Giovedì 18 Aprile 2019 | 22:25

NEWS DALLA SEZIONE

Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 
I controlli
Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

 
La tragedia nel 2016
Scontro treni Ferrotramviaria, oggi via al processo a Trani: 18 imputati

Scontro treni Andria, via al processo a Trani: 19 imputati
«Regione sia responsabile civile»

 
Il punto
«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

 

Il Biancorosso

LE ULTIME NOTIZIE
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVerso le europee
«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

Lollobrigida:«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

 
PotenzaLa curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: aggrediti 3 calciatori del Taranto

 
LecceNel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
BrindisiOperazione dei cc
Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

 
FoggiaCriminalità
Tentata estorsione a imprenditori agricoli nel Foggiano: arrestati padre e figlio

Tentata estorsione a imprenditori agricoli: arrestati padre e figlio

 
BatAl secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
MateraLa statistica
Turismo in Basilicata, cresce solo nel Materano : al Potentino vanno le briciole

Turismo in Basilicata, cresce nel Materano: al Potentino le briciole

 

Il processo

Barletta, feto soffocato
dal cordone: tutti assolti

La sentenza su un fatto del 2009 scagiona tre medici dell'ospedale Dimiccoli

Barletta, feto soffocatodal cordone: tutti assolti

L'ospedale Dimiccoli

TRANI - Nessun colpevole tra medici ed ostetriche dell’ospedale “Dimiccoli” di Barletta accusati per la morte del feto di una bimba, estratto dal grembo della madre barlettana il 18 dicembre 2009. La donna, allora 30enne, partorì la bimba già priva di vita perché strozzata dal cordone ombelicale. I primi risultati dell’autopsia (che fu eseguita dal medico legale Vito Romano, dell’ospedale Miulli di Acquaviva delle Fonti, e dal ginecologo barese Michele Attolico) indussero ad ipotizzare un’asfissia per soffocamento.

Un parto drammatico avvenuto cavallo dell’avvicendamento del turno di due ginecologi del reparto ostetricia-ginecologia.
L’accusa di omicidio colposo era stata contestata a cinque imputati: un medico di guardia, due colleghi in servizio al reparto e due ostetriche. Due dei cinque imputati - un medico ed un’ostetrica - erano stati già scagionati dalle rispettive accusa dal giudice dell’udienza preliminare. Ora giunge l’assoluzione per gli altri tre imputati che erano, invece, a dibattimento.

Il Tribunale di Trani ha assolto dall’accusa di omicidio colposo i dottori Giuseppe Capuano (difeso dall’avvocato Giuseppe Cioce) e Michele Scardigno (medico di guardia dello stesso reparto, difeso dall’avvocato Ruggiero Sfrecola) nonché l’ostetrica Maria Modugno (difesa dall’avvocato Michele Quinto) “perché il fatto non sussiste”.

Con al stessa formula il collegio tranese (presidente Marina Chiddo) ha assolto il dr.Scardigno dall’ulteriore accusa di omissione di atti d’ufficio.

Tra novanta giorni il deposito delle motivazioni della sentenza di primo grado, che, dunque esclude qualsiasi responsabilità contestata ai sanitari del nosocomio barlettano.

“L’istruttoria dibattimentale celebrata attraverso l’audizione di testimoni e consulenti, tra i quali il professor Arduini e la dottoressa Ditommaso, noti medici a livello nazionale specializzati in cardiotocografia – afferma l’avvocato Ruggiero Sfrecola – ha accertato l’insussistenza dei reati contestati agli imputati”.

In sede di udienza preliminare furono scagionati dall’accusa di omicidio colposo - formulata con la richiesta di rinvio a giudizio in cui sfociarono le indagini dell’ex pubblico ministero tranese Giuseppe Maralfa – un’altra ostetrica, Domenica Corrado, ed un altro medico del reparto ostetricia-ginecologia Pasquale Di Michele.

Nel procedimento penale erano costituiti parte civile i genitori della sfortunata piccola. Nell’ambito dell’udienza preliminare, la compagnia di assicurazione dell’Asl Bat risarcì la coppia, che, conseguentemente, revocò la costituzione di parte civile. Assente, dunque, nel processo celebrato a carico degli altri tre imputati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400