Giovedì 21 Febbraio 2019 | 12:38

NEWS DALLA SEZIONE

l'emergenza
Brindisi, allarme povertà: alla Caritas aumentano le richieste

Brindisi, allarme povertà: alla Caritas aumentano le richieste

 
Il caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
A Mesagne
Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

 
Lotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
Il caso
Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

 
Nel Brindisino
Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

 
Coppa Italia 2019
Basket, il Brindisi vola in finale: battuto il Sassari 86-87

Basket, il Brindisi vola in finale per i Final Eight: battuto Sassari 86-87

 
Ai domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
Provoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
Sulla via di San Vito
Brindisi, cc scoprono casolare con 50 africani tra droga e degrado, un arresto

Brindisi, scoperti 50 africani in casolare tra droga e degrado: un arresto

 
La rapina a Brindisi
Brindisi, legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

Legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Salento
Catamarano in difficoltà, soccorso da Guardia Costiera al largo di Leuca

Catamarano in difficoltà, soccorso da Guardia Costiera al largo di Leuca

 
TarantoNel Tarantino
Tentò di uccidere due persone a S.Giorgio Jonico, pregiudicato si consegna ai cc

Tentò di uccidere 2 persone a S.Giorgio Jonico, 68enne si consegna ai cc

 
PotenzaL'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
BariPremiato a Rimini
Viene da Monopoli il miglior burger gourmet italiano

Viene da Monopoli il miglior burger gourmet italiano

 
Brindisil'emergenza
Brindisi, allarme povertà: alla Caritas aumentano le richieste

Brindisi, allarme povertà: alla Caritas aumentano le richieste

 
FoggiaLa decisione
Foggia, dopo 14 anni chiude Unieuro, in 18 a casa

Foggia, dopo 14 anni chiude Unieuro, in 18 a casa

 
BatLa denuncia
Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

 
Materail Truffatore è barese
Si fa dare 3 Rolex da negoziante fingendo di essere figlio di un amico: arrestato a Matera

«Mio padre è tuo amico», si fa dare 3 Rolex da rivenditore: arrestato a Matera

 

appalti della centrale

Tangenti Enel Brindisi, chiesto processo per sette

Gli imputati sono Luigi Giuseppe Palma, il titolare di un’azienda salentina, Domenico Iaboni, Carlo Depunzio, Fabiano Attanasio, Vito Gloria e Nicola Tamburrano, dipendenti Enel all’epoca dei fatti e Fausto Bassi, già direttore della centrale Enel di Cerano (Brindisi)

Tangenti Enel Brindisi, chiesto processo per sette

BRINDISI - La procura di Brindisi ha chiesto il rinvio a giudizio di sette persone, un dirigente Enel, cinque dipendenti e un imprenditore accusati a vario titolo di corruzione per presunte tangenti sugli appalti della centrale Federico II di Brindisi.

L’udienza preliminare è fissata per il prossimo 6 dicembre dinanzi al gup Giuseppe Biondi. Il pm Francesco Carluccio ha individuato come persona offesa la società Enel Produzione che dopo le segnalazioni di un imprenditore formulò denuncia. Potrà costituirsi parte civile.

Gli imputati sono Luigi Giuseppe Palma, il titolare di un’azienda salentina, Domenico Iaboni, Carlo Depunzio, Fabiano Attanasio, Vito Gloria e Nicola Tamburrano, dipendenti Enel all’epoca dei fatti e Fausto Bassi, già direttore della centrale Enel di Cerano (Brindisi).

L’accusa per tutti è di corruzione continuata per atti contrari ai doveri di ufficio. In cambio di denaro o di altre utilità, tra cui un’auto, una fotocamera e una telecamera, essi avrebbero certificato l’avvenuta esecuzione di lavori o autorizzato l’emissione di certificazioni risultate non veritiere, secondo quanto poi accertato dai militari della Guardia di finanza di Brindisi che hanno eseguito gli accertamenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400