Domenica 13 Giugno 2021 | 15:21

NEWS DALLA SEZIONE

Il virus
Covid 19, a Brindisi due casi accertati di variante indiana

Covid 19, a Brindisi due casi accertati di variante indiana

 
la campagna
Brindisi, Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

 
Ambiente
Brindisi carrubo secolare

Brindisi, danneggiato il carrubo secolare: Sos al Comune

 
Nel Brindisino
Torre S.Susanna, estorcono denaro a un 13enne per due anni: arrestati

Torre S.Susanna, estorcono denaro a un 13enne per due anni: arrestati

 
Erano amiche da oltre 30 anni
Brindisi, l'amicizia tra due donne stroncata dal Covid: rissa e lite su chi sia stata a infettare l'altra

Brindisi, l'amicizia tra due donne stroncata dal Covid: rissa e lite su chi sia stata a infettare l'altra

 
Il caso
Per pulire spiaggia danneggiano duna costiera, 3 denunciati a Ostuni

Per pulire spiaggia danneggiano duna costiera, 3 denunciati a Ostuni

 
Il caso
Brindisi, malore improvviso per Fitto al gate per Roma: trasportato al Perrino

Brindisi, malore improvviso per Fitto al gate per Roma: trasportato al Perrino. È stato dimesso

 
Il caso
Brindisi, maxi sequestro di scarpe Eytys e Converse contraffatte in arrivo dalla Grecia

Brindisi, maxi sequestro di scarpe Eytys e Converse contraffatte in arrivo dalla Grecia

 
Covid 19
Brindisi, le analisi confermano la variante indiana

Brindisi, le analisi confermano la variante indiana

 
L'operazione
Brindisi, sequestrato ingente carico di abbigliamento contraffatto

Brindisi, sequestrato ingente carico di abbigliamento contraffatto

 
I rischi
Dopo i 4 intossicati di Brindisi è allarme per il tonno troppo «colorato»

Dopo i 4 intossicati di Brindisi è allarme per il tonno troppo «colorato»

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, De Laurentiis: «Polito è qui per vincere»

Bari, De Laurentiis: «Polito è qui per vincere»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaNel Potentino
Melfi, scritte e atti vandalici contro sede del Pd. Letta su Twitter: «Non ci fermiamo»

Melfi, scritte e atti vandalici contro sede del Pd. Letta su Twitter: «Non ci fermiamo»

 
TarantoLadro seriale
Taranto, 22 auto danneggiate in una sola notte per rubare dagli abitacoli: 57enne in carcere

Taranto, 22 auto danneggiate in una sola notte per rubare dagli abitacoli: 57enne in carcere

 
BariNel Barese
Carbonara, accende in strada una batteria di fuochi d'artificio: denunciato

Carbonara, accende in strada una batteria di fuochi d'artificio: denunciato

 
LecceIl gip: manca la prova
Covid, «Non contagiò paziente in studio»: archiviazione per un medico salentino

Covid, «Non contagiò paziente in studio»: archiviazione per un medico salentino

 
BrindisiIl virus
Covid 19, a Brindisi due casi accertati di variante indiana

Covid 19, a Brindisi due casi accertati di variante indiana

 
Materafelicità
Miglionico, «Felice per la nostra prima unione civile»

Miglionico, «Felice per la nostra prima unione civile»

 

i più letti

La storia

Torre Guaceto, Cohiba tartaruga con gli occhi chiusi: il sogno di ridarle la vista

L'esemplare di Caretta Caretta è stato salvato a Ostuni un anno e mezzo fa e da allora è in cura per cercare di risolvere il suo problema: dopo diversi accertamenti si è scoperto che ha una congiuntivite con infezione batterica e infiammazione

Torre Guaceto, Cohiba tartaruga con gli occhi chiusi: il sogno di ridarle la vista

BRINDISI - Lei è Cohiba, una tartaruga Caretta Caretta femmina in età riproduttiva in cura da un anno e mezzo nella riserva naturale di Torre Guaceto. Ha gli occhi chiusi a causa di una congiuntivite e il sogno degli operatori della riserva è quello di restituirle la vista. «Sembrerà strano - spiegano dalla riserva di Torre Guaceto - che ad un anno e mezzo dal recupero, questa tartaruga sia ancora in cura, ed effettivamente è una circostanza straordinaria».

Al momento del salvataggio, a Ostuni, Cohiba era sottopeso, aveva profonde lesioni sul carapace e non apriva gli occhi. La tartaruga è stata sottoposta a tutte le cure del caso e, con il tempo, ha messo su peso e le ferite sono guarite. Solo un problema è rimasto immutato: gli occhi. Cohiba non li ha mai aperti, le secrezioni non si sono mai fermate ed è stato rilevato un edema palpebrale.

«Da qui, sono iniziati una serie di accertamenti, dei quali i primi sono stati donati a Torre Guaceto dal WWF Brindisi che, nel corso dei campi estivi organizzati in Riserva, aveva raccolto le donazioni degli utenti. Nello specifico, gli esami ai quali è stata sottoposta Cohiba servivano a capire cosa stesse accadendo ai suoi occhi, se la problematica derivasse propriamente da essi o dalle ghiandole del sale. Nel dettaglio - spiegano in un posto gli operatori della riserva . le tartarughe marine sono dotate di due speciali ghiandole, dette ghiandole del sale, che servono ad aiutare i reni degli esemplari ad espellere i sali in eccesso che assorbono in acqua e a proteggere l’occhio, quando l’animale emerge dal mare per nidificare. Sottoporre una tartaruga marina ad accertamenti come quelli che si sono resi necessari per Cohiba non è semplicissimo. Ciò perché gli anestetici locali non hanno alcun effetto su questi animali».

Per questo motivo, Cohiba è stata sottoposta ad un’anestesia generale di breve durata ed il Consorzio si è avvalso del prezioso contributo di un’equipe specializzata composta dal veterinario dell’ente, Simona Soloperto, ma a anche di un medico esterno esperto della cura degli animali acquatici, Brandon Spolander. Gli esami hanno dato un risultato negativo ed uno molto positivo. Cohiba è affetta da una brutta congiuntivite con una infezione batterica ed ha un’importante infiammazione, ma la buona e fondamentale notizia è che gli occhi ci sono e sono “sani”. A questo punto, è iniziata la terapia che, per almeno qualche mese, vedrà il personale del Consorzio impegnato nella somministrazione di svariati colliri, più volte al giorno. Esercizio non facile se si tiene conto del fatto che i farmaci vanno somministrati fuori dalla vasca di degenza e che Cohiba pesa ben 45 chili.

Non si ha la certezza che, a terapia conclusa, Cohiba tornerà finalmente ad aprire gli occhi, forse bisognerà fare ulteriori esami e provare altre terapie. «Purtroppo è troppo presto per fare pronostici di guarigione, quel che è certo è che il Consorzio di Torre Guaceto percorrerà ogni strada possibile per permettere a Cohiba di tornare a vedere»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie