Mercoledì 26 Giugno 2019 | 12:13

NEWS DALLA SEZIONE

Per spaccio
Carovigno, fa la guardia giurata, ma ha in casa 47 dosi di droga: arrestato

Carovigno, fa la guardia giurata, ma ha in casa 47 dosi di droga: arrestato

 
Nel brindisino
S.Pancrazio Sal., cc trovano auto rubata con 3 quintali di marijuana

S.Pancrazio Sal., cc trovano auto rubata con 3 quintali di marijuana

 
L'inseguimento
Fasano, sventato furto nel negozio «Acqua&Sapone»: ladri in fuga

Fasano, sventato furto nel negozio «Acqua&Sapone»: ladri in fuga

 
Musica
Piano Lab, a Torre Guaceto concerto all'alba con William Greco

Piano Lab, a Torre Guaceto concerto all'alba con William Greco

 
La scoperta
Brindisi, tesori archeologici in fondo al mare

Brindisi, tesori archeologici in fondo al mare

 
Nel Brindisino
Crac partecipata, torna in libertà il sindaco di S.Pietro Vernotico

Crac partecipata, tornano in libertà sindaco ed ex sindaco di S.Pietro Vernotico

 
In cattivo stato di conservazione
Brindisi, 912 bottiglie d’acqua esposte al sole: sequestro in supermercato

Brindisi, 912 bottiglie d’acqua esposte al sole: sequestro in un supermercato

 
L'incidente
Fasano, auto si ribalta sulla SS 16: due giovani in ospedale

Fasano, auto si ribalta sulla SS 16: due giovani in ospedale

 
Nel Brindisino
Pezze di Greco: ha in macchina un martello frangivetro, denunciato

Pezze di Greco: ha in macchina un martello frangivetro, denunciato

 
Dai Cc
Torchiarolo, in casa droga ovunque e soldi: arrestato 20enne

Torchiarolo e S.Michele Salentino, arrestati due spacciatori

 
L'allarme
Brindisi, Legambiente scrive al sindaco: «Comune dichiari emergenza climatica»

Brindisi, Legambiente scrive al sindaco: «Comune dichiari emergenza climatica»

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Machach, talento francese del Napoliè l'ultima idea intrigante del Bari

Machach, talento francese del Napoli è l'ultima idea intrigante del Bari

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraGiustizia
Potenza-Matera, scoppia la guerra delle toghe

Potenza-Matera, scoppia la guerra delle toghe

 
BrindisiPer spaccio
Carovigno, fa la guardia giurata, ma ha in casa 47 dosi di droga: arrestato

Carovigno, fa la guardia giurata, ma ha in casa 47 dosi di droga: arrestato

 
FoggiaIndagano i cc
Camion in fiamme nel Foggiano: deviazioni sulla SS16

Camion in fiamme nel Foggiano: deviazioni sulla SS16

 
LecceTribunale di Potenza
Lecce, torna in libertà l'ex pm Emilio Arnesano

Lecce, torna in libertà l'ex pm Emilio Arnesano

 
BariEntrambi con precedenti
Monopoli, polizia pizzica 2 presunti ladri in «trasferta» dal quartiere San Paolo di Bari

Monopoli, polizia pizzica 2 presunti ladri in «trasferta» dal quartiere San Paolo di Bari

 
BatIl caso
Barletta, tentano di rubare la pensione ad anziana: arrestati

Barletta, tentano di rubare la pensione ad anziana: arrestati

 
PotenzaNel potentino
Melfi, rubano 110 pannelli fotovoltaici: denunciati 3 cittadini del Burkina Faso

Melfi, rubano 110 pannelli fotovoltaici: denunciati 3 cittadini del Burkina Faso

 

i più letti

l'emergenza

Brindisi, allarme povertà: alla Caritas aumentano le richieste

Intervista a Don Pietro De Mita, responsabile della mensa

Brindisi, allarme povertà: alla Caritas aumentano le richieste

La povertà a Brindisi è ormai diventata... pane quotidiano. La si può “toccare” con mano in ogni anfratto cittadino, la si “respira” nell’aria, vedendo lo sfrattato che chiede aiuti al Comune per pagare la casa o per avere un tetto (anche il più umile e modesto), il pensionato che rovista tra i cassonetti in cerca di qualcosa di utile, la gente che chiede l’elemosina e, soprattutto, la lunga coda sull’uscio della Caritas.
Ecco, proprio la Caritas rappresenta il “termometro” della povertà in città, con i suoi oltre 250 pasti in media distribuiti quotidianamente, di cui un buon 70% (e più) portati direttamente al domicilio di chi - e sono appunto tanti - si vergogna a farsi notare nei pressi di via Conserva.
Sulle tematiche della mensa cittadina, della povertà, dell’accoglienza verso gli extracomunitari e del razzismo, don Pietro De Mita, responsabile della Caritas e sempre vicino alle esigenze degli ultimi, ha sempre tanto da dire.


Com’è impegnata la Caritas nel servizio mensa?
«La mensa è un’esperienza cittadina quotidiana che coinvolge da più di 15 anni tutte le parrocchie di Brindisi. Da noi siedono principalmente cittadini stranieri. Gli italiani bisognosi preferiscono portare a casa il cibo da noi fornito. Offriamo circa 250 pasti al giorno e al funzionamento della struttura collaborano diverse persone impegnate nel volontariato. Siamo molto attenti alla qualità dell’alimentazione e cerchiamo di venire incontro, per quello che è possibile, alle esigenze e alle sensibilità provenienti da culture diverse».


Quali sono gli aspetti legati alla povertà più preminenti a Brindisi?
«La nostra esperienza ci dice che il problema abitativo e la conseguente difficoltà a trovare una casa sono le emergenza più grandi. Insieme a questo metterei i giovani che non lavorano e che riescono ad andare avanti solo rimanendo in famiglia. C’è anche una povertà culturale che è frutto di un certo isolamento nel quale si sono rifugiati i giovani, ma anche del ridimensionamento del ruolo della scuola e, ancora peggio, dell’abbandono degli studi».


Un problema (quello della povertà culturale) che proprio in questi giorni è al centro di un focus della Regione Puglia che spiega che la scelta di abbandonare gli studi è principalmente legata alla condizione economica, sociale e culturale del nucleo familiare di origine. Ma anche la scelta di quale percorso di studi intraprendere non è indipendente dalla provenienza del minore. Ha una correlazione con diversi fattori, tra cui la condizione sociale, professionale e culturale dei genitori. Quale lo stato dell’accoglienza degli extracomunitari secondo lei?
«Il dormitorio è la cartina di tornasole del problema. C’è bisogno di un cambiamento di mentalità e l’integrazione qui non è facile. Reputo positiva la decisione del sindaco Rossi di coinvolgere nella questione le associazioni e la comunità tutta. Si deve trovare una soluzione condivisa e giusta per queste persone più deboli che non possono rischiare di rimanere in strada. Oltre all’emergenza bisogna avere grande spirito di comprensione».


Ma c’è razzismo a Brindisi?
«Non direi vero e proprio razzismo ma indifferenza. Il clima politico non è quello giusto. Di contro c’è tanta gente impegnata nell’integrazione che quotidianamente mette a disposizione degli immigrati».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie