Domenica 26 Giugno 2022 | 11:09

In Puglia e Basilicata

disagi

Trani, tranciato cavo elettrico: in tilt la circolazione dei treni

Cavi tagliati, ritardisulla Potenza-Foggia

L'incidente causato da un Frecciarossa nei pressi della stazione

24 Maggio 2022

Nico Aurora

TRANI - Aggancio del cavo elettrico aereo da parte del pantografo di un treno. È questa la probabile causa che ha determinato il lungo stop dalle 19:20 a mezzanotte inoltrata di domenica scorsa, della circolazione ferroviaria nei pressi della stazione di Trani, dov’è un cavo dell’alta tensione si è spezzato al passaggio di un Frecciarossa. Peraltro, a determinare l’incidente potrebbe essere stato il transito poco prima di un Frecciargento diretto nella stessa direzione - Foggia - del treno rimasto poi bloccato dopo avere strisciato il pantografo lungo un cavo spezzato, con conseguente fiammata e rilascio di fumo.

Lo stesso tipo di incidente si era verificato esattamente un mese prima, il 21 aprile, alle porte della stazione di Bari, ed in quel caso l’episodio si era registrato alle 5:40 risolvendosi dopo circa tre ore. A Trani l’attesa si è prolungata oltre anche perché, da un certo momento in poi, s’è dovuto lavorare con l’ausilio dell’illuminazione artificiale e muovendosi con molta circospezione, poiché vigili del fuoco e tecnici di Rete ferroviaria italiana avevano la necessità di mettere completamente in sicurezza l’area.
Insieme con quel Frecciarossa bloccato a Trani, numerosi treni a lunga percorrenza sono rimasti a per molto tempo fermi nelle stazioni della linea Adriatica già a partire da San Severo, ed In molti casi i passeggeri sono stati fatti trasbordare su bus sostitutivi messi a disposizione da Trenitalia.

Ovviamente la stessa cosa è accaduta anche per i passeggeri del Frecciarossa fermatosi improvvisamente a Trani, e qui vi è da dire che tutti i soccorritori e operatori presenti nella zona, compresi alcuni della protezione civile e persino cittadini resisi disponibili come volontari, si sono adoperati per illuminare con torce il percorso dei passeggeri fra i binari fino al raggiungimento della sede stradale. Fra questi, gli addetti ai lavori hanno dovuto portare in spalla, come fosse un’autentica statua di una processione, un passeggero diversamente abile la cui sedia a rotelle non si sarebbe certamente potuta districare fra le pietre della strada ferrata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -

BAT

 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725