sostituto procuratore della Repubblica Pierpaolo Montinaro, che nei giorni scorsi ha fatto notificare a due docenti di un istituto tecnico di Francavilla Fontana l’avviso di conclusione delle indagini preliminari condotte dei loro confronti. Ad uno dei due docenti indagati il magistrato inquirente contesta il reato di lesioni personali. Nell’ambito della stessa inchiesta è indagato un secondo docente, in servizio nella stessa scuola. Il «secondo» prof è finito nell’indagine in quanto “aveva l’obbligo giuridico di impedire l’evento (che il suo collega picchiasse l’alunno –ndr), in quanto docente del minore, ma non interveniva consentendo” al docente di educazione fisica di “agire indisturbato”.

Il fatto è avvenuto l’11 novembre scorso. A conclusione delle indagini preliminari, tirate le somme dell’inchiesta, il pm ha fatto notificare il relativo avviso ai due indagati. I due docenti, così come previsto dal Codice di rito, hanno venti giorni di tempo dalla notifica dell’avviso per presentare memorie, produrre documentazioni e chiedere di essere interrogati dal pm titolare dell’indagine. A seguire il pubblico ministero deciderà se formalizzare a loro carico la richiesta di rinvio a giudizio.

L’accusa: il prof di educazione fisica è accusato di aver cagionato ad un alunno della scuola dove insegna “lesioni consistite in trauma contusivo della piramide nasale, giudicato guaribile in giorni 22. In particolare – si legge nell’avviso di conclusione delle indagini preliminari – il docente colpiva lo studente con pugni, dopo averlo bloccato per le gambe”.

L’indagine è partita dopo la denuncia dei genitori del ragazzo. Trattandosi di una vicenda particolarmente delicata, il pm ha disposto nel corso delle indagini preliminari una perizia finalizzata ad accertare che lo studente avesse effettivamente raccontato la verità. L’esperto nominato dal magistrato inquirente – all’audizione del ragazzo era presente anche uno psicologo, così come è previsto dalla legge in questi particolari frangenti – è arrivato alla conclusione che l’alunno, che l’anno scorso frequentava la prima classe dell’istituto tecnico, era credibile. Lo studente, dal canto suo, ha ammesso di aver “provocato” il docente, che di fronte al suo comportamento di aperta sfida ha avuto una reazione che – di certo – non sarebbe stata mai e poi mai condivisa da Maria Montessori.

m.mong.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie