Mercoledì 20 Febbraio 2019 | 19:19

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
A Mesagne
Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

 
Lotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
Il caso
Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

 
Nel Brindisino
Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

 
Coppa Italia 2019
Basket, il Brindisi vola in finale: battuto il Sassari 86-87

Basket, il Brindisi vola in finale per i Final Eight: battuto Sassari 86-87

 
Ai domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
Provoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
Sulla via di San Vito
Brindisi, cc scoprono casolare con 50 africani tra droga e degrado, un arresto

Brindisi, scoperti 50 africani in casolare tra droga e degrado: un arresto

 
La rapina a Brindisi
Brindisi, legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

Legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

 
Dai cc di Brindisi Casale
Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeDurante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
AnalisiL'analisi
Badante di condominio: la creatività dei lucani

Badante di condominio: la creatività dei lucani

 
BatIl caso
Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

 
TarantoDecide il giudice del lavoro
Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

 
LecceNel mirino della criminalità
Lecce, nuova «sfida» al prete antimafia Don Coluccia

Lecce, nuova «sfida» al prete antimafia Don Coluccia

 
BrindisiIl caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
FoggiaGuerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
MateraUn 21enne materano
Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

 

Nei pressi di Fasano

Presi con kalashnikov
dopo fuga a 230 all'ora

In manette due ostunesi: uno dei due è il genero del boss «Ciccio la busta», all'anagrafe Francesco Prudentino

kalashnikov brindisi

Fasano - Li avevano nascosti bene. Anzi, benissimo. Per trasportare due micidiali kalashnikov li avevano occultati all’interno di un compressore nuovo di zecca, ancora inscatolato. L’accorgimento non è servito a Carmelo Semerano, 54 anni, e Giovanni Ciccarone, 47 anni, entrambi ostunesi, entrambi ben noti alle forze dell’ordine - entrambi assistiti dall’avvocato Mario Guagliani -, ad evitare le manette. Ad arrestarli sono stati i finanzieri del Gruppo pronto impiego di Bari. L’operazione delle Fiamme gialle è di qualche giorno fa, ma la notizia è stata data solo ieri con una nota stampa ufficiale della GdF. Oltre ai kalashnikov, sull’auto su cui viaggiavano i due pregiudicati ostunesi i finanzieri hanno trovato 92 proiettili calibro 7,62 da guerra e tre caricatori.
Semerano e Ciccarone – il primo è genero di «Ciccio la busta», al secolo Francesco Prudentino, l’ostunese che per anni è stato, secondo inquirenti e investigatori, il re del contrabbando di sigarette – erano a bordo di una potente Audi A6. Le pattuglie dei Baschi verdi hanno intimato l’alt al conducente della berlina di fabbricazione tedesca - l’Audi era guidata da Carmelo Semerano -, che procedeva sul filo dei 200 chilometri orari, all’altezza dello svincolo per Torre Canne della strada statale 379, la superstrada che collega Bari a Brindisi. L’Audi stava percorrendo la statale in direzione di Brindisi. I finanzieri, stando a quello che è stato reso noto dalla GdF, stavano tallonando la potente berlina già da un bel po’ di chilometri, ma hanno atteso il momento più propizio per intimare l’alt al conducente dell’Audi. L’operazione è riuscita senza che gli altri utenti della strada si rendessero conto di quello che stava succedendo. Quello che è successo dopo sono gli stessi finanzieri, con una nota diffusa dal comando provinciale di Bari delle Fiamme gialle, a spiegarlo.
«Si procedeva ad un accurato controllo sia dei soggetti che dell’autovettura, all’esito del quale veniva rinvenuto, nel bagagliaio, all’interno di uno scatolone di cartone un compressore d’aria che attirava la curiosità dei finanzieri per un insolito sistema di chiusura della bombola, costituito da una fascetta metallica, piuttosto che da una saldatura. Questo particolare ha insospettito i militari, i quali provvedevano a smontare il pezzo, scoprendo che il compressore custodiva un vero e proprio arsenale: due kalashnikov modello AK-47 di fabbricazione sovietica, 92 cartucce calibro 7.62 da guerra, e 3 caricatori. I due soggetti, inoltre, sono stati trovati con tremila euro in contanti, dei quali non hanno saputo fornire valida giustificazione. I kalashnikov sequestrati sono risultati modificati, poiché, rispetto al modello originale, privi del calcio al fine di rendere l’arma più maneggevole e facilmente occultabile. I due pregiudicati sono stati arrestati ed associati alla casa circondariale di Brindisi, mentre l’armamento da guerra, l’autovettura ed il contante sono stati posti sotto sequestro».
L’indagine adesso prosegue per cercare di capire dove i due pregiudicati ostunesi fossero diretti quando sono stati intercettati e bloccati dai militari della Guardia di Finanza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400