Sabato 23 Marzo 2019 | 07:13

NEWS DALLA SEZIONE

Fino al 25 marzo
Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

 
A brindisi
In un sacco della spazzatura 8kg di marijuana: è mistero

In un sacco della spazzatura 8kg di marijuana: è mistero

 
Nel Brindisino
Graffitaro imbratta 25 pareti a Cisternino, anche pubbliche: denunciato

Graffitaro imbratta 25 pareti a Cisternino, anche pubbliche: denunciato

 
Nel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
Centrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
L'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
Dopo due anni
Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

 
In pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
Al rione Bozzano
Brindisi, disoccupata 20enne salvata mentre tenta lanciarsi dal ponte

Brindisi, disoccupata 20enne salvata mentre tenta lanciarsi dal ponte

 
Denunciato
Carovigno, guida sotto effetto alcol e droga fa incidente e distrugge 4 auto

Carovigno, guida sotto effetto alcol e droga fa incidente e distrugge 4 auto

 

Il Biancorosso

IL REBUS
Come sostituire Hamlili?Le soluzioni di Cornacchini

Come sostituire Hamlili?
Le soluzioni di Cornacchini

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiFino al 25 marzo
Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

 
HomeLa foto
Scritta shock contro il vicepremier a Lecce: «Non sparare a Salve, spara a Salvini»

Scritta shock contro il vicepremier a Lecce: «Non sparare a salve, spara a Salvini»

 
FoggiaDopo i servizi di «Striscia»
Deliceto, percolato della discarica nel fiume: accuse di Regione e Ager

Deliceto, percolato della discarica nel fiume: accuse di Regione e Ager, violato il contratto

 
BariAmbiente
Sacchetti rifiuti, in 5 comuni baresi ritiro anche con tessera sanitaria

Sacchetti rifiuti, in 5 comuni baresi si ritireranno con tessera sanitaria

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, Arcelor Mittal condannata per comportamento antisindacale

Taranto, AM condannata per comportamento antisindacale. Borraccino: «Sentenza storica»

 
PotenzaEnergia e polemiche
Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

 
BatIl caso
Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

 

Non sono rientrati

Torino, evadono dal carcere
2 ex affiliati Scu brindisini

Sono Massaro, 50 anni, soprannominato «scimmietta», e Nicola Di Comite, 55 anni

Torino, evadono dal carcere2 ex affiliati Scu brindisini

Li stanno cercando non solo in Italia ma anche all’estero i due ex affiliati alla Sacra Corona unita, evasi dal carcere Lorusso Cotugno di Torino. Sono il brindisino Salvatore Massaro, 50 anni, soprannominato «scimmietta», e Nicola Di Comite, 55 anni. Entrambi hanno usufruito di un permesso di alcuni giorni per buona condotta, ed entrambi non si sono ripresentati in carcere.

Massaro è alla seconda evasione. Diventato collaboratore di giustizia, nel 2002 non rientrò nella località segreta dove si trovava agli arresti domiciliari. Incappato in un posto di blocco della Guardia di finanza, lo forzò e provocò un incidente stradale nel quale morì il finanziere trentenne Fabio Perissinotto. Massaro era alla guida di un’auto che qualche ora prima aveva preso con la forza ad un brindisino. Il proprietario della vettura lo riconobbe. Fu condannato per omicidio colposo e rapina. La condanna l’avrebbe terminata nel 2020. Nei giorni scorsi aveva ottenuto un permesso premio. Sarebbe dovuto rientrare martedì, ma non ha fatto ritorno nel carcere.

Il giorno prima sarebbe dovuto rientrare in carcere Di Comite. I due hanno in comune l’appartenenza in passato alla Sacra corona unita e dopo essersi pentiti ci hanno ripensato. Di Comite decise di collaborare con la giustizia in concomitanza con il processo scaturito dall’operazione denominata «Oriente». Fu sentito come teste proprio in quel processo che riguardava la guerra tra i clan di Massimo Cinieri e Vincenzo Stranieri che agivano tra la provincia di Brindisi e di Taranto. Tra gli imputati in quel processo vi era anche Andrea Bruno, del clan di Ciro Bruno, di Torre Santa Susanna. Fatti risalenti agli Anni Novanta. Lui sarebbe dovuto rientrare in carcere lunedì.

Non è noto se le due evasioni sono collegate, se i due avevano un piano comune. Al momento sembra di no. Avrebbero approfittato del permesso per non rientrare in carcere, anche se sembra piuttosto strana questa fuga dato che avevano quasi finito di scontare la pena. Ovviamente allo stato ci sono solo ipotesi che solo in minima parte trapelano. Peraltro di questa duplice fuga si è saputo perché ne ha parlato il segretario generale del sindacato della polizia penitenziaria Leo Beneduci.

Beneduci ha voluto mettere in evidenza le storture presenti nella concessione dei permessi premio, non lasciate alla esclusiva valutazione degli operatori carcerari, che sono i più appropriati a farlo perché conoscono bene i detenuti, vivendoci quotidianamente a stretto contatto di gomito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400