Domenica 21 Aprile 2019 | 18:51

NEWS DALLA SEZIONE

Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

 
BariL'intervento
Quei ritratti dell'Emiliano «pittore»

Quei ritratti dell'Emiliano «pittore»

 
HomeIl messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 
TarantoSanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
BrindisiCuriosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 

Due arresti ad Andria

Rubano lastre di marmo
e fuggono con utilitaria: presi

Rubano lastre di marmoe fuggono con utilitaria: presi

Due ladri si marmo sono stati arrestati dai Carabinieri ad Andria. In manette sono finiti M.A., 19enne incensurato, e M.D., 20enne pregiudicato di Corato. Il loro piano sembrava non fare una piega, peccato però che, proprio a causa dei lastroni di marmo appena rubati, la loro piccola utilitaria utilizzata per il trasporto della refurtiva marciasse quasi sulle ruote posteriori.

I due avevano appena sottratto alcune lastre in marmo da una villa di campagna, ubicata in Corato (BA) nella contrada Maglioferro, del valore di duemila euro, pensando di trasportarle con una piccola utilitaria “presa in prestito” dalla madre di uno dei due. Tuttavia, la Fiat 600 non è passata inosservata sulla S.P. 231 a una pattuglia due Carabinieri attirata dall'andamento anomalo dell'auto che procedeva coricata sulla ruopte posteriori. All'alt, i due cercavano di accelerare l’andatura del veicolo, venendo tuttavia immediatamente bloccati per l'eccessivo peso trasportato.

I controlli del veicolo consentiva di rinvenire le lastre, che senza dubbio erano in procinto di adornare qualche villa privata, presenti in gran numero nella zona di Castel del Monte, motivo per cui sono in corso accurate indagini onde risalire ad eventuali “clienti” degli arrestati nonché di ulteriori analoghi ordinativi della preziosa roccia. I due giovani sono finiti agli arresti domiciliari, mentre le lastre di marmo sono state restituite al legittimo proprietario.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400