Venerdì 22 Febbraio 2019 | 23:20

NEWS DALLA SEZIONE

Furto in casa
San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: denunciati n 2

San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: 2 denunciati 

 
No all'omofobia a scuola
Brindisi, Emiliano si commuove tra i ragazzi che hanno difeso amico gay: «Orgoglioso di voi»

Brindisi, Emiliano si commuove tra i ragazzi che hanno difeso amico gay: «Orgoglioso di voi»

 
A ceglie messapica
Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili VD

 
l'emergenza
Brindisi, allarme povertà: alla Caritas aumentano le richieste

Brindisi, allarme povertà: alla Caritas aumentano le richieste

 
Il caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
A Mesagne
Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

 
Lotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
Il caso
Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

 
Nel Brindisino
Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

 
Coppa Italia 2019
Basket, il Brindisi vola in finale: battuto il Sassari 86-87

Basket, il Brindisi vola in finale per i Final Eight: battuto Sassari 86-87

 
Ai domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaVerso le regionali
Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

 
LecceSalento
Villa al mare del pm a Porto Cesareo, M5S fa un passo indietro e ritira l'interrogazione

Villa al mare del pm a Porto Cesareo, M5S fa retromarcia e ritira interrogazione

 
BariLa sentenza
Bari, offese tra ragazzi via whatsapp: per la Cassazione è diffamazione

Bari, offese tra ragazzini via whatsapp: per la Cassazione è diffamazione

 
HomeIl siderurgico
Ex Ilva a Taranto, ripartono gli impianti: soddisfazione della Fim

Ex Ilva a Taranto, ripartono gli impianti: soddisfazione della Fim

 
BrindisiFurto in casa
San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: denunciati n 2

San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: 2 denunciati 

 
GdM.TVGli arresti della Polizia
Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

 
MateraSfruttamento
Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

 
FoggiaAtti vandalici
Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

 

francavilla fontana

Picchiato dal prof dopo
una pernacchia. Ora il processo

FRANCAVILLA - Il prof fa una battuta e lo studenti gli fa una pernacchia che scatena l’ira del docente che picchia l’alunno.

Ha dell’incredibile la vicenda portata alla luce da un’inchiesta coordinata dal sostituto procuratore della Repubblica Pierpaolo Montinaro, che nei giorni scorsi ha fatto notificare a due docenti di un istituto tecnico di Francavilla Fontana l’avviso di conclusione delle indagini preliminari condotte dei loro confronti. Ad uno dei due docenti indagati il magistrato inquirente contesta il reato di lesioni personali. Nell’ambito della stessa inchiesta è indagato un secondo docente, in servizio nella stessa scuola. Il «secondo» prof è finito nell’indagine in quanto “aveva l’obbligo giuridico di impedire l’evento (che il suo collega picchiasse l’alunno –ndr), in quanto docente del minore, ma non interveniva consentendo” al docente di educazione fisica di “agire indisturbato”.

Il fatto è avvenuto l’11 novembre scorso. A conclusione delle indagini preliminari, tirate le somme dell’inchiesta, il pm ha fatto notificare il relativo avviso ai due indagati. I due docenti, così come previsto dal Codice di rito, hanno venti giorni di tempo dalla notifica dell’avviso per presentare memorie, produrre documentazioni e chiedere di essere interrogati dal pm titolare dell’indagine. A seguire il pubblico ministero deciderà se formalizzare a loro carico la richiesta di rinvio a giudizio.

L’accusa: il prof di educazione fisica è accusato di aver cagionato ad un alunno della scuola dove insegna “lesioni consistite in trauma contusivo della piramide nasale, giudicato guaribile in giorni 22. In particolare – si legge nell’avviso di conclusione delle indagini preliminari – il docente colpiva lo studente con pugni, dopo averlo bloccato per le gambe”.

L’indagine è partita dopo la denuncia dei genitori del ragazzo. Trattandosi di una vicenda particolarmente delicata, il pm ha disposto nel corso delle indagini preliminari una perizia finalizzata ad accertare che lo studente avesse effettivamente raccontato la verità. L’esperto nominato dal magistrato inquirente – all’audizione del ragazzo era presente anche uno psicologo, così come è previsto dalla legge in questi particolari frangenti – è arrivato alla conclusione che l’alunno, che l’anno scorso frequentava la prima classe dell’istituto tecnico, era credibile. Lo studente, dal canto suo, ha ammesso di aver “provocato” il docente, che di fronte al suo comportamento di aperta sfida ha avuto una reazione che – di certo – non sarebbe stata mai e poi mai condivisa da Maria Montessori.

m.mong.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400