Martedì 26 Marzo 2019 | 05:19

NEWS DALLA SEZIONE

I funerali
L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

 
Il caso
Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

 
Guidava l'auto del padre
I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

 
Tra Cellino S.Marco e S.pietro Vernotico
Scontro fra due auto nel Brindisino, morti 3 ragazzi, 2 persone gravi in ospedale

Scontro fra due auto nel Brindisino, morti 3 ragazzi, 2 feriti in ospedale

 
Fino al 25 marzo
Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

 
A brindisi
In un sacco della spazzatura 8kg di marijuana: è mistero

In un sacco della spazzatura 8kg di marijuana: è mistero

 
Nel Brindisino
Graffitaro imbratta 25 pareti a Cisternino, anche pubbliche: denunciato

Graffitaro imbratta 25 pareti a Cisternino, anche pubbliche: denunciato

 
Nel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
Centrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
L'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Il meglio di Palmese-Baritutte le emozioni biancorosse

Il meglio di Palmese-Bari
tutte le emozioni biancorosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaQuote rosa
Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

 
TarantoInquinamento ex Ilva
Il Comune di Taranto discute di ambiente: presente Emiliano

Il Comune di Taranto discute dell'aumento della diossina: presente Emiliano

 
LecceLa protesta
Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

 
HomeL'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
GdM.TVLo spettacolo sportivo
Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

 
HomeIl caso
Bari, acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

Gioia del Colle, beve al bar acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

 
HomeL'inchiesta
La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

 
BrindisiI funerali
L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

 

l'emergenza

Brindisi, allarme povertà: alla Caritas aumentano le richieste

Intervista a Don Pietro De Mita, responsabile della mensa

Brindisi, allarme povertà: alla Caritas aumentano le richieste

La povertà a Brindisi è ormai diventata... pane quotidiano. La si può “toccare” con mano in ogni anfratto cittadino, la si “respira” nell’aria, vedendo lo sfrattato che chiede aiuti al Comune per pagare la casa o per avere un tetto (anche il più umile e modesto), il pensionato che rovista tra i cassonetti in cerca di qualcosa di utile, la gente che chiede l’elemosina e, soprattutto, la lunga coda sull’uscio della Caritas.
Ecco, proprio la Caritas rappresenta il “termometro” della povertà in città, con i suoi oltre 250 pasti in media distribuiti quotidianamente, di cui un buon 70% (e più) portati direttamente al domicilio di chi - e sono appunto tanti - si vergogna a farsi notare nei pressi di via Conserva.
Sulle tematiche della mensa cittadina, della povertà, dell’accoglienza verso gli extracomunitari e del razzismo, don Pietro De Mita, responsabile della Caritas e sempre vicino alle esigenze degli ultimi, ha sempre tanto da dire.


Com’è impegnata la Caritas nel servizio mensa?
«La mensa è un’esperienza cittadina quotidiana che coinvolge da più di 15 anni tutte le parrocchie di Brindisi. Da noi siedono principalmente cittadini stranieri. Gli italiani bisognosi preferiscono portare a casa il cibo da noi fornito. Offriamo circa 250 pasti al giorno e al funzionamento della struttura collaborano diverse persone impegnate nel volontariato. Siamo molto attenti alla qualità dell’alimentazione e cerchiamo di venire incontro, per quello che è possibile, alle esigenze e alle sensibilità provenienti da culture diverse».


Quali sono gli aspetti legati alla povertà più preminenti a Brindisi?
«La nostra esperienza ci dice che il problema abitativo e la conseguente difficoltà a trovare una casa sono le emergenza più grandi. Insieme a questo metterei i giovani che non lavorano e che riescono ad andare avanti solo rimanendo in famiglia. C’è anche una povertà culturale che è frutto di un certo isolamento nel quale si sono rifugiati i giovani, ma anche del ridimensionamento del ruolo della scuola e, ancora peggio, dell’abbandono degli studi».


Un problema (quello della povertà culturale) che proprio in questi giorni è al centro di un focus della Regione Puglia che spiega che la scelta di abbandonare gli studi è principalmente legata alla condizione economica, sociale e culturale del nucleo familiare di origine. Ma anche la scelta di quale percorso di studi intraprendere non è indipendente dalla provenienza del minore. Ha una correlazione con diversi fattori, tra cui la condizione sociale, professionale e culturale dei genitori. Quale lo stato dell’accoglienza degli extracomunitari secondo lei?
«Il dormitorio è la cartina di tornasole del problema. C’è bisogno di un cambiamento di mentalità e l’integrazione qui non è facile. Reputo positiva la decisione del sindaco Rossi di coinvolgere nella questione le associazioni e la comunità tutta. Si deve trovare una soluzione condivisa e giusta per queste persone più deboli che non possono rischiare di rimanere in strada. Oltre all’emergenza bisogna avere grande spirito di comprensione».


Ma c’è razzismo a Brindisi?
«Non direi vero e proprio razzismo ma indifferenza. Il clima politico non è quello giusto. Di contro c’è tanta gente impegnata nell’integrazione che quotidianamente mette a disposizione degli immigrati».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400