Sabato 16 Gennaio 2021 | 00:23

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 
Potenzala «trovata»
Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

 
Barila scorsa notte
Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
Bari
Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

 
LecceNel Leccese
Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

 
BrindisiIl caso
Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

 

i più letti

Scanzano, «Holding criminali dietro l'angolo»

«Attenti, nella crisi le mafie stanno diventando più forti». L’allarme è stato lanciato da Vera Lamonica, responsabile del settore Mezzogiorno della Cgil, nel corso del convegno su “Legalità, sviluppo, diritti nel Metapontino”. «Mentre, infatti, c’è un deficit di liquidità delle imprese e soffrono le famiglie – ha spiegato Lamonica - le holding criminali hanno capitali immensi da immettere sul mercato. E la gente è diventata più ricattabile per la disoccupazione»
Scanzano, «Holding criminali dietro l'angolo»
SCANZANO JONICO - “Attenti, nella crisi le mafie stanno diventando più forti”. L’allarme è stato lanciato da Vera Lamonica, responsabile del settore Mezzogiorno della Cgil, nel corso del convegno su “Legalità, sviluppo, diritti nel Metapontino”. “Mentre, infatti, c’è un deficit di liquidità delle imprese e soffrono le famiglie – ha spiegato Lamonica - le holding criminali hanno capitali immensi da immettere sul mercato. E la gente è diventata più ricattabile per la disoccupazione. Ma il Metapontino, al di là dei suoi problemi specifici, non è una delle aree devastate del Sud. Questa è una realtà che corre dei rischi ma che ha delle potenzialità importanti di sviluppo”. 

Un concetto sviluppato da molti degli intervenuti nel dibattito. Nessuno ha nascosto i problemi di questo territorio (incendi di attività produttive senza che siano sta individuati i responsabili, ipotesi di interessamento nucleare di Scanzano Ionico e Rotondella, “caso” delle navi con carichi radioattivi o tossici che sarebbero state affondate nello Ionio, blocco del complesso Marinagri, mancato rispetto dei contratti da parte di alcuni datori di lavoro) ma neanche sono state sottaciute le sue possibilità. 

“Qui ritroviamo – ha detto Manuela Taratufolo, segretaria provinciale Cgil – tutte le potenzialità per rilanciare l’economia. C’è la risposta verde (eolico, solare), bianca (ricerca all’Enea di Rotondella, all’Agrobios ed a Pantanello), rossa (la voglia di lavoro dei giovani e dei disoccupati). Qui ci sono le risposte alla crisi di un Mezzogiorno dimenticato dal Governo nazionale”. 

Agricoltura, turismo, servizi, le carte individuate per lo sviluppo. Ma, occorre risolvere le criticità presenti. Taratufolo: “Noi coniughiamo il fronte della legalità con quello dello sviluppo e dei diritti. Solidarizziamo con gli imprenditori attaccati dagli incendiari: guai a dare albergo a fatti di questo tipo. Abbiamo fiducia nelle forze dell’ordine affinché riescano a dare un volto ai responsabili. Così, diciamo no al nucleare nel Metapontino come nel 2003. All’Enea chiediamo una ricerca applicata alle potenzialità del territorio e non nel settore atomico. Per Marinagri auspichiamo che la magistratura faccia chiarezza e, nel caso, sblocchi un’attività che può fare economia”. Proposte che la Cgil ha affidato alle istituzioni (presente a Scanzano J. il vicepresidente della Giunta regionale, Vincenzo Santochirico) avvertendo che non demorderà dalla realizzazione delle sue rivendicazioni e proposizioni. [fi.me.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie