Mercoledì 12 Agosto 2020 | 20:18

NEWS DALLA SEZIONE

TRAGEDIA
Brindisi, scontro auto-scoote: muore motociclista 51enne

Mesagne, scontro auto-scooter: muore motociclista 51enne

 
Incidente mortale
Brindisi, scontro tra due auto: perde la vita un bimbo di 16 mesi

Tragedia nel Brindisino, scontro tra due auto: perde la vita un bimbo di 16 mesi

 
Il caso
Porti Bari e Brindisi, accordo con Cdp per infrastrutture

Porti Bari e Brindisi, accordo con Cdp per infrastrutture

 
VANDALISMO
Brindisi, discarica abusiva perenne, i residenti denunciano: «Ignorati dalle istituzioni»

Brindisi, discarica abusiva perenne, i residenti denunciano: «Ignorati dalle istituzioni»

 
TRAGEDIA SFIORATA
Mesagne, cede solaio nella stanza da letto: tragedia sfiorata per una coppia

Mesagne, cede solaio nella stanza da letto: tragedia sfiorata per una coppia

 
l'appuntamento
Ceglie Messapica, domani sera il premier Conte ospite de «La Piazza»

Ceglie Messapica, il premier Conte ospite de «La Piazza»

 
l'episodio
Brindisi, anziana consegna 650 euro a un falso carabiniere

Brindisi, anziana truffata consegna 650 euro a un falso carabiniere

 
nel Brindisino
Ceglie Messapica: banditi rapinano banca in pieno giorno, via con il bottino

Ceglie Messapica: banditi rapinano banca in pieno giorno, via con il bottino

 

Il Biancorosso

serie C
Vivarini, Auteri e i «due» Bari

Vivarini, Auteri e i «due» Bari: grandi cambi o tanta fantasia

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa novità
Riapre il leggendario bar Mokador: così torna in vita un pezzo storico di Bari

Riapre il leggendario bar Mokador: così torna in vita un pezzo storico di Bari

 
FoggiaIl furtto
Gargano, rubano soldi e documenti a coppia di turisti della Repubblica Ceca

Gargano, rubano soldi e documenti a coppia di turisti della Repubblica Ceca

 
TarantoI dati del 2020
Mittal, la denuncia del comitato difesa salute: «Ai Tamburi raddoppio di benzene nell'aria»

Mittal, la denuncia del comitato difesa salute: «Ai Tamburi raddoppio di benzene nell'aria»

 
Bati fatti nel 2018
Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

 
Leccenel basso salento
Gagliano del Capo, si intrufola in casa di una donna e tenta di violentarla: arrestato

Gagliano del Capo, si intrufola in casa di una donna e tenta di violentarla: arrestato

 
PotenzaIL CASO

Aiuti alle imprese colpite da crisi: c'è un caso Viggiano, il sindaco prende i soldi del bando comunale

 
MateraNel Materano
Policoro, gasolio venduto illecitamente: 8 indagati

Policoro, gasolio venduto illecitamente in stazione di servizio «abusiva»: 8 indagati

 

i più letti

l'emergenza

Brindisi, allarme povertà: alla Caritas aumentano le richieste

Intervista a Don Pietro De Mita, responsabile della mensa

Brindisi, allarme povertà: alla Caritas aumentano le richieste

La povertà a Brindisi è ormai diventata... pane quotidiano. La si può “toccare” con mano in ogni anfratto cittadino, la si “respira” nell’aria, vedendo lo sfrattato che chiede aiuti al Comune per pagare la casa o per avere un tetto (anche il più umile e modesto), il pensionato che rovista tra i cassonetti in cerca di qualcosa di utile, la gente che chiede l’elemosina e, soprattutto, la lunga coda sull’uscio della Caritas.
Ecco, proprio la Caritas rappresenta il “termometro” della povertà in città, con i suoi oltre 250 pasti in media distribuiti quotidianamente, di cui un buon 70% (e più) portati direttamente al domicilio di chi - e sono appunto tanti - si vergogna a farsi notare nei pressi di via Conserva.
Sulle tematiche della mensa cittadina, della povertà, dell’accoglienza verso gli extracomunitari e del razzismo, don Pietro De Mita, responsabile della Caritas e sempre vicino alle esigenze degli ultimi, ha sempre tanto da dire.


Com’è impegnata la Caritas nel servizio mensa?
«La mensa è un’esperienza cittadina quotidiana che coinvolge da più di 15 anni tutte le parrocchie di Brindisi. Da noi siedono principalmente cittadini stranieri. Gli italiani bisognosi preferiscono portare a casa il cibo da noi fornito. Offriamo circa 250 pasti al giorno e al funzionamento della struttura collaborano diverse persone impegnate nel volontariato. Siamo molto attenti alla qualità dell’alimentazione e cerchiamo di venire incontro, per quello che è possibile, alle esigenze e alle sensibilità provenienti da culture diverse».


Quali sono gli aspetti legati alla povertà più preminenti a Brindisi?
«La nostra esperienza ci dice che il problema abitativo e la conseguente difficoltà a trovare una casa sono le emergenza più grandi. Insieme a questo metterei i giovani che non lavorano e che riescono ad andare avanti solo rimanendo in famiglia. C’è anche una povertà culturale che è frutto di un certo isolamento nel quale si sono rifugiati i giovani, ma anche del ridimensionamento del ruolo della scuola e, ancora peggio, dell’abbandono degli studi».


Un problema (quello della povertà culturale) che proprio in questi giorni è al centro di un focus della Regione Puglia che spiega che la scelta di abbandonare gli studi è principalmente legata alla condizione economica, sociale e culturale del nucleo familiare di origine. Ma anche la scelta di quale percorso di studi intraprendere non è indipendente dalla provenienza del minore. Ha una correlazione con diversi fattori, tra cui la condizione sociale, professionale e culturale dei genitori. Quale lo stato dell’accoglienza degli extracomunitari secondo lei?
«Il dormitorio è la cartina di tornasole del problema. C’è bisogno di un cambiamento di mentalità e l’integrazione qui non è facile. Reputo positiva la decisione del sindaco Rossi di coinvolgere nella questione le associazioni e la comunità tutta. Si deve trovare una soluzione condivisa e giusta per queste persone più deboli che non possono rischiare di rimanere in strada. Oltre all’emergenza bisogna avere grande spirito di comprensione».


Ma c’è razzismo a Brindisi?
«Non direi vero e proprio razzismo ma indifferenza. Il clima politico non è quello giusto. Di contro c’è tanta gente impegnata nell’integrazione che quotidianamente mette a disposizione degli immigrati».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie