Lunedì 27 Maggio 2019 | 13:18

NEWS DALLA SEZIONE

In piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
Nella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 
La sentenza
Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

 
La decisione
Barletta, villette abusive: dissequestro e proprietari assolti

Barletta, villette abusive: dissequestro e proprietari assolti

 
La sentenza
Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

 
La bomba
Barletta, paura per ordigno bellico in mare

Barletta, paura per ordigno bellico in mare

 
Dopo la scossa
Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

 
Sanità
Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

 
Sanità
Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

 
L'indagine
Arresto Giancaspro, legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

Bancarotta, l'ex patron del Bari Giancaspro interrogato per 6 ore
Legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraDalla Polizia
Matera, estorce soldi a professionista o lo aggredisce: 50enne arrestato e scarcerato

Matera, estorce soldi a professionista o lo aggredisce: 50enne arrestato e scarcerato

 
PotenzaNo all'archiviazione
Tempa rossa, il mistero del suicidio dell'ex generale: riaperto il caso

Tempa rossa, il mistero del suicidio dell'ex generale: riaperto il caso

 
BariOperazione della Polizia
Bari, 12 chili di marijuana in scatole per elettrodomestici; in cella albanese

Bari, 12 chili di marijuana in scatole per elettrodomestici; in cella albanese

 
TarantoMaltrattamenti
Ginosa, botte e ingiurie alla convivente: in carcere un 25enne

Ginosa, botte e ingiurie alla convivente: in carcere un 25enne

 
FoggiaI dati
Europee, nei paesi foggiani del Premier Conte vince il M5S

Foggia, M5S vince nei paesi del Premier. Lega, effetto vacanze di Salvini

 
LecceIl caso in Salento
Novoli, sbagliano il nome del candidato sindaco: sulla scheda un "De" in più

Novoli, sbagliato il nome del candidato sindaco sulla scheda: un «De» in più

 
BatIn piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
BrindisiMala sanità
«Ceglie Messapica, cala il silenzio sull'ospedale»

Ceglie Messapica, fisiatra in aspettativa: niente riabilitazione dopo incidente

 

i più letti

Il processo

Barletta, feto soffocato
dal cordone: tutti assolti

La sentenza su un fatto del 2009 scagiona tre medici dell'ospedale Dimiccoli

Barletta, feto soffocatodal cordone: tutti assolti

L'ospedale Dimiccoli

TRANI - Nessun colpevole tra medici ed ostetriche dell’ospedale “Dimiccoli” di Barletta accusati per la morte del feto di una bimba, estratto dal grembo della madre barlettana il 18 dicembre 2009. La donna, allora 30enne, partorì la bimba già priva di vita perché strozzata dal cordone ombelicale. I primi risultati dell’autopsia (che fu eseguita dal medico legale Vito Romano, dell’ospedale Miulli di Acquaviva delle Fonti, e dal ginecologo barese Michele Attolico) indussero ad ipotizzare un’asfissia per soffocamento.

Un parto drammatico avvenuto cavallo dell’avvicendamento del turno di due ginecologi del reparto ostetricia-ginecologia.
L’accusa di omicidio colposo era stata contestata a cinque imputati: un medico di guardia, due colleghi in servizio al reparto e due ostetriche. Due dei cinque imputati - un medico ed un’ostetrica - erano stati già scagionati dalle rispettive accusa dal giudice dell’udienza preliminare. Ora giunge l’assoluzione per gli altri tre imputati che erano, invece, a dibattimento.

Il Tribunale di Trani ha assolto dall’accusa di omicidio colposo i dottori Giuseppe Capuano (difeso dall’avvocato Giuseppe Cioce) e Michele Scardigno (medico di guardia dello stesso reparto, difeso dall’avvocato Ruggiero Sfrecola) nonché l’ostetrica Maria Modugno (difesa dall’avvocato Michele Quinto) “perché il fatto non sussiste”.

Con al stessa formula il collegio tranese (presidente Marina Chiddo) ha assolto il dr.Scardigno dall’ulteriore accusa di omissione di atti d’ufficio.

Tra novanta giorni il deposito delle motivazioni della sentenza di primo grado, che, dunque esclude qualsiasi responsabilità contestata ai sanitari del nosocomio barlettano.

“L’istruttoria dibattimentale celebrata attraverso l’audizione di testimoni e consulenti, tra i quali il professor Arduini e la dottoressa Ditommaso, noti medici a livello nazionale specializzati in cardiotocografia – afferma l’avvocato Ruggiero Sfrecola – ha accertato l’insussistenza dei reati contestati agli imputati”.

In sede di udienza preliminare furono scagionati dall’accusa di omicidio colposo - formulata con la richiesta di rinvio a giudizio in cui sfociarono le indagini dell’ex pubblico ministero tranese Giuseppe Maralfa – un’altra ostetrica, Domenica Corrado, ed un altro medico del reparto ostetricia-ginecologia Pasquale Di Michele.

Nel procedimento penale erano costituiti parte civile i genitori della sfortunata piccola. Nell’ambito dell’udienza preliminare, la compagnia di assicurazione dell’Asl Bat risarcì la coppia, che, conseguentemente, revocò la costituzione di parte civile. Assente, dunque, nel processo celebrato a carico degli altri tre imputati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400