Lunedì 27 Gennaio 2020 | 12:37

NEWS DALLA SEZIONE

Shoah
Giorno della Memoria, il messaggio di Liliana Segre a studenti di Fasano: «Siate vigili»

Giorno della Memoria, il messaggio di Liliana Segre a studenti di Fasano: «Siate vigili»

 
L'aggressione
Mesagne, armato di coltelli assalta l'ambulanza del 118

Mesagne, armato di coltelli assalta l'ambulanza del 118

 
In piazza
Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

 
Una 50enne romena
Ostuni, botte e parolacce alla nonnina 90enne sul girello: in cella badante

Ostuni, botte e parolacce alla nonnina 90enne sul girello: in cella badante

 
Le dichiarazioni
Brindisi, Al Bano con Boccia a convegno su futuro centrale Enel: «Rispettiamo questa terra»

Brindisi, Al Bano con Boccia a convegno su futuro centrale Enel: «Rispettiamo questa terra»

 
L'annuncio
Emiliano a Brindisi: «Enel dismette un gruppo a carbone nella centrale di Cerano»

Emiliano a Brindisi: «Enel dismette un gruppo a carbone nella centrale di Cerano»

 
Nel Brindisino
Ceglie Messapica, due cadaveri trovati in una casa: indagano i carabinieri

Ceglie Messapica, trovati morti in casa: si sono uccisi a coltellate dopo una lite

 
Nel Brindisino
Mesagne, manomette contatore e ruba elettricità per 8mila euro: arrestato

Mesagne, manomette contatore e ruba elettricità per 8mila euro: arrestato

 
L'iniziativa
Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

 
nel brindisino
Ceglie Messapica, in casa pistole, gioielli, quadri e 5mila euro: arrestato

Ceglie Messapica, in casa pistole, gioielli, quadri e 5mila euro: arrestato

 
Il caso
Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

 

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Perrotta salva il Bari al Granillo: 1-1 in casa della Reggina. La diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa visita
Bari, delegata Onu dell'agricoltura ospite del Comune per diritti legati al cibo

Bari, delegata Onu dell'agricoltura ospite del Comune per diritti legati al cibo

 
PotenzaPost elezioni
Regionali in Calabria, governatore lucano Bardi: «Al Sud FI è la casa dei moderati»

Regionali in Calabria, governatore lucano Bardi: «Al Sud FI è la casa dei moderati»

 
MateraIl caso
A Policoro 5 colpi di pistola contro studio di un notaio

A Policoro 5 colpi di pistola contro studio di un notaio

 
LecceNel centro storico
Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

 
TarantoLa perquisizione dei cc
Cellulari e dosi di droga nel carcere di Taranto: 17 indagati

Cellulari e dosi di droga nel carcere di Taranto: 17 indagati

 
BrindisiShoah
Giorno della Memoria, il messaggio di Liliana Segre a studenti di Fasano: «Siate vigili»

Giorno della Memoria, il messaggio di Liliana Segre a studenti di Fasano: «Siate vigili»

 
BatCultura
Andria, Castel del Monte nella top 30 dei monumenti più visitati d'Italia

Andria, Castel del Monte nella top 30 dei monumenti più visitati d'Italia

 

i più letti

La storia

Torre Guaceto, Cohiba tartaruga con gli occhi chiusi: il sogno di ridarle la vista

L'esemplare di Caretta Caretta è stato salvato a Ostuni un anno e mezzo fa e da allora è in cura per cercare di risolvere il suo problema: dopo diversi accertamenti si è scoperto che ha una congiuntivite con infezione batterica e infiammazione

Torre Guaceto, Cohiba tartaruga con gli occhi chiusi: il sogno di ridarle la vista

BRINDISI - Lei è Cohiba, una tartaruga Caretta Caretta femmina in età riproduttiva in cura da un anno e mezzo nella riserva naturale di Torre Guaceto. Ha gli occhi chiusi a causa di una congiuntivite e il sogno degli operatori della riserva è quello di restituirle la vista. «Sembrerà strano - spiegano dalla riserva di Torre Guaceto - che ad un anno e mezzo dal recupero, questa tartaruga sia ancora in cura, ed effettivamente è una circostanza straordinaria».

Al momento del salvataggio, a Ostuni, Cohiba era sottopeso, aveva profonde lesioni sul carapace e non apriva gli occhi. La tartaruga è stata sottoposta a tutte le cure del caso e, con il tempo, ha messo su peso e le ferite sono guarite. Solo un problema è rimasto immutato: gli occhi. Cohiba non li ha mai aperti, le secrezioni non si sono mai fermate ed è stato rilevato un edema palpebrale.

«Da qui, sono iniziati una serie di accertamenti, dei quali i primi sono stati donati a Torre Guaceto dal WWF Brindisi che, nel corso dei campi estivi organizzati in Riserva, aveva raccolto le donazioni degli utenti. Nello specifico, gli esami ai quali è stata sottoposta Cohiba servivano a capire cosa stesse accadendo ai suoi occhi, se la problematica derivasse propriamente da essi o dalle ghiandole del sale. Nel dettaglio - spiegano in un posto gli operatori della riserva . le tartarughe marine sono dotate di due speciali ghiandole, dette ghiandole del sale, che servono ad aiutare i reni degli esemplari ad espellere i sali in eccesso che assorbono in acqua e a proteggere l’occhio, quando l’animale emerge dal mare per nidificare. Sottoporre una tartaruga marina ad accertamenti come quelli che si sono resi necessari per Cohiba non è semplicissimo. Ciò perché gli anestetici locali non hanno alcun effetto su questi animali».

Per questo motivo, Cohiba è stata sottoposta ad un’anestesia generale di breve durata ed il Consorzio si è avvalso del prezioso contributo di un’equipe specializzata composta dal veterinario dell’ente, Simona Soloperto, ma a anche di un medico esterno esperto della cura degli animali acquatici, Brandon Spolander. Gli esami hanno dato un risultato negativo ed uno molto positivo. Cohiba è affetta da una brutta congiuntivite con una infezione batterica ed ha un’importante infiammazione, ma la buona e fondamentale notizia è che gli occhi ci sono e sono “sani”. A questo punto, è iniziata la terapia che, per almeno qualche mese, vedrà il personale del Consorzio impegnato nella somministrazione di svariati colliri, più volte al giorno. Esercizio non facile se si tiene conto del fatto che i farmaci vanno somministrati fuori dalla vasca di degenza e che Cohiba pesa ben 45 chili.

Non si ha la certezza che, a terapia conclusa, Cohiba tornerà finalmente ad aprire gli occhi, forse bisognerà fare ulteriori esami e provare altre terapie. «Purtroppo è troppo presto per fare pronostici di guarigione, quel che è certo è che il Consorzio di Torre Guaceto percorrerà ogni strada possibile per permettere a Cohiba di tornare a vedere»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie