Venerdì 19 Aprile 2019 | 04:17

NEWS DALLA SEZIONE

Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 
I controlli
Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

 
La tragedia nel 2016
Scontro treni Ferrotramviaria, oggi via al processo a Trani: 18 imputati

Scontro treni Andria, via al processo a Trani: 19 imputati
«Regione sia responsabile civile»

 
Il punto
«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

 

Il Biancorosso

LE ULTIME NOTIZIE
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVerso le europee
«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

Lollobrigida:«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

 
PotenzaLa curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: aggrediti 3 calciatori del Taranto

 
LecceNel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
BrindisiOperazione dei cc
Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

 
FoggiaCriminalità
Tentata estorsione a imprenditori agricoli nel Foggiano: arrestati padre e figlio

Tentata estorsione a imprenditori agricoli: arrestati padre e figlio

 
BatAl secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
MateraLa statistica
Turismo in Basilicata, cresce solo nel Materano : al Potentino vanno le briciole

Turismo in Basilicata, cresce nel Materano: al Potentino le briciole

 

Sulla Andria-Corato

Scontro treni, nuovi documenti
sul disastro di Ferrotramviaria

Nel 2007 chiesti fondi al Ministero per ammodernare il tratto

scontro tra treni

Già dal 2007 sia la Ferrotramviaria Spa che la Regione Puglia avrebbero sollecitato il Ministero dei Trasporti a provvedere allo stanziamento di provvidenze per ammodernare e render più sicuro il tratto della vecchia “Bari Nord” dove il 12 luglio 2016 lo scontro tra 2 treni - controllati dal vecchio ed «umano» sistema del blocco telefonico - provocò 23 morti e 51 feriti sul binario unico che collegava Andria a Corato.
E’ il dato che emerge, stando a quanto ritengono alcuni avvocati, dall’esame dei nuovi 37 documenti che alla prima udienza del 16 luglio i pubblici ministeri Alessandro Pesce e Marcello Catalano chiesero, ed ottennero, di poter far confluire nel già voluminoso fascicolo al vaglio del giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Trani Angela Schiralli, chiamato a pronunciarsi sulle 19 richieste di rinvio a giudizio.
Documenti “nuovi”, depositati nel fascicolo durante la pausa estiva, giacchè ulteriori rispetto a quelli che i difensori degli imputati avevano rinvenuto nel fascicolo dopo la formale chiusura della fase delle indagini preliminari.
Si tratta di atti posti a disposizione dal Ministero dei Trasporti, ritenuti dalla Procura della Repubblica di Trani ulteriore potenziamento alle accuse mosse alle figure apicali coinvolte nell’inchiesta.
Il procedimento penale dovrà poi anche coniugare quanto emerge dai documenti con l’accusa, già mossa con la richiesta di rinvio a giudizio, che ipotizza anche la presunta cattiva gestione dei fondi. Capire, in pratica, se, quando e quanto stanziato e se, quando e quanto impiegato per i relativi lavori di ammodernamento e messa in sicurezza del tratto ferroviario. Profili diversi e paralleli rispetto alle condotte (comprese presunte falsificazioni dei registri relativi al cosiddetto “Via Libera”) contestate ai capistazione di Andria e Corato.
Il 16 luglio, in apertura di udienza preliminare, il gup Schiralli accertò la regolarità delle notifiche della richiesta di rinvio a giudizio dei 19 imputati accusati a vario titolo per lo scontro frontale fra i treni locali “ET1016”, marciante da Corato verso Andria, ed “ET1021”, viaggiante in direzione opposta.
L’incidente avvenne, alle 11 al Km 51, nel territorio di Trani, in prossimità di una curva subdola, che evidentemente non consentì ai macchinisti nemmeno di tentare la frenata. Le prime indagini accertarono, tra l’altro, che la velocità dei convogli era di 92 e 100km/h.
Tra i 4 ferrovieri a bordo dei convogli si salvò, rimanendo ferito, il capotreno del convoglio proveniente da Andria. La tragedia contò altre 20 vittime, fra studenti, lavoratori, vacanzieri e persone che viaggiavano per commesse varie.
Oltre ai parenti delle vittime ed ai feriti, nell’udienza del 16 luglio hanno chiesto di costituirsi parte civile la Regione Puglia, i comuni di Andria, Corato e Ruvo (che hanno contato vittime, oltre al danno all’immagine), 4 associazioni di consumatori (tra cui il Codacons), 3 associazioni animaliste-ambientaliste e l’Anmil, associazione invalidi e vittime del lavoro. Nell’udienza di stamattina è prevista la discussione sulla loro ammissibilità: spazio cioè alle eccezioni delle difese degli imputati. Previste numerose, soprattutto per le richieste di costituzione delle associazioni, come anticipa l’avvocato Leonardo Iannone.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400