Venerdì 05 Marzo 2021 | 15:26

NEWS DALLA SEZIONE

L'emergenza
Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

 
II fatti un mese fa
Margherita di Savoia, 24enne morto mentre getta spazzatura: c'è l'inchiesta

Margherita di Savoia, 24enne morto mentre getta spazzatura: c'è l'inchiesta

 
Bisceglie, Guardia costiera sequestra 8mila ricci di mare: tutti rigettati in mare

Bisceglie, Guardia costiera sequestra 8mila ricci di mare: tutti rigettati in mare

 
Il caso
Covid 19 ad Andria, dà testata a un carabiniere per evitare la multa: arrestato

Covid 19 ad Andria, dà testata a un carabiniere per evitare la multa: arrestato

 
La curiosità
Barletta, il parto-record di Gabriella nel parcheggio dell'ospedale

Barletta, il parto-record di Gabriella nel parcheggio dell'ospedale

 
Nella Bat
Trani, attentato al sindaco, la visita di Piemontese: «Non c'è spazio per la violenza»

Trani, attentato al sindaco, la visita di Piemontese: «Non c'è spazio per la violenza»

 
degrado
Trani, l’area del vecchio mattatoio trasformata in discarica a cielo aperto

Trani, l’area del vecchio mattatoio trasformata in discarica a cielo aperto

 
L'emergenza
Andria, vigile scrive alla sindaca: «Non ce la faccio più contro gli assembramenti»

Andria, vigile scrive alla sindaca: «Non ce la faccio più contro gli assembramenti»

 
L'episodio
Trani, a fuoco portone del sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

Trani, a fuoco portone sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

 
Nella Bat
Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

 

Il Biancorosso

Serie C
Gioco gol punti se l’«effetto Carrera» cambia il Bari

Gioco gol punti se l’«effetto Carrera» cambia il Bari

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl gesto
Vico del Gargano, bandiera Lega bruciata a ede partito: rafforzata viilanza

Vico del Gargano, bandiera Lega bruciata alla sede partito: rafforzata vigilanza

 
Lecceil festival
Sangiorgi canta a Sanremo: «4 marzo ‘43 mi ricorda mio padre»

Sangiorgi canta a Sanremo: «4 marzo ‘43 mi ricorda mio padre»

 
PotenzaL'emergenza
Potenza, inaugurazione anno giudiziario Corte dei Conti: creato ufficio «Servizio Covid-19»

Potenza, inaugurazione anno giudiziario Corte dei Conti: creato ufficio «Servizio Covid-19»

 
Brindisiil blitz
Brindisi, riciclaggio e appropriazione indebita: 10 arresti all'alba

Ostuni, scacco a clan per riciclaggio e appropriazione indebita: 10 ordinanze

 
TarantoOperazione Taros
Taranto, operazione «Taros» dei carabinieri contro la Scu: 16 arresti

Mafia, droga e voto di scambio: blitz dei Cc a Taranto, 16 arresti.
Leporano, soldi per le elezioni 2019 /Vd

 
MateraIl caso
Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

 
BatL'emergenza
Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

 

i più letti

Verso il voto

Andria, Nino Marmo ha deciso: si candida a sindaco. Forza Italia: «Si ritiri, deve rispettare i patti»

Oggi il consigliere regionale incontra la stampa. Si conosceranno i dettagli della sua “possibile” candidatura e i suoi sostenitori

Andria,  Nino Marmo ha deciso: si candida a sindaco Pastore

ANDRIA  - Questa mattina Nino Marmo incontra la stampa all’Urban Center di via Torino. Scioglierà la sua riserva rispetto alla candidatura a sindaco per le prossime amministrative? Si conosceranno i dettagli sia sulla sua “possibile” candidatura sia sui suoi sostenitori e se deciderà di correre per un progetto civico, senza cioè il simbolo di Forza Italia.

Se dovesse ufficializzare la candidatura a sindaco, il centrodestra vedrebbe contrapposti due nomi: l’avvocato Antonio Scamarcio, designato dalla Lega e sostenuto (almeno negli accordi presi a Roma) da Fratelli d’Italia e Forza Italia, e presentato la scorsa settimana dall’ex sindaco Nicola Giorgino e dal leader nazionale della Lega, Matteo Salvini; dall’altro lato Nino Marmo, a capo con tutta probabilità di un progetto civico, ma non si escludono novità di rilievo. Intanto, in questi giorni è nato un movimento a suo sostegno.

E’ il “Movimento Pugliese – Ambiente Club”, movimento politico-culturale di ispirazione locale ma di ambizione ultra territoriale, perché «il modello organizzativo, i programmi politici, i valori e le direttrici di riferimento, qualora condivisi, potrebbero porsi naturalmente a disposizione per il sostegno e lo sviluppo di analoghe esperienze anche in altre aree geografiche».

Al movimento fanno capo Nota di Tony Guido, Nico Dambrosio, Vito Abrusci, Angelo Stea. «Alcuni amici più o meno dediti alla Politica – si legge nella nota - condividendo l’idea che questa necessiti di un profondo rinnovamento, che recuperi appieno la natura di servizio come connotato dell’impegno rappresentativo, rimarcando l’importanza delle capacità amministrative di chi viene investito dell’onere di una candidatura, riconoscendo il ruolo fondamentale di formazione intermedia che deve essere ricoperto dai partiti, rivendicando la supremazia del buon senso e della razionalità dell’azione amministrativa e di governo, hanno avvertito l’esigenza civica di offrire il loro contributo.

Il Movimento Pugliese – Ambiente Club non è collocabile attraverso le tradizionali categorie politiche di destra, sinistra e centro, ma sfugge volontariamente ad esse perché la sua nascita e la sua tensione hanno presupposti e finalità diversi dagli attuali scenari; se proprio si volesse definirlo si potrebbe senza errori affermare che è un movimento conservatore nei valori, ma progressista nei metodi». Il Movimento non nasce espressamente con l’obiettivo della partecipazione elettorale attraverso liste ma non esclude la possibilità di poter scendere direttamente in campo laddove i rappresentanti territoriali del Movimento dovessero individuare opportunità di sostegno ad esperienze civiche che possano ritenersi in linea con il movimento stesso. «E’ il caso di Andria – scrivono i referenti politici - Il Movimento Pugliese Ambiente Club ha deciso di sollecitare apertamente la candidatura a sindaco di Nino Marmo, in ciò unendosi all’invito, già proveniente da larga parte della cittadinanza, ad occuparsi della “sua” città, al di fuori di ogni “lottizzazione” della geografia politica esercitata dagli attuali partiti sulla testa e, spesso, sulla pelle dei cittadini. L’esempio di Andria è un’ottima occasione per sostenere l’idea che al servizio della collettività occorra proporre sempre e comunque uomini adeguati.

La consolidata esperienza politica ad ogni livello e le provate capacità amministrative di Nino Marmo non consentono ad oggi di ritenere che per Andria ci possa essere una scelta più logica. E’ ora che i partiti e le coalizioni individuino nuovi meccanismi di scelta dei candidati, rinunciando alla “lottizzazione geografica” e valorizzando di più le persone, i territori».

FI: «RITIRI CANDIDATURA» - «Nino Marmo ci ripensi»: il commissario regionale di Forza Italia, Mauro D’Attis e il vice commissario, Dario Damiani, chiedono al capogruppo di Fi in Consiglio regionale pugliese di ritirare la sua candidatura a sindaco di Andria annunciata oggi in conferenza stampa. Marmo si candida con il sostegno di quattro liste civiche e senza il simbolo di Forza Italia che ha deciso di rispettare il patto siglato a livello nazionale tra i leader dei partiti di centrodestra. Secondo gli accordi, la scelta del candidato sindaco ad Andria della coalizione spetta alla Lega, che ha già scelto Antonio Scamarcio.

«Forza Italia - spiegano D’Attis e Damiani - ribadisce la sua collocazione all’interno della coalizione di centrodestra, a livello sia nazionale che locale, nel pieno rispetto degli accordi con le altre forze sanciti a Roma ma anche nel corso della recente presentazione a Bari del candidato alla presidenza della Regione Puglia, Raffaele Fitto. Tali intese prevedono per la città capoluogo di provincia di Andria l’indicazione del candidato sindaco espresso dalla Lega. Pertanto, tenendo fede ai patti, invitiamo il consigliere Nino Marmo a riconsiderare la sua decisione di candidarsi alle prossime amministrative comunali con una propria lista civica, affinché la sua esperienza possa restare al servizio del futuro gruppo consiliare regionale con un incarico di alto profilo. Il centrodestra per Forza Italia resta unito e fedele agli accordi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie