Venerdì 14 Agosto 2020 | 19:54

NEWS DALLA SEZIONE

l'evento
Fasano, il 22 agosto arriva Daniele Silvestri con «La cosa giusta» tour

Fasano, il 22 agosto arriva Daniele Silvestri con «La cosa giusta» tour

 
Il ritrovamento
Brindisi, immersione fatale: sub muore a Punta della Contessa

Brindisi, immersione fatale: sub muore a Punta della Contessa

 
CORONAVIRUS
Brindisi, esposto all'Ordine medici: «Contagiato dal primario»

Covid-19, Brindisi, esposto all'Ordine dei medici: «Contagiato dal primario»

 
la città
Sindaco di Brindisi: Centro storico e lungomare saranno il luogo della Movida

Brindisi, il sindaco: «Centro storico e lungomare saranno il luogo della movida»

 
TRAGEDIA
Brindisi, scontro auto-scoote: muore motociclista 51enne

Mesagne, scontro auto-scooter: muore motociclista 51enne

 
Incidente mortale
Brindisi, scontro tra due auto: perde la vita un bimbo di 16 mesi

Tragedia nel Brindisino, scontro tra due auto: perde la vita un bimbo di 16 mesi

 
Il caso
Porti Bari e Brindisi, accordo con Cdp per infrastrutture

Porti Bari e Brindisi, accordo con Cdp per infrastrutture

 
VANDALISMO
Brindisi, discarica abusiva perenne, i residenti denunciano: «Ignorati dalle istituzioni»

Brindisi, discarica abusiva perenne, i residenti denunciano: «Ignorati dalle istituzioni»

 
TRAGEDIA SFIORATA
Mesagne, cede solaio nella stanza da letto: tragedia sfiorata per una coppia

Mesagne, cede solaio nella stanza da letto: tragedia sfiorata per una coppia

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, squadra ancora senza allenatore né ds

Bari, squadra ancora senza allenatore né ds

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantoa lido azzurro
Taranto, paura in spiaggia: due ragazzini scomparsi, ritrovati da polizia locale

Taranto, paura in spiaggia: due ragazzini scomparsi, ritrovati da polizia locale

 
Brindisil'evento
Fasano, il 22 agosto arriva Daniele Silvestri con «La cosa giusta» tour

Fasano, il 22 agosto arriva Daniele Silvestri con «La cosa giusta» tour

 
Foggiaestate
Troppe barche alle Tremiti, il sindaco: «Non tutti rispettano le regole»

Troppe barche alle Tremiti, il sindaco: «Non tutti rispettano le regole»

 
Barimobilità
Bari, furti e danni ai monopattini elettrici, Decaro: «Vi scoveremo»

Bari, furti e danni ai monopattini elettrici, Decaro: «Vi scoveremo»

 
Batdipendente amiu
Trani, colpito da macchina compattatrice mentre raccoglie rifiuti: in Rianimazione

Trani, colpito da macchina compattatrice mentre raccoglie rifiuti: in Rianimazione

 
Materaa 38 anni
Matera, minaccia di morte la nonna con una catena per avere soldi: arrestato

Matera, minaccia di morte la nonna con una catena per avere soldi: arrestato

 
PotenzaIl fenomeno
Nonni senza nipoti e sposano la politica

Nonni lucani lasciati senza nipoti, sposano la politica

 
LecceIl fatto
Nardò: «Augurate la morte ai profughi, vergogna»

Nardò, il parroco tuona: «Augurate la morte ai bimbi profughi, vergogna»

 

i più letti

Dai carabinieri

Fasano, spari contro casa di un pregiudicato: fermati in 4

La banda aveva agito qualche sera fa incendiando anche tre auto dell'uomo

112 carabinieri pronto intervento

Nel pomeriggio di ieri, domenica 4 agosto, i carabinieri di Fasano (Br) hanno fermato 4 pregiudicati del luogo ritenuti responsabili in concorso di tentato omicidio, porto abusivo di armi clandestine, esplosioni pericolose, danneggiamento seguito da incendio e danneggiamento aggravato, rapina aggravata dalla violazione di domicilio, rissa e lesioni aggravate. I quattro infatti, qualche giorno fa, avevano dato fuoco a tre auto della famiglia di un pregiudicato 57enne, loro obiettivo, e hanno esploso colpi di pistola contro la sua abitazione. Fortunatamente nessuno è rimasto ferito, ma i malviventi erano riusciti a scappare.

Tre di loro sono stati trovati in un casolare di campagna (Francesco Angelini, 40enne, Francesco Girolamo, 31enne e Bartolomeo Abiuso, 29enne), il quarto, Onofrio Margaritondo, 43 anni, era a casa. I militari hanno trovato anche una pistola calibro 7.65 con la matricola abrasa, perfettamente funzionante, e circa 20 grammi di marijuana.

LA DINAMICA DEI FATTI (di Giannicola D'Amico) - Una banda di malviventi - sulle cui tracce sono i Carabinieri della compagnia di Fasano – alle 22 circa di sabato scorso ha raggiunto il cortile di una abitazione di proprietà comunale (si tratta di un immobile confiscato alla criminalità ed assegnato al Comune di Fasano che a sua volta lo ha assegnato ad aventi diritto) ubicata in contrada Matarano (località Cesaretta) dove vive un noto pregiudicato fasanese di 57 anni.
I malviventi, dopo aver dato alle fiamme tre autovetture di proprietà della famiglia del 57enne, hanno esploso alcuni colpi di pistola contro la villetta, e subito dopo sono fuggiti via a bordo di un Suv. Fortunatamente nessuno è rimasto ferito.
Sul posto sono intervenute squadre di Vigili del Fuoco, diverse ambulanze del 118, e numerose pattuglie dei Carabinieri della compagnia e della stazione di Fasano.

L’intervento dei Vigili del Fuoco è stato necessario per avere ragione delle fiamme che hanno interessato le tre auto, mentre i sanitari del 118 hanno prestato soccorso alla moglie del 57enne in stato di shock, condotta poi per ulteriori accertamenti medici presso il Punto di primo intervento dell’ospedale “Umberto I” di Fasano.
Sul posto sono intervenute diverse pattuglie dei Carabinieri della compagnia di Fasano, appartenenti ai vari reparti dell’Arma, sia alla sezione operativa e radiomobile che alla locale stazione.
La zona – ubicata a ridosso della statale 172 che collega Fasano a Locorotondo e dislocata proprio alle pendici della collina silvana – è stata cinturata ed interdetta ai curiosi. Per ore c’è stato un gran via vai di forze dell’ordine, tutte impegnate a capire quello che era accaduto.
Quando i militari dell’Arma sono giunti sul posto del Suv ovviamente non c’era nessuna traccia. I malviventi dopo aver portato a compimento il loro piano criminoso hanno fatto perdere immediatamente le loro tracce, aiutati dal buio della notte.
I militari dell’Arma hanno subito avviato le indagini, raccogliendo le testimonianze dei presenti e visionando anche le immagini delle telecamere di sicurezza della zona.
Alcune persone sono state accompagnate presso la caserma dell’Arma di via Esiodo per essere ascoltate dagli investigatori, i quali non tralasciano alcuna pista. Le indagini stanno andando avanti a tamburo battente. I militari dell’Arma nel corso della notte tra venerdì e sabato hanno eseguito numerose perquisizioni a Fasano e nelle frazioni, soprattutto presso abitazioni e domicili di pregiudicati, hanno eseguito posti di controllo e ascoltato numerose persone.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie