Sabato 23 Marzo 2019 | 07:34

NEWS DALLA SEZIONE

Fino al 25 marzo
Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

 
A brindisi
In un sacco della spazzatura 8kg di marijuana: è mistero

In un sacco della spazzatura 8kg di marijuana: è mistero

 
Nel Brindisino
Graffitaro imbratta 25 pareti a Cisternino, anche pubbliche: denunciato

Graffitaro imbratta 25 pareti a Cisternino, anche pubbliche: denunciato

 
Nel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
Centrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
L'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
Dopo due anni
Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

 
In pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
Al rione Bozzano
Brindisi, disoccupata 20enne salvata mentre tenta lanciarsi dal ponte

Brindisi, disoccupata 20enne salvata mentre tenta lanciarsi dal ponte

 
Denunciato
Carovigno, guida sotto effetto alcol e droga fa incidente e distrugge 4 auto

Carovigno, guida sotto effetto alcol e droga fa incidente e distrugge 4 auto

 

Il Biancorosso

IL REBUS
Come sostituire Hamlili?Le soluzioni di Cornacchini

Come sostituire Hamlili?
Le soluzioni di Cornacchini

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiFino al 25 marzo
Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

 
HomeLa foto
Scritta shock contro il vicepremier a Lecce: «Non sparare a Salve, spara a Salvini»

Scritta shock contro il vicepremier a Lecce: «Non sparare a salve, spara a Salvini»

 
FoggiaDopo i servizi di «Striscia»
Deliceto, percolato della discarica nel fiume: accuse di Regione e Ager

Deliceto, percolato della discarica nel fiume: accuse di Regione e Ager, violato il contratto

 
BariAmbiente
Sacchetti rifiuti, in 5 comuni baresi ritiro anche con tessera sanitaria

Sacchetti rifiuti, in 5 comuni baresi si ritireranno con tessera sanitaria

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, Arcelor Mittal condannata per comportamento antisindacale

Taranto, AM condannata per comportamento antisindacale. Borraccino: «Sentenza storica»

 
PotenzaEnergia e polemiche
Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

 
BatIl caso
Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

 

Arrestato un nigeriano

Carovigno, picchia a sangue
convivente: non si prostituiva

Violenza di genere, un milionedi finanziamento dalla Regione

MIMMO MONGELLI

FASANO - Voleva avviare la sua compagna alla prostituzione e, di fronte al rifiuto della donna, l’ha picchiata e malmenata. A salvare una giovane nigeriana dal marciapiede è stata una provvidenziale telefonata al 112. Un cittadino, sentendo delle urla provenire dall’abitazione di una coppia di extracomunitari, ha chiamato il numero di pronto intervento dell’Arma. Dalla centrale operativa della compagnia CC di San Vito dei Normanni è stata inviata sul posto, a Carovigno, una pattuglia della stazione della città della N’zegna. Per quanto i militari dell’Arma possano avere fatto il prima possibile ad arrivare sul luogo dove era stato sollecitato il loro intervento, quando sono arrivati a casa della coppia il 27enne nigeriano non c’era più.

L’inferno. Dalla compagna del giovane immigrato i militari dell’Arma del capitano Diego Ruocco hanno raccolto (e verbalizzato) un racconto dell’orrore: tra le lacrime, la donna ha confessato ai carabinieri che il suo compagno si era messo in testa di avviare alla prostituzione. Resosi conto che lei era restia ad avere rapporti con uomini di ogni risma, il 27enne, che è stabilmente domiciliato a Carovigno, da giorni la sottoponeva a maltrattamenti, la picchiava, le vomitava addosso insulti di ogni tipo, la vessava. Il motivo della lite dell’altro giorno – una lite che si è rivelata provvidenziale dato che le urla della donna hanno attirato l’attenzione di un vicino di casa che ha chiesto l’intervento dei militari dell’Arma – era sempre lo stesso: il 27enne nigeriano insisteva con la sua compagna perché si prostituisse e lei rifiutava di prendere quella strada, che l’avrebbe portata ad annientarsi. E’ finita a parapiglia. L’uomo è andato giù duro, colpendo la sua compagna con calci e pugni. Le ha fatto male, tant’è che la giovane nigeriana ha poi dovuto fare ricorso alle cure dei medici del Pronto soccorso dell’ospedale di Ostuni, dove è stata “scortata” dai carabinieri. I medici, dopo averla visitata e praticato le cure del caso, l’hanno giudicata guaribile in venti giorni,

Al momento il presunto orco è riuscito a non farsi acchiappare dai militi. Allontanatosi di casa prima dell’arrivo della pattuglia dei CC alla guida di un’utilitaria, il 27enne nigeriano non è più rincasato. Non è escluso che si sia accorto dell’arrivo dei militari dell’Arma e, presagendo che la sua compagna avrebbe raccontato ai militi quello che le aveva fatto, ha pensato bene di rendersi uccel di bosco. I carabinieri lo stanno cercando. Anche ammesso che il giovane immigrato possa fare affidamento su amici e conoscenti disposti a “nasconderlo” in attesa che si calmino le acque, la sua “latitanza” dovrebbe essere breve.
L’uomo è accusato di maltrattamenti in famiglia, un reato che il Codice penale punisce con la reclusione da due a sei anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400