Venerdì 23 Aprile 2021 | 10:32

NEWS DALLA SEZIONE

Cultura
Trani, viaggio virtuale nel Polo museale diocesano

Trani, viaggio virtuale nel Polo museale diocesano

 
Dopo le condanne
Giustizia truccata a Trani, si riparte: «Soldi alla sorella dell'ex pm»

Giustizia truccata a Trani, si riparte: «Soldi alla sorella dell'ex pm»

 
Bat
Muore a 23 anni, trapianto multiorgano ad Andria: «L'operazione più complessa di sempre»

Muore a 23 anni, trapianto multiorgano ad Andria: «L'operazione più complessa di sempre»

 
L'allarme
Presidio militare nella Bat dopo l'omicidio

Presidio militare nella Bat dopo l'omicidio

 
L'inchiesta
Andria, 16enne salentina suicida in comunità terapeutica: 4 indagati

Andria, 16enne salentina suicida in comunità terapeutica: 4 indagati

 
sicurezza
BAT, l'annuncio del sottosegretario Sibilia: «A giugno inauguriamo nuova Questura»

BAT, l'annuncio del sottosegretario Sibilia: «A giugno inauguriamo nuova Questura»

 
L'agguato
Margherita di Savoia, 26enne ucciso con un colpo di pistola al torace

Omicidio a Margherita di Savoia, 26enne ucciso con un colpo di pistola al torace

 
Il caso
«La Bat in mano alle mafie», fa rumore l’allarme di Nitti

«La Bat in mano alle mafie», fa rumore l’allarme di Nitti

 
il progetto
Barletta, supermercato accanto al Castello: interrogazione inviata al ministro Franceschini

Barletta, supermercato accanto al Castello: interrogazione inviata al ministro Franceschini

 
Il caso
L'allarme del procuratore Nitti: «La Bat è preda delle mafie»

L'allarme del procuratore Nitti: «La Bat è preda delle mafie»

 
la polemica
Barletta, supermercato al Castello: maratona in Consiglio

Barletta, supermercato al Castello: maratona in Consiglio

 

Il Biancorosso

Serie C
Turris e Bari a confronto

Turris e Bari a confronto

 

NEWS DALLE PROVINCE

Potenzail provvedimento
Potenza, condannati dopo indagini della Dda su omicidio Cassotta: tre arresti

Potenza, condannati dopo indagini della Dda su omicidio Cassotta: tre arresti

 
Bariil furto
Santeramo, trafugate reliquie di Sant'Erasmo dal Duomo: «Un fatto sconcertante»

Santeramo, trafugate reliquie di Sant'Erasmo dal Duomo: «Fatto sconcertante»

 
BrindisiIl caso
S.Pancrazio Salentino, 70enne entra sana al «Fazzi» di Lecce ma muore dopo 15 giorni

S.Pancrazio Salentino, 70enne entra sana al «Fazzi» di Lecce ma muore dopo 15 giorni

 
Leccetrasporti
Surbo, riattivazione scalo: «Obiettivo importante per la Puglia e il Salento»

Surbo, riattivazione scalo: «Obiettivo importante per la Puglia e il Salento»

 
MateraLavori pubblici
Matera, cambia volto il teatro Quaroni

Matera, cambia volto il teatro Quaroni

 
TarantoL'inchiesta
Taranto, il commissario del porto ascoltato in Commissione Ecomafie

Taranto, il commissario del porto ascoltato in Commissione Ecomafie

 
GdM MultimediaCultura
Trani, viaggio virtuale nel Polo museale diocesano

Trani, viaggio virtuale nel Polo museale diocesano

 
FoggiaTragedia sfiorata
Rignano Garganico, nigeriano con coltello e spranga di ferro aggredisce equipe medica

Rignano Garganico, nigeriano con coltello e spranga di ferro aggredisce equipe medica

 

i più letti

Al parco delle tufare

Trani, «l’impresa ha taciuto l’interdittiva antimafia, il contratto ora è sciolto»

«Non può giustificarsi in alcun modo il comportamento tenuto dal consorzio nel non avere tempestivamente comunicato la notizia»

Trani, inchiesta fotovoltaico: chiesti 15 rinvii a giudizio

Il Tribunale di Trani

TRANI - Non può giustificarsi in alcun modo il comportamento tenuto dal consorzio nel non avere tempestivamente notiziato il Comune di Trani della vicenda, venendo così meno al principio della correttezza e buona fede, inducendo conseguentemente l’ufficio in errore per non avere potuto avviare, le previste procedure risolutorie del contratto».
Così il dirigente dell’Area lavori pubblici, Luigi Puzziferri, determinando la risoluzione del contratto con il Consorzio stabile Ebg, di Bologna, impresa esecutrice del parco di via delle Teufare, per presunte infiltrazioni mafiose.
Ad affermarlo è il Tar di Bologna, con sentenza pubblicata il 18 gennaio 2021, con la quale è stato rigettato il ricorso presentato da quella società avverso il provvedimento della Prefettura felsinea di interdizione del consorzio dalla attività: per i giudici amministrativi emiliani «sussistono numerosi, consistenti e rilevanti elementi che dimostrano, secondo il principio del “più probabile che non“, che il Consorzio stabile Ebg group è operatore economico soggetto a pericolo di condizionamento da parte della criminalità organizzata di tipo mafioso».
La vicenda, a questo punto, si è ribaltata pesantemente proprio su Trani, dove il Consorzio stabile Ebg è, o forse meglio dire è stata, insieme con la consorziata esecutrice Gecos, di Andria, l’impresa esecutrice del parco di via delle Tufare, una delle nuove aree pubbliche del quartiere Sant’Angelo, aggiudicandosi i lavori per poco meno di 730mila euro su un importo a base d’asta di 790mila.

La risoluzione del contratto giunge quando il parco pareva ormai completato, sebbene fossero stati determinati lavori di supplementari di ampliamento dei servizi stessi, rischiando così di aggiungersi all’elenco delle numerose incompiute cittadine.
E adesso l’Ufficio tecnico dovrà attivare «tutte le iniziative necessarie e previste dalla vigente normativa per liberare l’area di cantiere e recuperare dalla ditta appaltatrice i danni subiti conseguenti e connessi con la disposta risoluzione del contratto, con incameramento delle polizze fideiussorie».

«Spiace tanto perché eravamo quasi nella fase finale dell’intervento - commenta il sindaco, Amedeo Bottaro -, ma di fronte a queste cose non potevano se non osservare scrupolosamente le norme di legge per cui risoluzione. Adesso faremo velocemente lo stato di consistenza dei lavori e l’affidamento delle ultime lavorazioni ad altra ditta, sempre secondo l’evidenza pubblica, utilizzando il Mercato elettronico della pubblica amministrazione. Ho chiesto al dirigente di correre il più velocemente possibile, ma è chiaro che questo rappresenta un freno rispetto ad un parco che oramai poteva già dirsi pronto per essere inaugurato».

«Un parco illuminato il 25 novembre 2020 con filmato ed effetti speciali - commenta a sua volta l’ex consigliere comunale Maria Grazia Cinquepalmi -, con lavori già in buona parte liquidati ad una società destinataria di informazione antimafia interdittiva. Dodicimila metri quadrati abbandonati all’incuria e al degrado per un parco pieno di erbacce, con alberi piantati da poco, ma già sofferenti ed alcuni morti. Nel frattempo il Comune continua a pubblicare bandi in un clima di rassegnazione cui molti cittadini si sono purtroppo abituati».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie