Domenica 19 Maggio 2019 | 13:00

NEWS DALLA SEZIONE

nel brindisino
Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

 
Nel Brindisino
Rubano 5mila euro di energia elettrica: 2 arresti a Francavilla

Rubano 5mila euro di energia elettrica: 2 arresti a Francavilla

 
La protesta social
Ceglie Messapica, la strada si allaga e i cittadini fanno acquagym

Ceglie Messapica, la strada si allaga e i cittadini fanno acquagym

 
L'operazione della Gdf
Ceglie Messapica, bancarotta fraudolenta: arrestati 2 imprenditori edili

Ceglie Messapica, bancarotta fraudolenta: arrestati 2 imprenditori edili

 
A S.Pietro Vernotico
Bomba d'acqua nel Brindisino, coppia anziani intrappolata in sottovia: salvati da cc

Bomba d'acqua nel Brindisino, coppia anziani intrappolata in sottovia: salvati da cc

 
Nel Brindisino
Latiano: perseguita e minaccia la ex, 45enne ai domiciliari

Latiano: perseguita e minaccia la ex, 45enne ai domiciliari

 
Nel Brindisino
Torre S.Susanna, perquisito quartier generale SCU: in una stalla 350mila euro in contanti

Torre S.Susanna, perquisito quartier generale SCU: in una stalla 350mila euro in contanti

 
Rifiuti
Brindisi, salasso Tari: aumenti sino al 25% e scoppia la protesta

Brindisi, salasso Tari: aumenti sino al 25% e scoppia la protesta

 
Nel Brindisino
Assalto portavalori a Cisternino: banditi avevano varie armi

Assalto portavalori a Cisternino: banditi avevano varie armi

 
Dalla GdF
Costringe dipendenti a lavorare più del dovuto: imprenditore interdetto a Brindisi

Costringe dipendenti a lavorare più del dovuto: imprenditore interdetto a Brindisi

 
Rapina nel Brindisino
Cisternino, banditi sparano a portavalori e fuggono con 31mila euro

Cisternino, banditi sparano a portavalori e fuggono con 31mila euro

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Cornacchini: "Daremo battaglia ad AvellinoDimostreremo di essere la squadra più forte"

Cornacchini: «Ad Avellino dimostreremo di essere la squadra più forte»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa manifestazione
Race for the Cure: in 18mila di corsa a Bari contro i tumori al seno

Race for the Cure: in 18mila di corsa a Bari contro i tumori al seno LE FOTO

 
BatTrasporti
Ferrovie: l'Alta Velocità arriva a Barletta, due Frecciargento da e per Roma

Ferrovie, il Mit annuncia: in Puglia nuovi servizi sull'Alta velocità. Ma non esiste

 
TarantoNel tarantino
Manduria, anziano pestato a morte da baby-gang: altri 4 minori indagati

Manduria, anziano pestato a morte da baby-gang: altri 4 minori indagati

 
FoggiaNel foggiano
Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop a Emiliano

Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop a Emiliano

 
LecceIl giallo
Novoli, fu trovata nel letto con la gola tagliata: c'è un indagato

Novoli, fu trovata nel letto con la gola tagliata: c'è un indagato

 
Brindisinel brindisino
Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

 
PotenzaA ripacandida
Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

 

i più letti

Dai Carabinieri

Ricatti a luci rosse e truffe on line su cuccioli: denunciato nel Brindisino

Un 34enne di Torre Santa Susanna agli arresti domiciliari per gli stessi reati ha continuato la sua... attività

truffa web

Un 34enne di Torre Santa Susanna, agli arresti domiciliari, è stato denunciato dai Carabinieri di Sandonaci per tentata estorsione e truffa. L'uomo, dopo aver conosciuto una ragazza di Bergamo su un sito di incontri, si è fatto inviare foto raffiguranti le sue parti intime. Una volta ricevute le immagini ha ricattato a donna tentando di estorcerle del denaro per impedirne la divulgazione. Ma non è tutto. Il 34enne ha anche utilizzato false generalità sul web  per contrattare vendite fittizie di cuccioli di cane, per le quali ha richiesto somme di denaro  comprese tra i 100 e 150€, quale anticipo, rendendosi poi irreperibile. Le indagini hanno accertato tre 3 episodi di truffa.

L’uomo circa 10 mesi fa si era reso responsabile di  analoghi reati, infatti era stato arrestato su ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Brindisi poiché indagato per  7 estorsioni di cui 3 tentate, 3 truffe e una violenza privata, reati commessi in un arco temporale che va dall’ottobre 2017 al febbraio 2018, nei riguardi di dieci donne residenti in  varie regioni del territorio nazionale: Veneto, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Sardegna e Puglia.

Il teatro virtuale  degli eventi  reato è stato quello dei social network e dei siti commerciali, nel cui alveo l’arrestato ha attirato  nella trappola le sue vittime. Il modus operandi  è stato sempre lo stesso, ha agito  nascondendo la propria identità sotto un falso nome e presentandosi con un profilo rassicurante, sereno: in una circostanza si è presentato quale bancario e single per proporsi  come  una figura stabile di uomo, e per  conquistare  la fiducia della vittima che gli ha inviato alcune foto che ritraevano le sue parti intime.

Acquisite le foto, ha gettato la maschera ed ha rivelato le sue vere intenzioni formulando  alle parti offese le stesse minacce con richiesta di denaro, facendo leva  sulla riservatezza che le donne volevano mantenere  su quelle storie  e sulla paura e il senso di vergogna  che avrebbero altrimenti patito,  nel caso di diffusione delle loro immagini raffiguranti le parti intime. Minacce finalizzate a conseguire somme di denaro di entità variabile tra i 200 e i 300€. Le somme di denaro provento di estorsione sono confluite sulla carta postepay, di una sua ex fidanzata, estranea alla vicenda,  che ne ha consentito l’uso, mentre i contatti con le vittime sono avvenuti grazie a due schede telefoniche una intestata ad una congiunta, e una  attivata  da un’amica di famiglia che l’aveva poi ceduta all’arrestato, entrambe le donne sono risultate estranee ai fatti. 

Infatti, attraverso la pubblicazione di un unico annuncio sul sito www.subito.it, avente ad oggetto la vendita di cuccioli di cane di razza “bulldog francese”, ha attirato l’attenzione di tre donne potenziali  acquirenti, due liguri e  una sarda  alle quali  ha inviato tramite whatsapp alcune foto degli animali per rendere l’offerta credibile, facendosi quindi accreditare in più frazioni quale acconto per le prenotazioni  somme oscillanti dai 100 ai 200€. Dopo aver incassato il denaro non si è presentato all’appuntamento  per la consegna dei cuccioli e più volte contattato dalle donne non ha più risposto al telefono.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400